Svizzera
Sentenza per stupro, in 500 in piazza a Basilea
Manifestazione di protesta contro le parole della giudice che ha incolpato implicitamente la vittima per la violenza subita dal suo aggressore
‘Solo sì vuol dire sì’
(Keystone)
8 agosto 2021
|

Basilea – Circa 500 persone si sono riunite domenica pomeriggio davanti alla Corte d'appello di Basilea. Hanno protestato contro una recente sentenza in un processo per stupro.

Alla fine di luglio, il tribunale ha ridotto la pena inflitta in prima istanza a uno stupratore. Al raduno di protesta sono state particolarmente criticate le dichiarazioni della presidente della Corte d'appello. Secondo quanto hanno riferito diversi media, la giudice avrebbe incolpato implicitamente la vittima, sostenendo che avrebbe «giocato col fuoco» e lanciato «segnali sbagliati» agli uomini.

Il verdetto ha scatenato discussioni in tutta la Svizzera. Giovedì, la Corte d'appello ha risposto alle critiche facendo riferimento a "numerosi malintesi". La sentenza non è ancora cresciuta in giudicato. L'accusa e la vittima stanno aspettando le motivazioni scritte prima di decidere se ricorrere al Tribunale federale.

Leggi anche: