ora-basta-sindacati-contro-il-furto-delle-rendite
Keystone
Riforme sulle spalle delle donne, denunciano i sindacati
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

In azione la prima fresa nella seconda canna del Gottardo

La cosiddetta ‘fresatrice meccanica a sezione piena’ scaverà nei prossimi mesi il cunicolo di accesso verso la zona di faglia settentrionale
Svizzera
6 ore

Cancellato il Salone dell’Auto di Ginevra del 2023

Gli organizzatori motivano la decisione con le incertezze dell’economia globale e della geopolitica
Svizzera
6 ore

Locale ‘no Covid pass’ chiuso, il Cantone ha agito correttamente

Respinto dal Tribunale cantonale il ricorso dei gerenti del Walliserkanne di Zermatt, chiuso per il rifiuto di controllare il certificato Covid ai clienti
Svizzera
8 ore

I paradisi per pensionati svizzeri? Canada e Australia

La maggior parte degli svizzeri trascorre in patria la propria pensione, ma alcuni sono attratti da altri Paesi per godersi il meritato riposo
Svizzera
9 ore

Rissa fra tifosi di Young Boys e Anderlecht, feriti e danni

La lite è avvenuta davanti a un bar nella Kornhausplatz di Berna. Durante la zuffa, i mobili dell’esercizio pubblico sono stati danneggiati
Svizzera
10 ore

Bimba di 4 anni morta dopo essere caduta dal balcone

L’incidente è avvenuto stamane attorno alle 8.30 a Vernier (Ge). Vani i soccorsi: la piccola è morta sul posto
Svizzera
10 ore

Locarnese, Basilea e Vaud sotto i nubifragi

A Locarno il record di precipitazioni con 89 millimetri, in altre località del Verbano misurati 56 mm. A Basilea acqua nelle sale della Fondazione Beyeler
Svizzera
10 ore

69enne ucciso a Lauterbrunnen, arrestata la moglie

In una nota, la Polizia cantonale indica di aver ricevuto una segnalazione verso le 20.15, secondo la quale una donna aveva ferito mortalmente un uomo
Svizzera
10 ore

Trasporti pubblici quasi ai livelli pre-Covid

Il primo trimestre dell’anno ha fatto segnare un sensibile aumento dei chilometri percorsi a persone, saliti a 4,9 miliardi
03.09.2021 - 15:08
Aggiornamento: 18:06

‘Ora basta!’. Sindacati contro il ‘furto delle rendite’

Travail.Suisse e Uss demoliscono le riforme di Avs e Lpp e invitano a una manifestazione nazionale a Berna tra due settimane

Berna – La riforma dell'Avs attualmente in fase di discussione in Parlamento ha preso una piega che non piace ai sindacati, secondo i quali a farne le spese saranno soprattutto le lavoratrici. Secondo il sindacato Travail.Suisse e l'Unione sindacale svizzera (Uss), la riforma del primo pilastro, che prevede l'innalzamento dell'età pensionabile delle donne a 65 anni come gli uomini, è "un affronto", specie per la donne.

La riforma Avs21 è un progetto al ribasso, per le due organizzazioni dei lavoratori. Con le decisioni adottate finora dalle Camere le donne lavoreranno un anno in più, pagando i contributi, e cosa riceveranno in cambio? Un anno in meno di pensione. Le lavoratrici ricevono già una pensione ridotta di un terzo rispetto agli uomini. E oltre al danno anche la beffa, giacché il parlamento prevede ulteriori risparmi per 10 miliardi, indica una nota congiunta odierna.

Controverse compensazioni

Per quanto attiene alle riforme della previdenza professionale, anch'essa in discussione in Parlamento, le commissioni che si occupano del dossier prevedono un taglio delle rendite del 12% nella parte obbligatoria. I lavoratori con redditi modesti ne uscirebbero svantaggiati. Per queste persone non è previsto alcun meccanismo di compensazione.

A dividere ancora i due rami del Parlamento, per quanto riguarda la riforma dell'Avs, è il meccanismo di compensazione per quelle donne che andranno in pensione a 65 anni. La Commissione della sicurezza sociale del Consiglio degli Stati propone supplementi di rendita che vanno da 100 franchi a 240 franchi al mese, con un'attenzione particolare per i bassi salari.

Tale modello è giudicato migliore di quello proposto dal Consiglio nazionale, ma viene sempre giudicato insufficiente dai sindacati e dalla sinistra. Indiscusso invece l'aumento dell'Iva di 0,4 punti percentuali per il finanziamento dell'Avs, come anche l'aumento dell'età pensionabile per le donne.

Secondo pilastro, sarà battaglia

Anche la revisione della previdenza professionale fa venire il mal di pancia alla sinistra e ai sindacati; l'aspetto più delicato riguarda i modelli volti a compensare la riduzione dell'aliquota di conversione minima (aliquota sull'avere di vecchiaia da cui risulta la pensione che si riceverà) dal 6,8 al 6,0%.

Di recente, la Csss-N ha respinto il compromesso delle parti sociali, ripreso dal Consiglio federale, poiché a suo avviso il supplemento di rendita funzionerebbe secondo il principio dell'innaffiatoio, interferendo eccessivamente nell'autonomia degli istituti di previdenza.

Il modello della maggioranza prevede un sistema di compensazione alternativo con il quale s'intende migliorare in modo mirato la rendita degli assicurati nella parte obbligatoria Lpp. Sindacati e sinistra hanno criticato l'abbandono del compromesso e promesso battaglia fuori e dentro il Parlamento.

La commissione ha comunque anche stabilito di voler estendere i benefici della cassa pensioni a chi lavora a tempo parziale e dispone di redditi bassi: i lavoratori che percepiscono da un solo datore di lavoro un salario annuo superiore a 12'548 franchi dovrebbero essere obbligatoriamente assicurati. Inoltre è stato abbassato l'inizio del risparmio, portandolo da 25 a 20 anni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
avs pensioni rendite riforma sindacati travail.suisse unione sindacale svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved