la-vaccinazione-degli-infermieri-va-incoraggiata
Ti-Press
L’Asi: vaccinarsi è meglio per sé e per gli altri
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Secondo miliardo di coesione, il Nazionale discuterà giovedì

Il Parlamento vuole accelerare la discussione, che sarà trattata nel corso di una seduta ‘open end’
Svizzera
3 ore

‘Matrimonio per tutti’, divario fra centro e periferie

Tutti i cantoni hanno approvato l’oggetto in votazione, con differenze tra regioni per le quali non sarebbe estraneo il ruolo delle chiese
Svizzera
4 ore

No comment del Consiglio federale sul ‘caso Maurer’

Il presidente della Confederazione Parmelin, rispondendo all’interrogazione del Ps, ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del consigliere federale
Svizzera
4 ore

Matrimonio per tutti, felicitazioni dall’Alto commissariato Onu

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) accoglie positivamente il “sì” degli svizzeri tramite un tweet odierno
Svizzera
5 ore

Plr svizzero, lasciano due dirigenti del partito

Hanno rassegnato le dimissioni dall’incarico la segretaria generale Fanny Noghero e il responsabile della campagna elettorale Damian Müller
Svizzera
5 ore

Imposizione individuale, tre modelli nel rapporto del governo

Con la tassazione individuale redditi e patrimoni di ciascun adulto sono tassati singolarmente e l’imposta non deriva dal reddito complessivo di una comunione
Svizzera
6 ore

Credit Suisse aumenta il congedo parentale a 26 settimane

Per l’altra persona che si occupa dei figli, oltre a quella che li accudisce principalmente, il congedo sarà di 6 settimane e non più 12 giorni lavorativi
Svizzera
6 ore

In Svizzera 3’096 contagi in 72 ore. Netto calo dei ricoveri

Il tasso di riproduzione del virus registra un’ulteriore discesa fermandosi a 0,74. Più che dimezzate le ospedalizzazioni rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
22.07.2021 - 14:570
Aggiornamento : 17:24

‘La vaccinazione degli infermieri va incoraggiata’

L’associazione di categoria giudica l’obbligo controproducente. Ma afferma che immunizzarsi 'è la migliore opzione per proteggere se stessi e gli altri'

Berna – L'Associazione Svizzera Infermieri (ASI) è contraria all'obbligo di vaccinazione per il personale di cura e rifiuta ogni sorta di stigmatizzazione. Tuttavia sostiene la campagna nazionale e incoraggia tutti gli infermieri a farsi immunizzare.

"La vaccinazione è la migliore opzione per proteggere se stessi e gli altri e per portare sotto controllo la pandemia", scrive oggi l'associazione in un comunicato. Ma rendere la vaccinazione obbligatoria per il personale infermieristico, come già è il caso in altri paesi, non è la strada giusta da seguire, ritiene l'ASI. Sarebbe perfino controproducente.

Evitare che il vaso trabocchi

"Durante la pandemia il personale di cura ha dato tutto per salvare vite ed evitare sofferenze. Spesso ciò ha richiesto un grande sacrificio personale e, senza equipaggiamento di protezione adeguato, inoltre gli infermieri sono stati esposti a un elevato rischio di contrarre il SARS-CoV-2", spiega Roswitha Koch, responsabile dello sviluppo delle cure infermieristiche in seno all'ASI.

Una vaccinazione obbligatoria potrebbe rappresentare la goccia di troppo, aggiunge. Ancor più infermieri potrebbero essere spinti a lasciare il mestiere. I datori di lavoro potrebbero quindi avere difficoltà nel reclutare nuovo personale, e la qualità delle cure ne risentirebbe.

La questione della proporzionalità 

Si pongono poi anche questioni etiche e giuridiche, rileva l'ASI. La proporzionalità di un simile intervento nei confronti dell'integrità corporale e del diritto all'autodeterminazione rispetto ai benefici per la collettività va chiarita dalla giustizia, se necessario.

Per l'associazione il rispetto delle misure di protezione e l'estensione della strategia di depistaggio sono più efficaci che una vaccinazione obbligatoria. Va poi notato che cifre non rappresentative suggeriscono un tasso di vaccinazione altrettanto alto, se non superiore, presso il personale infermieristico rispetto alla popolazione nel suo complesso.

No al badge per i non vaccinati

Infine l'ASI respinge ogni forma di stigmatizzazione dei suoi membri. È fuori discussione far indossare un badge o qualsiasi altro segno distintivo agli infermieri non vaccinati. Una simile misura, giuridicamente discutibile e sproporzionata, rappresenterebbe un'intromissione inaccettabile nella vita privata. Sarebbero particolarmente stigmatizzati - viene sottolineato - gli infermieri che non possono farsi vaccinare per motivi medici.

Per il momento le autorità svizzere hanno sempre rifiutato l'idea di rendere la vaccinazione obbligatoria per certe categorie della popolazione: preferiscono puntare sull'informazione e l'accessibilità ai vaccini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved