ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
26 min

Fogh Rasmussen: ‘La Svizzera non può chiamarsi fuori’

L’ex segretario generale della Nato critica la neutralità del nostro Paese nell’ambito del conflitto in Ucraina
Svizzera
58 min

Sale sul tetto di un vagone e resta folgorato: grave un 18enne

Incidente nella notte alla stazione di Gossau (Sg). Il giovane è stato trasportato all’ospedale in condizioni critiche
Svizzera
16 ore

Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
17 ore

Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
17 ore

Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli

Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
18 ore

Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto

Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
20 ore

L’imposizione individuale è stata messa in consultazione

Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
21 ore

Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera

Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
22 ore

I cyberattacchi a infrastrutture critiche andranno notificati

Il Consiglio federale intende creare un Centro nazionale per la cybersicurezza come servizio centrale per le segnalazioni di attacchi informatici
06.09.2021 - 15:55
Aggiornamento: 19:45

Fabbisogno di personale sanitario, è necessario agire

Gli sforzi per assicurare la prossima generazione di professionisti della salute non universitari stanno funzionando ma resta il divario fra domanda e offerta

Ats, a cura de laRegione
fabbisogno-di-personale-sanitario-e-necessario-agire
(Ti-Press)

Le misure adottate da Confederazione, Cantoni e dal settore sanitario per assicurare la prossima generazione di professionisti della salute non universitari stanno dando i loro frutti. È la conclusione del rapporto nazionale 2021 sui futuri bisogni di personale sanitario, il quale sottolinea tuttavia che resta la necessità di agire.

Per il periodo dal 2019 al 2029, c'è bisogno di 43'400 nuovi infermieri a livello terziario e di 27'100 nuovi infermieri e assistenti a livello secondario II, secondo l'Osservatorio svizzero della salute (Obsan).

Gli autori del rapporto suppongono che con le nuove leve disponibili "si potrà coprire il 67% (livello terziario) e l'80% (livello secondario II) della domanda". Questa previsione si basa su un ulteriore aumento del numero di attestati di formazione nelle professioni infermieristiche, dopo che l'attività di formazione è già stata intensificata negli ultimi anni.

Così, tra il 2012 e il 2019, il numero di personale infermieristico e di assistenza nelle istituzioni sanitarie è aumentato del 19%, ossia di 29'100 persone. Il maggior aumento è stato nell'ambito dello Spitex (+39%), seguito dalle case per anziani e di cura (+17%) e dagli ospedali e cliniche (+13%).

Necessità di agire resta

"Gli intensi sforzi degli ultimi anni stanno dando i loro frutti", ha dichiarato - citata nel comunicato - Anne-Geneviève Bütikofer, presidente di OdASanté e direttrice di H+ Gli Ospedali svizzeri, l'associazione degli ospedali, delle cliniche e degli istituti di cura pubblici e privati elvetici. Nonostante gli sviluppi incoraggianti e le previsioni per le qualifiche di formazione, nel settore infermieristico - sottolinea - c'è "ancora un chiaro divario tra domanda e offerta": non è quindi il momento di ritenere sufficiente quanto raggiunto, mette in guardia.

La lacuna viene attualmente colmata in larga misura da persone con diplomi stranieri. La loro quota, nel caso del personale infermieristico, è in media del 30%, con grandi differenze regionali.

"La pandemia del Covid-19 ci ha mostrato, soprattutto nei cantoni di frontiera, che questa dipendenza nasconde alcuni rischi e rende il nostro sistema sanitario vulnerabile", ha indicato da parte sua Lukas Engelberger, presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds).

Motivare il personale a restare

Pertanto, oltre a un ulteriore aumento del numero di attestati di formazione, "sono soprattutto richieste misure per mantenere il personale sanitario". Ciò significa, tra le altre cose, una migliore compatibilità tra lavoro e famiglia. Migliorie potrebbero essere realizzate anche nell'ambito del percorso professionale, dello sviluppo professionale e della promozione dei talenti.

La creazione di condizioni di lavoro favorevoli è principalmente responsabilità delle aziende, indica il rapporto. Tuttavia, i politici e le autorità sono chiamati a fornire condizioni quadro adeguate e ad assicurare risorse finanziarie sufficienti.

Per la prima volta, questo rapporto è stato redatto congiuntamente dall'Obsan, dalla Cds e dall'OdASanté, "organizzazione mantello del mondo del lavoro per il settore sanitario". È il terzo dopo quelli del 2009 e del 2016.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved