verso-il-si-al-matrimonio-per-tutti-iniziativa-99-in-minoranza
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Secondo miliardo di coesione, il Nazionale discuterà giovedì

Il Parlamento vuole accelerare la discussione, che sarà trattata nel corso di una seduta ‘open end’
Svizzera
10 ore

‘Matrimonio per tutti’, divario fra centro e periferie

Tutti i cantoni hanno approvato l’oggetto in votazione, con differenze tra regioni per le quali non sarebbe estraneo il ruolo delle chiese
Svizzera
11 ore

No comment del Consiglio federale sul ‘caso Maurer’

Il presidente della Confederazione Parmelin, rispondendo all’interrogazione del Ps, ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del consigliere federale
Svizzera
12 ore

Matrimonio per tutti, felicitazioni dall’Alto commissariato Onu

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) accoglie positivamente il “sì” degli svizzeri tramite un tweet odierno
Svizzera
12 ore

Plr svizzero, lasciano due dirigenti del partito

Hanno rassegnato le dimissioni dall’incarico la segretaria generale Fanny Noghero e il responsabile della campagna elettorale Damian Müller
Svizzera
13 ore

Imposizione individuale, tre modelli nel rapporto del governo

Con la tassazione individuale redditi e patrimoni di ciascun adulto sono tassati singolarmente e l’imposta non deriva dal reddito complessivo di una comunione
Svizzera
13 ore

Credit Suisse aumenta il congedo parentale a 26 settimane

Per l’altra persona che si occupa dei figli, oltre a quella che li accudisce principalmente, il congedo sarà di 6 settimane e non più 12 giorni lavorativi
Svizzera
14 ore

In Svizzera 3’096 contagi in 72 ore. Netto calo dei ricoveri

Il tasso di riproduzione del virus registra un’ulteriore discesa fermandosi a 0,74. Più che dimezzate le ospedalizzazioni rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
15 ore

Il Covid ha tagliato la speranza di vita come non si vedeva dal ’45

Una ricerca dell’Università di Oxford su dati di 29 Paesi soprattutto in Europa e Stati Uniti svela che sono stati spazzati via anni di progressi sulla mortalità
Svizzera
16 ore

Legge Covid, con il No a rischio aiuti alle imprese e viaggi

In caso di bocciatura delle modifiche apportate alla legge a marzo verrebbero meno l’estensione degli aiuti finanziari e le basi legali per il certificato Covid
Svizzera
18 ore

In Svizzera complottismo e razzismo vanno a braccetto

È quanto osserva la Commissione federale contro il razzismo (Cfr). Le teorie del complotto e le fake news trasmettono stereotipi e pregiudizi contro le comunità
Svizzera
15.09.2021 - 07:380
Aggiornamento : 17:20

Verso il Sì al matrimonio per tutti, iniziativa 99% in minoranza

Secondo due sondaggi il 63% degli svizzeri voterebbe in favore della modifica del codice civile, il 57% contro la maggior tassazione del reddito da capitale

In base agli ultimi sondaggi di SSR e 20 Minuti/Tamedia si delinea un chiaro “sì” al “Matrimonio per tutti” e un “no” altrettanto chiaro contro la cosiddetta “iniziativa 99%” alle votazioni federali del 26 settembre.

Stando al secondo sondaggio della Società svizzera di radiotelevisione (SSR) e dell’istituto gfs.bern, se si fosse votato già il 5 settembre la revisione del Codice civile denominata “matrimonio civile per tutti” avrebbe ottenuto il 63% dei consensi. Il 35% degli interrogati si è invece detto contrario al testo e il 2% indeciso. Nel primo sondaggio di agosto il 69% degli intervistati avrebbe votato a favore, il 29% contro e il 2% si era detto indeciso.

Anche il terzo sondaggio di 20 Minuti/Tamedia, svolto tra il 9 e il 10 settembre, giunge a risultati simili: il 67% degli intervistati voterà “sì” al “Matrimonio per tutti”, mentre il 32% si pronuncerà contro e l’1% è ancora indeciso.

Ticinesi più scettici

L’opposizione al “Matrimonio per tutti” è cresciuta, secondo gfs.bern, tra i votanti di centro e di destra. Chi non è legato a un partito è in gran parte favorevole. Tutte le basi seguono in maggioranza le indicazioni dei vertici dei loro partiti anche se nel caso di PLR e Alleanza del centro questa tendenza è meno evidente che in altri elettorati.

Secondo il sondaggio SSR, i contrari sono più numerosi nella Svizzera italiana (ma il testo ottiene comunque il sostegno della maggioranza) rispetto alle altre due regioni linguistiche. E l’approvazione è maggiore nelle aree urbane che negli agglomerati medi e piccoli e nelle zone rurali.

Stando al terzo sondaggio di 20 Minuti/Tamedia, le donne sostengono in maniera più decisa la modifica del Codice civile rispetto agli uomini e i giovani rispetto alle fasce d’età più anziane. Sul piano degli argomenti, la metà dei favorevoli al “Matrimonio per tutti” afferma che con la sua approvazione si porrebbe fine a una disparità di trattamento tra omosessuali ed eterosessuali.

Iniziativa 99%

Per quanto riguarda il secondo oggetto in votazione, le posizioni sembrano altrettanto chiare. Se l’iniziativa popolare “Sgravare i salari, tassare equamente il capitale” fosse stata sottoposta agli elettori il 5 settembre scorso, il 57% l’avrebbe respinta, mentre il 37% l’avrebbe accolta, stando a gfs-bern.

Al momento dell’indagine circa il 6% delle persone che si recheranno alle urne il 26 settembre risultavano indecise. Tra queste una leggera maggioranza si mostrava comunque critica nei confronti dell’iniziativa.

Dal sondaggio "20 Minuti/Tamedia emerge una tendenza ancor più netta contro l’iniziativa lanciata dalla Gioventù socialista. Il 63% la boccerebbe, il 34% la sosterrebbe, mentre il 3% risulta ancora indeciso.

Polarizzazione sinistra-destra

Senza sorprese, i simpatizzanti dei partiti di sinistra continuano a sostenere a larga maggioranza l’iniziativa, stando al sondaggio SSR. Dal canto loro, gli elettori degli altri partiti la bocciano con una maggioranza altrettanto forte. Il che dimostra una forte polarizzazione dell’elettorato su questo tema.

Da notare inoltre che tra i simpatizzanti dei Verdi liberali, i rapporti di maggioranza sono cambiati in un mese, passando da una tendenza, seppur di misura, verso il “sì” a un “no” netto. Tra gli elettori dell’Alleanza del Centro, del PLR e dell’UDC il “no” la spunta chiaramente.

Oltre a una polarizzazione sinistra/destra si assiste a una polarizzazione tra città e campagne: nei grandi agglomerati urbani l’iniziativa riscontra infatti maggiori simpatie rispetto ai piccoli agglomerati e ai villaggi rurali, dove il “no” è più marcato.

Il sondaggio SSR ha un margine d’errore di ± 2,8 punti percentuali. Per quanto riguarda il terzo sondaggio 20 Minuti/Tamedia il margine d’errore si situa a 1,2 punti percentuali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved