ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
22 min

Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo

L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
44 min

Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’

In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
1 ora

Ricardo sfonda la soglia dei 1,6 milioni di utenti attivi

Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999 il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
2 ore

I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset

Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
Svizzera
3 ore

‘L’assunzione e la formazione di ucraini va incoraggiata’

Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
6 ore

Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada

Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
19 ore

Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale

Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
23 ore

Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica

Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
1 gior

Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr

Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
1 gior

I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese

Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
1 gior

Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano

A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
14.09.2021 - 14:25
Aggiornamento: 15:25

Espulsione degli stranieri, test Covid anche senza consenso

Il Nazionale approva la modifica legislativa con 119 voti a 65. Per la sinistra è una violazione dell’integrità fisica. Il dossier passa agli Stati.

Ats, a cura de laRegione
espulsione-degli-stranieri-test-covid-anche-senza-consenso
Keystone

Nonostante l’opposizione del campo rosso-verde, che ha parlato di violazione della libertà individuale e di tortura, gli stranieri colpiti da decreto di espulsione vanno testati contro il Covid-19 anche contro la loro volontà, se necessario, onde facilitarne l’allontanamento.

Lo prevede una modifica legislativa approvata oggi dal Consiglio nazionale per 119 voti a 65. Qualora anche gli Stati dovessero approvare questa modifica alla legge sugli stranieri e l’integrazione nel corso di questa sessione, le nuove disposizioni potrebbero entrare in vigore immediatamente. I due rami del parlamento sono infatti chiamati ad approvare la clausola d’urgenza, contro la quale la sinistra oggi nel plenum si è opposta vanamente.

Test necessario per allontanamento

Il perché di questa modifica, per i fautori della revisione promossa dal Consiglio federale è presto detto: visto il crescente numero di persone che si rifiutano di sottoporsi a un test, è necessario intervenire allo scopo di garantire l’esecuzione dei rinvii e una politica d’asilo coerente.

Numerosi paesi pretendono infatti un test Covid-19 negativo per riammettere le persone allontanate dalla Svizzera sia perché la loro domanda di asilo è stata respinta, sia quale conseguenza di una condanna. Per la maggioranza, l’esecuzione di tale test, anche contro la volontà del soggetto interessato, rientra nell’obbligo di collaborare e deve quindi anche poter essere pretesa.

Per diversi oratori favorevoli alle maniere forti, quando necessario, è un oltraggio il fatto che vi siano persone che rifiutano il test, mentre la popolazione è obbligata a esibire un certificato Covid per andare al ristorante. Si tratta di far rispettare lo stato di diritto, tanto più che la legge prevede che i test potranno essere svolti solo da personale formato apposta e se non vi è il rischio di ferire la persona interessata.

Nel suo intervento, la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha difeso la revisione, accennando anche ai problemi di spazio denunciati dai Cantoni nelle strutture destinate alle persone in attesa di espulsione, problemi dovuti al fatto che diverse persone non sono state allontanate proprio perché non si sono fatte testare.

Una riforma sproporzionata

Il campo rosso-verde considera invece un’esecuzione coercitiva del test una violazione sproporzionata della libertà personale e dell’integrità fisica, in contraddizione con la tradizione umanitaria della Svizzera. La revisione è anche discriminante, poiché finora in Svizzera nessuno è obbligato a farsi testare contro il coronavirus.

Per la consigliera nazionale Greta Gysin (Verdi/TI), la modifica legislativa è inutile, poiché riguarda in fondo una manciata di persone – una cinquantina a maggio – a fronte delle migliaia di allontanamenti effettuati ogni anno. Oltre a ciò, viola la libertà individuale, è sproporzionata, e crea oltretutto un grave conflitto di coscienza al personale chiamato a eseguire simili test contro la volontà dell’interessato, visto che chi si oppone dovrà essere per forza legato, con tutti i rischi connessi del caso. Per la deputata ecologista, la Svizzera non dovrebbe tradire i propri principi, infliggendo trattamenti degradanti, per un problema tutto sommato marginale.

Ma nonostante l’accorato appello, il plenum ha deciso di seguire le argomentazioni della propria commissione e del governo respingendo sia la richiesta di non entrata nel merito di Ps e Verdi, sia la proposta di minoranza di Angelo Barrile (Ps/Zh) che voleva condizionare l’esecuzione di un test naso-faringeo al consenso esplicito della persona interessata. No anche alla proposta di sottoporre la legge emendata al referendum facoltativo, aggirando in questo modo la volontà del governo di dichiararla urgente per farla entrare in vigore immediatamente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved