matrimonio-per-tutti-le-ragioni-di-favorevoli-e-contrari
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
1 ora

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
3 ore

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
3 ore

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
4 ore

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
Svizzera
5 ore

Wef, più sicurezza a ‘impatto zero’ sulle finanze federali

Il cambio di stagione del Forum economico di Davos comporta nuove mansioni in fatto di sorveglianza. Ma senza ulteriori aggravi
Svizzera
5 ore

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
Svizzera
7 ore

Controllo delle finanze, c’è margine per migliorare

Nel suo ultimo rapporto, il direttore Michel Huissoud si toglie qualche sassolino: ‘Berna più presente all’estero che sulle faccende interne’
Svizzera
7 ore

Elettricità, nel 2023 bolletta più salata (almeno) del 20%

Secondo un primo sondaggio, per un alloggio di 5 locali l’anno prossimo si pagheranno all’incirca 180 franchi in più
Svizzera
20 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
23 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
1 gior

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
1 gior

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
1 gior

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
1 gior

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
1 gior

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
1 gior

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
1 gior

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
1 gior

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
1 gior

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
1 gior

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
Svizzera
1 gior

Pfister, ‘la comunità politica europea di Macron è un’opzione’

Per il presidente del Centro, il Consiglio federale dovrebbe approfondire il modello lanciato dal premier francese: ‘È un’opportunità’
Svizzera
1 gior

Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa

Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
DIRITTI CIVILI
laR
 
06.09.2021 - 05:25
Aggiornamento : 07:42

Matrimonio per tutti: le ragioni di favorevoli e contrari

Il 26 settembre si vota per decidere se garantire alle coppie Lgbtq+ gli stessi diritti di quelle eterosessuali, adozione e fecondazione assistita incluse

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un atto dovuto che rimette la Svizzera al passo coi diritti riconosciuti in gran parte del mondo libero, secondo i favorevoli; il pericoloso superamento della famiglia tradizionale e un colpo inferto all’infanzia, secondo i contrari. La votazione del 26 settembre sul ‘Matrimonio per tutti’ – in risposta alle modifiche di legge sostenute dal Parlamento e dal Consiglio federale – è oggetto di un dibattito spesso aspro. Vediamo di riassumere le argomentazioni pro e contro.

Di cosa parliamo?

La modifica di legge estende il diritto di matrimonio alle coppie omosessuali, per le quali ora era prevista invece l’unione domestica registrata (introdotta nel 2007). In pratica sono tre i cambiamenti principali per le unioni dello stesso sesso: l’accesso alla naturalizzazione agevolata per un partner straniero sposato con uno svizzero, la possibilità di adottare un bambino e quella per coppie lesbiche di concepirlo tramite donazione dello sperma da parte di terzi.

Perché il referendum?

Dopo l’approvazione della modifica di legge da parte del Parlamento, tre comitati composti perlopiù da rappresentanti della destra hanno raccolto più delle 50mila firme necessarie per rimetterla in discussione alle urne. 

Cosa succede se vince il sì?

In concreto, la moglie o il marito straniero di una persona dello stesso sesso potrà accedere alla naturalizzazione agevolata, quindi ottenere la nazionalità dopo aver risieduto in Svizzera per 5 anni invece di 12, proprio come accade oggi per gli eterosessuali sposati. Due uomini potranno adottare un figlio, due donne potranno anche accedere alla fecondazione tramite donazione di sperma. È garantito per il concepito il diritto di conoscere il padre biologico una volta divenuto maggiorenne. Rimane vietata la donazione anonima di sperma, come pure la donazione di ovuli e la maternità sostitutiva. Chi è già unito in unioni registrate le potrà convertire in matrimonio o restare alla situazione corrente, mentre non sarà più possibile registrare nuove unioni di questo tipo.

Gli argomenti del ‘no’

Secondo i promotori del referendum la modifica di legge sancirebbe la perdita per i più piccoli del diritto a una famiglia con un padre e una madre, figure giudicate complementari e insostituibili l’una dall’altra. Secondo questa visione la famiglia è il risultato naturale della riproduzione tra un uomo e una donna, ed è con questa ‘definizione’ in mente che va letto anche quanto prescritto in merito dalla Costituzione.

  • Una modifica incostituzionale/1. Tribunali e Consiglio federale avrebbero sempre interpretato il diritto al matrimonio come esclusivamente eterosessuale. Come si legge nel libretto informativo, “soltanto l’unione tra un uomo e una donna è in grado di trasmettere la vita, ed è per questo che va tutelata in quanto fondamento della società e dello Stato” e non si può cambiare tutto senza scontrarsi col testo costituzionale.
  • Una modifica incostituzionale/2. Anche la donazione di sperma per le coppie lesbiche violerebbe la Costituzione, in particolare l’Articolo 119 che prevede la procreazione assistita solo in caso di infertilità o per evitare il rischio di una malattia grave. Il fatto di essere entrambe donne non corrisponderebbe invece alla definizione vigente di infertilità.
  • Nessuna discriminazione. Non sarebbe la legge, ma la natura ad ascrivere la creazione della famiglia all’unione biologica tra uomo e donna. Prenderne atto non costituirebbe dunque un atto discriminatorio dal profilo giuridico e sociale. Per i contrari è anche una questione di proporzione: nel 2020 le unioni gay sono state poco più di 600 contro gli oltre 35mila matrimoni.
  • Attenzione ai bambini. In linea di principio, il diritto di conoscere il genitore biologico per chi nasce da una donazione di sperma resta negato fino ai 18 anni. Secondo le argomentazioni dei contrari “per la formazione dell’identità di un bambino, il radicamento nella famiglia d’origine è fondamentale. Per questo la donazione di sperma deve restare un’eccezione. I bambini hanno bisogno di modelli di ruolo rappresentati dai due sessi; la donazione di sperma a favore delle coppie lesbiche, invece, li priva per legge della figura paterna”.
  • Una brutta china. Infine, reinterpretando la nozione di infecondità come desiderio inappagato di avere figli – includendovi insomma anche chi non può avere figli ‘solamente’ perché omosessuale – si creerebbe un pericoloso precedente: in futuro potrebbe fungere da grimaldello per ottenere la donazione di ovuli o addirittura la maternità sostitutiva.

Gli argomenti del ‘Sì’

Chi sostiene la modifica – maggioranza del Parlamento e Consiglio federale inclusi – ritiene che le coppie omosessuali debbano avere gli stessi diritti di quelle eterosessuali, incluso quello a ‘metter su famiglia’. Occorrerebbe dunque superare le discriminazioni specie in materia di accesso alla cittadinanza, all’adozione e alla fecondazione assistita.

  • Una questione di libertà. Per i promotori del ‘sì’ “lo Stato non può imporre alle persone come organizzare la loro vita privata e familiare. Una coppia deve essere libera di decidere se e come intende regolare legalmente la propria relazione”. Questo riguarderebbe anche le tante coppie gay, con o senza figli, che esistono già oggi e quelle a venire. Senza modifica di legge perdurerebbe un’inaccettabile disparità di trattamento.
  • I bambini stanno bene. Ci sono già in Svizzera figli di genitori eteresossessuali e gli studi in materia escluderebbero effetti negativi sullo sviluppo rispetto ai figli di coppie etero. Per i favorevoli alla modifica contano la cura e l’attenzione riservata ai più piccoli, non il genere dei genitori. Questo giustificherebbe anche la fecondazione tramite donazione di sperma da parte di individui terzi.
  • ‘Da che semino vengo?’ Nel caso in cui si negasse l’accesso alla fecondazione assistita, molte coppie lesbiche continuerebbero comunque ad accedervi recandosi all’estero. In questo caso però il diritto per i figli di conoscere il genitore biologico una volta maggiorenni non sarebbe sempre garantito: meglio dunque garantire anche in Svizzera l’accesso a simili procedure.
  • Macché ‘utero in affitto’. La medicina riproduttiva rimarrebbe severamente regolamentata, dunque non vi sarebbe nessuna ragione per temere che questo sia solo il primo passo verso la donazione anonima di sperma, la donazione di ovuli e la maternità sostitutiva.
  • Applicare la Costituzione. Sarebbe proprio la carta fondamentale a lasciar fuori qualsiasi definizione di matrimonio basata sul genere dei contraenti. Per questo la modifica di legge non imporrebbe una contestuale modifica costituzionale, ma ne amplierebbe semplicemente l’applicazione dei principi.

Chi è a favore del ‘Matrimonio per tutti’?

Consiglio federale, maggioranza del Parlamento, la stragrande maggioranza delle associazioni in difesa dei diritti Lgbtq+, ma anche la maggioranza all’interno di tutti i partiti di governo – tranne l’Udc –, dei Verdi, dei Verdi liberali. Favorevole anche la Federazione delle Chiese evangeliche della Svizzera.

Chi è contrario?

Comitati referendari promossi da esponenti di Ppd/Alleanza di centro, Unione democratica federale, Partito evangelico svizzero e Udc, ma anche la Conferenza dei vescovi svizzeri e la Rete evangelica svizzera.

E il mondo dove va?

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso – come nella maggior parte dei casi l’adozione e la maternità/paternità – è consentito in 29 Paesi al mondo, 16 dei quali in Europa (i primi, nel 2001, furono i Paesi Bassi): tra gli altri Spagna, Francia, Germania, Paesi scandinavi, Austria, Belgio, Inghilterra e Irlanda. Il matrimonio omosessuale è riconosciuto anche in tutto il Nordamerica, buona parte del Sudamerica, in Sudafrica e in Oceania.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coppie omosessuali diritti lgbtq referendum
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved