ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
3 ore

Il parlamento apre il paracadute per Axpo

Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
3 ore

Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali

Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
3 ore

Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato

Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
6 ore

Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’

Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
7 ore

La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro

Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
9 ore

Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?

A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
11 ore

I ghiacciai svizzeri non si sono mai sciolti così tanto

A pesare è soprattutto lo scarso innevamento che ha fatto mancare lo strato protettivo contro le alte temperature dell’estate appena trascorsa
Svizzera
11 ore

Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare

Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
13 ore

‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’

L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
1 gior

In autostrada al massimo a 100 all’ora

È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
1 gior

Il Parlamento converge... sul solare

Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
1 gior

Aborto: 20 anni di regime dei termini

Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
1 gior

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
1 gior

Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.

Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
1 gior

Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza

La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
Svizzera
1 gior

Si prospettano lunghe attese per il pediatra

Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al Pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
Svizzera
1 gior

Premi di cassa malati, previsti forti aumenti in Ticino

Oggi alle 14 ci sarà l’annuncio del ministro della Sanità Alain Berset
Svizzera
2 gior

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
2 gior

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
2 gior

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
2 gior

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
2 gior

Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze

Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
2 gior

Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’

Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
2 gior

Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance

Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
2 gior

Le donne contro la riforma Avs: in centinaia a Berna

La manifestazione indetta dalle donne socialiste e dalle co-presidenti della sezione femminile del partito. Annunciato sciopero per il 14 giugno 2023
Svizzera
2 gior

Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera

Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
2 gior

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi
Svizzera
2 gior

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
laR
 
03.08.2021 - 08:31
Aggiornamento: 15:13

Una sinistra sempre più ‘borghese’, anche in Svizzera

È quanto riscontrato dall'ultimo studio di Thomas Piketty e altri. Ne parliamo col politologo Andrea Pilotti, discutendo anche le specificità del Ticino

una-sinistra-sempre-piu-borghese-anche-in-svizzera

I ricchi e gli operai votano a destra, chi ha studiato a sinistra. Non serviva uno studio di 600 pagine per intuirlo, ma il recente saggio di Thomas Piketty e altri (Clivages politiques et inégalités sociales, Ehess/Gallimard/Seuil) rafforza e dettaglia questa istantanea con dati storici derivati dai sondaggi elettorali di 50 democrazie. La tendenza è netta: negli ultimi quarant’anni, mentre le disuguaglianze economiche ricominciavano a crescere vertiginosamente, la sinistra ha cessato di essere una forza ‘operaia’ ed è rimasta aggrappata alla nuova Bildungsbürgertum, una realtà prevalentemente urbana fatta di docenti, architetti, giornalisti, professionisti del settore sanitario e così via. Per la destra continuano a votare i ricchissimi, ma anche coloro che più subiscono le fragilità economiche e sociali (al netto dei più poveri ed esclusi in assoluto, che spesso rinunciano al voto tout court). I ricercatori indicano esplicitamente nella Svizzera uno dei Paesi nei quali questo spostamento “è stato più spettacolare”. Ne parliamo con Andrea Pilotti, politologo, docente e responsabile di ricerca dell’Osservatorio della vita politica regionale dell’Università di Losanna.

Le società occidentali subiscono disuguaglianze sempre più forti, eppure la ‘lotta di classe’ è scomparsa totalmente dall’immaginario politico. Non è paradossale?

Per capire questa trasformazione occorre partire dai cambiamenti culturali e sociali della seconda metà del Novecento. Insieme a un benessere diffuso – che rendeva le rivendicazioni di classe meno urgenti rispetto alle generazioni precedenti – proprio i ‘figli’ della sinistra hanno vissuto il passaggio dal materialismo al postmaterialismo, per usare le celebri categorie del politologo e sociologo americano Ronald Inglehart. Le loro preoccupazioni, insomma, si sono spostate su temi come l’ambientalismo e i diritti civili. Dagli anni ‘60/’70 in poi questo ha spinto a sua volta partiti come quello socialista ad adottare una postura che si rivolge più all’elettorato urbano che al postino, al ferroviere, al meccanico d’antan. Una tendenza rafforzata dal fatto che mentre le ‘élite multiple’ delle quali parla Piketty (rispettivamente quella economica e quella educativa, ndr) si mobilitano facilmente, il lavoratore meno formato e più amareggiato dalla situazione tende sempre più a disinteressarsi della politica.

La destra, però, riesce a mobilitarne almeno una parte: un partito agrario e periferico come l’Udc è diventato una delle formazioni conservatrici più forti d’Europa. Questo proprio parlando il linguaggio dell’‘uomo della strada’, anche quando lo ha utilizzato per propugnare politiche di stampo tipicamente liberista più che di difesa sociale. Un bel paradosso anche questo.

L’allontanamento della sinistra da certe realtà sociali ha creato una ‘finestra d’opportunità’ che la destra ha saputo sfruttare, stavolta utilizzando non un linguaggio di classe ma di identità, spesso con chiare connotazioni nazionaliste; un linguaggio che ha saputo veicolare un senso di protezione, almeno a breve termine. A questo si è combinato un programma economico che accanto ad alcune generali rivendicazioni di difesa sociale – comunque in una logica di ‘prima i nostri’ – ha difeso la liberalizzazione. Una mescolanza che abbiamo visto in Ticino con l’ascesa della Lega, che intrecciava i discorsi sulla ‘noss gent’ e sulla tredicesima Avs con la difesa delle politiche di sgravi fiscali di Marina Masoni, il tutto tenuto insieme da una forte componente di ‘preferenza indigena’.  

Al di là della tattica e del marketing, resta il fatto che questo spostamento denuncia un problema reale: l’esistenza di persone in difficoltà ‘abbandonate’ dalla globalizzazione, ma anche da un progressismo che ha creduto in quel processo e nell’integrazione europea come toccasana per tutti i mali.

Certamente l’imporsi a sinistra della ‘terza via’ blairiana ha contribuito al deteriorarsi dei legami tra la sua dirigenza politica e chi, negli ultimi decenni, ha subito maggiormente gli effetti negativi della globalizzazione e della liberalizzazione economiche, poi resi ancora più dolorosi da crisi finanziarie e recessioni. D’altronde si tratta di tendenze che si rinforzano da sé: un elettorato sempre più istruito e urbano porta a selezionare una classe politica che lo rispecchia. Uno studio che stiamo svolgendo mostra bene come dagli anni Ottanta e Novanta, tra le elette e gli eletti del Partito socialista nei diversi consessi a livello federale, cantonale e nelle città, rimangano ben pochi operai e piccoli impiegati della Posta e delle Ferrovie federali a favore di insegnanti, quadri del settore pubblico, professionisti del settore socio-sanitario e liberi professionisti. Nel frattempo, chi si è sentito più minacciato ha istintivamente ‘fatto gruppo’ anche su basi identitarie e perfino xenofobe.

La Svizzera ha superato molte fratture politiche del passato, da quella tra clericali e anticlericali a quella tra diverse religioni e regioni linguistiche. Una spaccatura invece resta ancora molto forte: quella tra città e campagna. Perché?

I fattori che possono contribuire alla permanenza di questo ‘clivage’ sono numerosi, anche se va precisato, come già sottolineato da alcuni sociologi urbani e politologi, che la divisione città-campagna risulta molto meno marcata in Svizzera rispetto ad altri paesi occidentali come gli Stati Uniti, la Francia o l’Inghilterra. Ciò detto occorre ricordare che la socializzazione politica svizzera avviene molto a partire dal livello comunale. Questo porta a fare comunità anzitutto in dimensioni dove è più viva la differenza tra città e campagna, anche a livello di valori e visione del mondo oltre che di esigenze pratiche. Nel frattempo si sono anche invertiti i flussi urbani, con le élite intellettuali e professionali che tornano a concentrarsi nei centri mentre i costi degli stessi spingono fuori gli altri lavoratori.

In questo il Ticino è un caso un po’ particolare: piuttosto insulare rispetto al resto della Svizzera, non ha grandi centri urbani e si confronta con la realtà della frontiera. In che modo questo determina dinamiche politiche eccezionali?

In generale vediamo che anche in Ticino si confermano e si consolidano certe fratture. Per altri versi, però, si tratta di una realtà a sé stante: ha una storia di sviluppo rapido ma fragile, da una realtà prevalentemente agricola a un’economia finanziaria, che già la crisi degli anni Novanta aveva messo a nudo fornendo terreno fertile a movimenti come la Lega. Allo stesso tempo, la sua realtà di frontiera è invertita rispetto a quella di Ginevra o Basilea: se queste città sono poli regionali forti attorno ai quali gravitano anche le regioni dall’altra parte del confine, il Ticino vive diversamente; attrae molti frontalieri, sì, ma resta economicamente e demograficamente subordinato a un centro esterno come Milano, risentendo anche di tutte le difficoltà politiche ed economiche attraversate dall’Italia.

Con quali conseguenze?

In generale, possiamo dire che queste fragilità – a partire da quelle riguardanti il mondo del lavoro – incoraggiano ancora di più il ripiegamento identitario che favorisce formazioni di destra, mentre mancano realtà urbane trainanti capace di dare forza propulsiva alla sinistra. O meglio, alle sinistre: qui come altrove si nota l’emergere di una ‘gauche plurielle’, dove alle istanze più moderate del Ps e a quelle ambientaliste dei Verdi si affianca anche una sinistra le cui rivendicazioni sono molto più incentrate sul tema del lavoro.

Nonostante questo, prevale la percezione di una sinistra ‘binaria’ che sembra più preoccupata dei diritti Lgbtq+ e dell’ambiente che del lavoro. Ma è davvero così?

In realtà queste diverse sensibilità convivono, se non altro costituendo diverse tessere del mosaico progressista. D’altro canto, è caricaturale rappresentare anche l’elettore di destra come qualcuno al quale non interessa nulla dei diritti della comunità Lgbtq+ o del cambiamento climatico. Il problema è che una diversa estrazione sociale e culturale rende giocoforza meno urgente la percezione di questi problemi rispetto a quelli del lavoro, anche quando magari sono letti in chiave più nazionalista.

Lo studio coordinato da Piketty, Amory Gethin e Clara Martinez si concentra sulla contrapposizione destra/sinistra, ma sappiamo che nel mezzo, soprattutto in Svizzera, continuano a giocare un grande ruolo i partiti borghesi. Ancora per poco?

Sicuramente l’inasprirsi delle fratture politiche, unito a quello della disuguaglianza sociale, rischia di porre ancora più sotto pressione il centro. È qualcosa che già si riflette sui risultati in calo dei due partiti borghesi storici. Nulla però è scontato negli sviluppi futuri della nostra configurazione politica. Non credo comunque che il loro ruolo sia destinato ineluttabilmente a ridimensionarsi.

Infine, Piketty e colleghi osservano che l’elettorato femminile si sposta sempre più a sinistra. Questo, insieme all’emergere di nuove formazioni progressiste, tende a controbilanciare le difficoltà della stessa sinistra. Perché?

Anche questa è per certi versi una conseguenza della trasformazione culturale della sinistra, che si è mossa per prima e con più forza per difendere i diritti delle donne: non solo quelli politici, ma anche quelli legati al mondo del lavoro e alle esigenze legate alla politica sociale e familiare. Va detto poi che la questione di genere si intreccia a quella della propria posizione economica: le donne che votano – spesso a sinistra – sono quelle più emancipate anche dal punto di vista professionale e culturale. Lontano dalle urne rimangono le molte che si trovano in condizione di difficoltà e che proprio in quanto donne scontano – ancora più di mariti, padri e fratelli – forme di esclusione economica, sociale e politica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved