ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 min

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
LIVE

Una votazione che lascia col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
7 ore

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
1 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
1 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
1 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
2 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
2 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
2 gior

Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più

Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
2 gior

Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol

L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
Svizzera
2 gior

Bilancia dei pagamenti, +11 miliardi nel secondo trimestre

Eccedenza di quasi 1 miliardo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2021 per la Banca nazionale svizzera
Svizzera
2 gior

Alla sbarra per abuso della forza due agenti bernesi

La vicenda risale al giugno del 2021, quando alla stazione della capitale venne controllato, e poi fermato, un 28enne marocchino
28.07.2021 - 20:55

Test per i sanitari, Bianchi: ci stiamo già pensando

Berna raccomanda ‘urgentemente’ ai cantoni di intervenire nel settore sanitario. Il funzionario dirigente del Dss: ragionevolmente da inizio autunno.

test-per-i-sanitari-bianchi-ci-stiamo-gia-pensando
Ti-Press
Bianchi (Dss)

Gli operatori sanitari non vaccinati dovrebbero sottoporsi a test obbligatori contro il Covid-19. È quanto raccomanda la Confederazione ai cantoni, oltre all’obbligo per i visitatori di presentare un certificato valido all’ingresso di ospedali, case di cura e strutture di assistenza. Il Consiglio federale, dal canto suo, rinuncia per il momento ad adottare ulteriori misure generali per arginare la diffusione della malattia, in un senso (restrizioni) come nell’altro (allentamenti). La situazione è buona ma la “dinamica negativa”, ha twittato ieri il ministro della Sanità Alain Berset, evocando l’“incertezza” dettata in particolare dai rientri dalle vacanze.

In una lettera inviata ai cantoni, l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) ha elencato varie proposte per arginare la diffusione del coronavirus. Lo ha annunciato lo stesso ufficio sul suo sito web, come riferito dall’agenzia Keystone-Ats. La Confederazione chiede ai cantoni di adottare, nelle prossime settimane, provvedimenti in vari settori per proteggere i bambini, i giovani e le persone particolarmente a rischio.

Tra le altre cose, i cantoni dovrebbero portare avanti la campagna di vaccinazione, intensificare i controlli per garantire il rispetto dell’obbligo del certificato e imporre test nelle scuole. Gli asintomatici, secondo l’Ufsp, contribuiscono in maniera importante alla diffusione del virus. I test rappresentano quindi un complemento necessario alla vaccinazione e al piano di protezione.

Raccomandazione urgente

La Confederazione raccomanda inoltre “urgentemente” ai cantoni di dichiarare obbligatori i test ripetuti per i professionisti della salute non vaccinati e non ancora guariti negli ospedali, nelle case di cura, nelle strutture di assistenza e nelle organizzazioni Spitex. Inoltre, le visite agli ospedali, alle case di cura e alle strutture di assistenza dovrebbero essere possibili solo con il certificato Covid.

La raccomandazione dell’Ufsp non coglie di sorpresa Paolo Bianchi, direttore della Divisione della salute pubblica in seno al Dipartimento ticinese della sanità e della socialità. «È una misura che come Dss abbiamo già preso in considerazione e che si sta approfondendo – afferma Bianchi interpellato dalla ‘Regione ‘ –. È chiaro che la raccomandazione dell’Ufficio federale è per noi un ulteriore motivo per introdurre in Ticino, dopo le necessarie verifiche, l’obbligo di test ripetuti per il personale sanitario non vaccinato. Una misura ragionevole, proporzionata e che può favorire la protezione in contesti comunque potenzialmente a rischio per la fragilità delle persone in cura». Una misura, aggiunge Bianchi, che «per l’operatore sanitario non è incisiva come l’obbligo di vaccinazione di cui si discute e per il quale ci sarebbe ad ogni modo la base legale». L’obbligo dei test per i sanitari «segue in fondo la stessa logica dei certificati richiesti per le grandi manifestazioni».

Quando pensate di introdurre la misura e dare quindi seguito alla raccomandazione di Berna? «L’inizio dell'autunno è un termine ragionevole – sostiene il responsabile della Divisione –. Fortunatamente, al momento non abbiamo questa grande premura, nel senso che per quanto riguarda le case per anziani e gli anziani in generale la situazione epidemiologica è ancora buona e le ospedalizzazioni riguardano esclusivamente persone non vaccinate e in generale non anziane. Insomma, non c’è una situazione epidemiologica che ci impone di agire dall’oggi al domani. L’obiettivo ultimo resta l’adesione alla campagna vaccinale, se non di tutto, della gran parte del personale sanitario. Questa misura potrebbe essere anche un incentivo indiretto alla vaccinazione». 

Né giro di vite, né allentamento

Nonostante l’incremento delle nuove infezioni, dovute soprattutto alla variante Delta, il Consiglio federale non intende inasprire le misure generali. Non sono però nemmeno soddisfatte le condizioni per revocare le restanti misure di tutela ancora in vigore: il motivo principale è che l’obiettivo del governo di vaccinare entro fine luglio tutti coloro che vogliono essere vaccinati non è stato raggiunto, sottolinea l’Ufsp in articolo pubblicato ieri da vari quotidiani svizzerotedeschi del gruppo Tamedia.

Globalmente, la situazione generale è ancora buona e praticamente tutti i valori attuali sono ancora assai distanti dalle soglie fissate dal governo per far scattare ulteriori restrizioni, scrive l’Ufsp. Tuttavia, lo sviluppo della pandemia deve continuare ad essere monitorato a causa della variante Delta. L’esecutivo affronterà il dossier nel corso della prima seduta dopo le vacanze, l’11 agosto.

Leggi anche:

L'Ufsp: test obbligatori per i sanitari non vaccinati

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved