asilanti-e-identita-ok-al-controllo-di-cellulari-e-tablet
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Secondo miliardo di coesione, il Nazionale discuterà giovedì

Il Parlamento vuole accelerare la discussione, che sarà trattata nel corso di una seduta ‘open end’
Svizzera
11 ore

‘Matrimonio per tutti’, divario fra centro e periferie

Tutti i cantoni hanno approvato l’oggetto in votazione, con differenze tra regioni per le quali non sarebbe estraneo il ruolo delle chiese
Svizzera
12 ore

No comment del Consiglio federale sul ‘caso Maurer’

Il presidente della Confederazione Parmelin, rispondendo all’interrogazione del Ps, ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del consigliere federale
Svizzera
12 ore

Matrimonio per tutti, felicitazioni dall’Alto commissariato Onu

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) accoglie positivamente il “sì” degli svizzeri tramite un tweet odierno
Svizzera
13 ore

Plr svizzero, lasciano due dirigenti del partito

Hanno rassegnato le dimissioni dall’incarico la segretaria generale Fanny Noghero e il responsabile della campagna elettorale Damian Müller
Svizzera
13 ore

Imposizione individuale, tre modelli nel rapporto del governo

Con la tassazione individuale redditi e patrimoni di ciascun adulto sono tassati singolarmente e l’imposta non deriva dal reddito complessivo di una comunione
Svizzera
14 ore

Credit Suisse aumenta il congedo parentale a 26 settimane

Per l’altra persona che si occupa dei figli, oltre a quella che li accudisce principalmente, il congedo sarà di 6 settimane e non più 12 giorni lavorativi
Svizzera
14 ore

In Svizzera 3’096 contagi in 72 ore. Netto calo dei ricoveri

Il tasso di riproduzione del virus registra un’ulteriore discesa fermandosi a 0,74. Più che dimezzate le ospedalizzazioni rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
15.09.2021 - 09:320

Asilanti e identità, ok al controllo di cellulari e tablet

Anche il Consiglio degli Stati approva la revisione di legge che consente di accedere ai dispositivi dei richiedenti asilo senza documenti o che non cooperano

Determinare l’identità di un richiedente asilo, senza documenti o che non coopera, giustifica un’intrusione, sebbene regolata e quale “ultima ratio”, nella sua sfera privata.

In casi specifici, insomma, dev’essere possibile accedere al suo cellulare, computer o tablet, come prevede una revisione di legge approvata oggi anche dal Consiglio degli Stati, al termine di un esame velocissimo del dossier, per 30 voti a 12. Il dossier è pronto per le votazioni finali.

La ricerca di dati nei cellulari o altri supporti deve avvenire col benestare del diretto interessato. Dovrebbe consentire di determinare l’identità della persona in questione, il Paese di provenienza e l’itinerario seguito per raggiungere la Svizzera.

Una minoranza di sinistra si è dissociata da una revisione che giudica sproporzionata e costosa. Ritiene anche poco efficace una simile possibilità concessa alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM).

La revisione della Legge sull’asilo adottata realizza un’iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Gregor Rutz (UDC/ZH), ispiratosi a una prassi in uso in Germania, ha ricordato a nome della commissione Marco Chiesa (UDC/TI).

La proposta, sostenuta anche dal Consiglio federale, è stata combattuta da una minoranza di sinistra che ha tentato anche la carta della non entrata nel merito, venendo però agevolmente superata da un emiciclo convinto della giustezza della revisione.

Come ricordato, l’analisi di cellulari e altri supporti può solo avvenire col consenso del diretto interessato. Ciò vale anche quando un richiedente asilo ha ottenuto una risposta negativa e deve venir allontanato dal Paese. Il plenum desidera anche che le autorità considerino ogni caso individualmente, tenendo conto del principio di necessità e proporzionalità, prima di far capo a questa procedura.

Le revisione di legge consente anche di controllare i dati personali di terzi qualora l’esame delle informazioni nel cellulare del diretto interessato abbiano dato esito negativo. Per le camere, in questo modo dovrebbe essere possibile, ricavare informazioni utili dalle persone che hanno accompagnato il richiedente nel suo viaggio, o su eventuali passatori. I dati raccolti potranno essere conservati per un anno.

Prima dell’esame particolareggiato della revisione, Hans Stöckli (PS/BE) ha criticato una revisione che s’intromette pesantemente nei diritti fondamentali delle persone e che non rispetterebbe sufficientemente i requisiti legali in materia di protezione dei dati.

Per la maggioranza, invece, i richiedenti asilo, come dice la legge attuale, hanno l’obbligo di cooperare con le autorità per determinare le ragioni della loro domanda e fare luce su chi sono e da dove vengono.

Solo così è possibile decidere con cognizione di causa se la persona in questione sia degna o meno di ottenere protezione. In caso contrario rischia di venir meno anche l’accettazione nella popolazione del diritto di asilo. Oggi l’80% dei richiedenti non dichiara la propria identità oppure non dispone di documenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved