ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Due morti a Disentis per una valanga

La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
4 ore

La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna

Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
7 ore

La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record

Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
8 ore

Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera

Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
10 ore

Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora

Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
11 ore

L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave

Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
12 ore

Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato

Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior

Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’

La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
1 gior

Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp

Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
1 gior

Il falso poliziotto non passa mai di moda. Due colpi a segno

Malfattori particolarmente attivi nelle truffe telefoniche. Anziani raggirati a Pratteln e San Gallo, per un importo complessivo di 80mila franchi
Svizzera
1 gior

Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola

Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
1 gior

Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci

Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
1 gior

Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice

Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
1 gior

Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo

Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
1 gior

Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino

Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
1 gior

Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta

Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
1 gior

Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima

Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
Svizzera
1 gior

Anno record per Tavolino magico: salvate 6’000 t di derrate

Ma l’associazione avverte: ‘C’è ancora molto da fare nella lotta allo spreco alimentare’. Beneficiari in aumento in Ticino
Svizzera
1 gior

In fuga dalla Polizia ad alta velocità fra i bambini

Spericolato inseguimento a cavallo tra i Cantoni Vaud e Friburgo. L’uomo, poi arrestato, guidava senza patente
Svizzera
1 gior

Incidente mortale su un cantiere a Winterthur

A perdere la vita è stato un operaio edile 27enne, travolto dal crollo di una trincea non protetta
Svizzera
1 gior

Migros fa spesa in farmacia: acquisita Zur Rose

Con un’offerta di 360 milioni di franchi, il gigante arancione mette le mani sulla catena turgoviese
Svizzera
2 gior

Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga

Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
2 gior

Treni fermi tra Landquart e Klosters

Fine pomeriggio di perturbazioni sulla rete ferroviaria dei Grigioni. Il guasto è stato localizzato tra Malans e Schiers
DIRITTI CIVILI
laR
 
06.09.2021 - 05:25
Aggiornamento: 07:42

Matrimonio per tutti: le ragioni di favorevoli e contrari

Il 26 settembre si vota per decidere se garantire alle coppie Lgbtq+ gli stessi diritti di quelle eterosessuali, adozione e fecondazione assistita incluse

matrimonio-per-tutti-le-ragioni-di-favorevoli-e-contrari
(Keystone)

Un atto dovuto che rimette la Svizzera al passo coi diritti riconosciuti in gran parte del mondo libero, secondo i favorevoli; il pericoloso superamento della famiglia tradizionale e un colpo inferto all’infanzia, secondo i contrari. La votazione del 26 settembre sul ‘Matrimonio per tutti’ – in risposta alle modifiche di legge sostenute dal Parlamento e dal Consiglio federale – è oggetto di un dibattito spesso aspro. Vediamo di riassumere le argomentazioni pro e contro.

Di cosa parliamo?

La modifica di legge estende il diritto di matrimonio alle coppie omosessuali, per le quali ora era prevista invece l’unione domestica registrata (introdotta nel 2007). In pratica sono tre i cambiamenti principali per le unioni dello stesso sesso: l’accesso alla naturalizzazione agevolata per un partner straniero sposato con uno svizzero, la possibilità di adottare un bambino e quella per coppie lesbiche di concepirlo tramite donazione dello sperma da parte di terzi.

Perché il referendum?

Dopo l’approvazione della modifica di legge da parte del Parlamento, tre comitati composti perlopiù da rappresentanti della destra hanno raccolto più delle 50mila firme necessarie per rimetterla in discussione alle urne. 

Cosa succede se vince il sì?

In concreto, la moglie o il marito straniero di una persona dello stesso sesso potrà accedere alla naturalizzazione agevolata, quindi ottenere la nazionalità dopo aver risieduto in Svizzera per 5 anni invece di 12, proprio come accade oggi per gli eterosessuali sposati. Due uomini potranno adottare un figlio, due donne potranno anche accedere alla fecondazione tramite donazione di sperma. È garantito per il concepito il diritto di conoscere il padre biologico una volta divenuto maggiorenne. Rimane vietata la donazione anonima di sperma, come pure la donazione di ovuli e la maternità sostitutiva. Chi è già unito in unioni registrate le potrà convertire in matrimonio o restare alla situazione corrente, mentre non sarà più possibile registrare nuove unioni di questo tipo.

Gli argomenti del ‘no’

Secondo i promotori del referendum la modifica di legge sancirebbe la perdita per i più piccoli del diritto a una famiglia con un padre e una madre, figure giudicate complementari e insostituibili l’una dall’altra. Secondo questa visione la famiglia è il risultato naturale della riproduzione tra un uomo e una donna, ed è con questa ‘definizione’ in mente che va letto anche quanto prescritto in merito dalla Costituzione.

  • Una modifica incostituzionale/1. Tribunali e Consiglio federale avrebbero sempre interpretato il diritto al matrimonio come esclusivamente eterosessuale. Come si legge nel libretto informativo, “soltanto l’unione tra un uomo e una donna è in grado di trasmettere la vita, ed è per questo che va tutelata in quanto fondamento della società e dello Stato” e non si può cambiare tutto senza scontrarsi col testo costituzionale.
  • Una modifica incostituzionale/2. Anche la donazione di sperma per le coppie lesbiche violerebbe la Costituzione, in particolare l’Articolo 119 che prevede la procreazione assistita solo in caso di infertilità o per evitare il rischio di una malattia grave. Il fatto di essere entrambe donne non corrisponderebbe invece alla definizione vigente di infertilità.
  • Nessuna discriminazione. Non sarebbe la legge, ma la natura ad ascrivere la creazione della famiglia all’unione biologica tra uomo e donna. Prenderne atto non costituirebbe dunque un atto discriminatorio dal profilo giuridico e sociale. Per i contrari è anche una questione di proporzione: nel 2020 le unioni gay sono state poco più di 600 contro gli oltre 35mila matrimoni.
  • Attenzione ai bambini. In linea di principio, il diritto di conoscere il genitore biologico per chi nasce da una donazione di sperma resta negato fino ai 18 anni. Secondo le argomentazioni dei contrari “per la formazione dell’identità di un bambino, il radicamento nella famiglia d’origine è fondamentale. Per questo la donazione di sperma deve restare un’eccezione. I bambini hanno bisogno di modelli di ruolo rappresentati dai due sessi; la donazione di sperma a favore delle coppie lesbiche, invece, li priva per legge della figura paterna”.
  • Una brutta china. Infine, reinterpretando la nozione di infecondità come desiderio inappagato di avere figli – includendovi insomma anche chi non può avere figli ‘solamente’ perché omosessuale – si creerebbe un pericoloso precedente: in futuro potrebbe fungere da grimaldello per ottenere la donazione di ovuli o addirittura la maternità sostitutiva.

Gli argomenti del ‘Sì’

Chi sostiene la modifica – maggioranza del Parlamento e Consiglio federale inclusi – ritiene che le coppie omosessuali debbano avere gli stessi diritti di quelle eterosessuali, incluso quello a ‘metter su famiglia’. Occorrerebbe dunque superare le discriminazioni specie in materia di accesso alla cittadinanza, all’adozione e alla fecondazione assistita.

  • Una questione di libertà. Per i promotori del ‘sì’ “lo Stato non può imporre alle persone come organizzare la loro vita privata e familiare. Una coppia deve essere libera di decidere se e come intende regolare legalmente la propria relazione”. Questo riguarderebbe anche le tante coppie gay, con o senza figli, che esistono già oggi e quelle a venire. Senza modifica di legge perdurerebbe un’inaccettabile disparità di trattamento.
  • I bambini stanno bene. Ci sono già in Svizzera figli di genitori eteresossessuali e gli studi in materia escluderebbero effetti negativi sullo sviluppo rispetto ai figli di coppie etero. Per i favorevoli alla modifica contano la cura e l’attenzione riservata ai più piccoli, non il genere dei genitori. Questo giustificherebbe anche la fecondazione tramite donazione di sperma da parte di individui terzi.
  • ‘Da che semino vengo?’ Nel caso in cui si negasse l’accesso alla fecondazione assistita, molte coppie lesbiche continuerebbero comunque ad accedervi recandosi all’estero. In questo caso però il diritto per i figli di conoscere il genitore biologico una volta maggiorenni non sarebbe sempre garantito: meglio dunque garantire anche in Svizzera l’accesso a simili procedure.
  • Macché ‘utero in affitto’. La medicina riproduttiva rimarrebbe severamente regolamentata, dunque non vi sarebbe nessuna ragione per temere che questo sia solo il primo passo verso la donazione anonima di sperma, la donazione di ovuli e la maternità sostitutiva.
  • Applicare la Costituzione. Sarebbe proprio la carta fondamentale a lasciar fuori qualsiasi definizione di matrimonio basata sul genere dei contraenti. Per questo la modifica di legge non imporrebbe una contestuale modifica costituzionale, ma ne amplierebbe semplicemente l’applicazione dei principi.

Chi è a favore del ‘Matrimonio per tutti’?

Consiglio federale, maggioranza del Parlamento, la stragrande maggioranza delle associazioni in difesa dei diritti Lgbtq+, ma anche la maggioranza all’interno di tutti i partiti di governo – tranne l’Udc –, dei Verdi, dei Verdi liberali. Favorevole anche la Federazione delle Chiese evangeliche della Svizzera.

Chi è contrario?

Comitati referendari promossi da esponenti di Ppd/Alleanza di centro, Unione democratica federale, Partito evangelico svizzero e Udc, ma anche la Conferenza dei vescovi svizzeri e la Rete evangelica svizzera.

E il mondo dove va?

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso – come nella maggior parte dei casi l’adozione e la maternità/paternità – è consentito in 29 Paesi al mondo, 16 dei quali in Europa (i primi, nel 2001, furono i Paesi Bassi): tra gli altri Spagna, Francia, Germania, Paesi scandinavi, Austria, Belgio, Inghilterra e Irlanda. Il matrimonio omosessuale è riconosciuto anche in tutto il Nordamerica, buona parte del Sudamerica, in Sudafrica e in Oceania.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved