gli-esperti-chi-non-si-vaccina-prima-o-poi-si-infettera
Virginie Masserey, dell'Ufsp(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

‘Putin vattene’. E ancora, ‘Liberate l’Ucraina, e la Russia’

Manifestazione per le strade di Ginevra per chiedere la cessazione del conflitto ucraino e per uno scambio di prigionieri
Svizzera
14 ore

Torna in funzione il reattore numero 1 di Beznau

Dopo una revisione di due mesi, la centrale di Döttingen ha ricevuto luce verde da parte dell’ispettorato federale della sicurezza nucleare
Svizzera
15 ore

La Svizzera può essere un modello per l’Ucraina

È il parere del premio Nobel per l’economia Roger Myerson, secondo cui Berna può svolgere un ruolo di mediazione tra i due belligeranti
Svizzera
16 ore

In fiamme un ristorante nel cuore di Gruyères

L’incendio è divampato poco dopo le 4.30. Per ragioni di sicurezza, una quarantina di persone sono state sfollate
Svizzera
19 ore

Immatricolazioni di auto nuove col freno a mano tirato

Il primo semestre del 2020 ha fatto segnare un netto calo: -12%. Addirittura del 18,2% per il solo mese di giugno
Svizzera
19 ore

Truffa del falso poliziotto: gabbati per 140 mila franchi

‘Soliti ignoti’ particolarmente attivi nel canton Argovia: 50 segnalazioni solo ieri. Raggirate tre tonne tra i 63 e gli 88 anni
Svizzera
19 ore

Il voto delle commissioni parlamentari deve rimanere segreto

È il parere della Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale: respinta una mozione di Andrea Glarner
Svizzera
1 gior

Infermieri, via libera al progetto per rafforzare la professione

La Commissione della sanità della camera alta ha approvato il disegno governativo, prima tappa dell’attuazione dell’iniziativa popolare accettata nel 2021
gallery
Svizzera
1 gior

Militanti imbrattano la sede della Sefri

L’organizzazione ambientalista Renovate Switzerland chiede di accelerare il risanamento termico degli edifici
03.08.2021 - 15:09
Aggiornamento: 18:24
Ats, a cura de laRegione

Gli esperti: 'Chi non si vaccina prima o poi si infetterà'

Secondo Virginie Masserey, dell'Ufsp, il coronavirus resterà endemico. Ackermann: 'Con i vaccini, in due mesi fuori dall'emergenza'

"L'epidemia di Coronavirus resterà endemica e chi non si vaccina contro il Covid prima o poi si infetterà": parola di Virginie Masserey, responsabile della sezione di controllo delle infezioni presso l'ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Nel corso della conferenza stampa odierna, i responsabili dell'Ufficio federale della sanità hanno ribadito l'invito a chi è ancora indeciso a farsi vaccinare. "Ciascuno deve poter fare la propria scelta in favore della comunità", ha sottolineato Masserey, esortando chi non l'ha ancora fatto a "vaccinarsi per tempo", ossia prima dell'autunno.

A proposito dell'eventuale terza dose del vaccino, l'esperta ha dichiarato che una decisione si dovrà basare su evidenze scientifiche. L'UFSP continua a monitorare la situazione, ma al momento non è ancora chiaro quando e per chi sarà consigliato il richiamo.

"Abbiamo i migliori vaccini"

In Svizzera circa 3 milioni di persone non hanno ancora ottenuto una dose di vaccino. Se tutti i non vaccinati dovessero infettarsi, "la pressione sul sistema sanitario potrebbe nuovamente aumentare", ha dichiarato Martin Ackermann, presidente della Task Force scientifica della Confederazione.

Dopo un alto numero di vaccinazioni in maggio e giugno, "da inizio luglio il tasso di immunizzazioni è crollato", ha proseguito l'esperto. "La Svizzera ha a disposizione i migliori vaccini" contro il Covid e l'infrastruttura messa in piedi è in grado di assicurare l'immunizzazione per tutti.

"In due mesi si potrebbe mettere fine all'epidemia"

Il presidente della Task Force Covid-19 ha invitato a guardare a quanto fatto in Gran Bretagna e in Spagna, i Paesi con i più alti tassi di vaccinati. Qui la gente è stata contattata singolarmente e informata sui vantaggi e gli svantaggi dei vaccini. "Così si possono convincere gli indecisi", ha sottolineato Ackermann.

"Il SARS-Cov2 non scomparirà, ma grazie ai vaccini abbiamo nelle mani la possibilità di porre fine all'epidemia nel giro di due mesi", ha detto ancora Martin Ackermann. Precisando che l'immunizzazione si può raggiungere in due modi, ossia con il vaccino o con un'infezione, anche il presidente della Task Force ha concluso il suo intervento con un invito rivolto agli indecisi: "Vaccinatevi non appena possibile!".

Programmi a bassa soglia

I cantoni stanno facendo tutto il possibile per rendere la vaccinazione contro il Covid-19 il più facile possibile e offrire programmi a bassa soglia, ha detto Linda Nartey, medico cantonale di Berna e vicepresidente dell'Associazione dei medici cantonali (AMCS).

Secondo Nartey, è stato dimostrato che le vaccinazioni contro il coronavirus sono per lo più ben tollerate e che impediscono un decorso grave della malattia. A questo punto l'obiettivo dei cantoni rimane quello di non sovraccaricare il sistema sanitario.

La "gestione dei focolai" rimane quindi importante, e con essa la disponibilità di dati di contatto durante gli eventi. I test e il tracciamento dei contatti rimangono cruciali per contenere le nuove infezioni, specialmente dopo la stagione delle vacanze. Anche il posto di lavoro rimane un luogo a rischio da monitorare, ha detto Nartey

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus svizzera ufsp virginie masserey
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved