matrimonio-per-tutti-lo-zombi-fa-paura-ai-bambini
foto tratta da mattinonline.ch
L'infelice manifesto
10.09.2021 - 18:51

Matrimonio per tutti, ‘lo zombi fa paura ai bambini’

Un Comune vallesano e uno lucernese hanno ricoperto o rimosso il manifesto degli oppositori (che raffigurerebbe la morte della figura paterna)

A causa di uno zombi, i manifesti degli oppositori al “Matrimonio per tutti”, oggetto in votazione il prossimo 26 settembre, stanno spaventando dei bambini. Le autorità di due Comuni, uno vallesano e uno lucernese, hanno reagito ricoprendo o rimuovendo i cartelloni.

Stamane un manifesto, collocato all'ingresso del parcheggio di una scuola elementare di Vétroz (Vs), ha suscitato le paure degli allievi. «Gli insegnanti hanno riferito che taluni bambini ne erano rimasti scioccati», ha dichiarato oggi all'agenzia Keystone-Ats il direttore della scuola vallesana Pascal Genoud.

Lo zombi, raffigurato su uno sfondo nero con la scritta “Enfants avec un mort” (“Bambini con un morto”), può terrorizzare taluni scolari che hanno un'età compresa tra i 4 e i 10 anni. «Ho contattato la società che ha affisso il cartellone e mi ha detto che lo ricoprirà ancora durante la giornata di oggi», ha precisato Genoud.

A Kriens il manifesto sarà rimosso

Dal canto suo, la città di Kriens, nel canton Lucerna, ha deciso di rimuovere il manifesto controverso per le stesse ragioni. “La raffigurazione è inquietante”, così hanno motivato la loro decisione le autorità comunali.

Il cartellone mostra una cupa foto di uno zombi con accanto la scritta “Kinder mit einem Toten - Ehe für alle Nein” (“Bambini con un morto - No al matrimonio per tutti”). L'immagine non è degna di uno spazio pubblico: sconvolge già gli adulti ed è completamente inadatta per dei bambini, hanno precisato le autorità cittadine. Queste ultime hanno pertanto invitato la società che ha affisso il manifesto a rimuoverlo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
contrari manifesto matrimonio per tutti votazione zombi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved