ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 min

Unione sindacale: riconfermato per 4 anni Pierre-Yves Maillard

Due donne vicepresidenti: la presidente di Unia Vania Alleva e la segretaria generale del Vpod/Ssp Natascha Wey
Svizzera
3 ore

Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione

All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
5 ore

Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile

Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
6 ore

Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese

Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
7 ore

Suicidio assistito: Cappato si autodenuncia a Milano

Il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni rischia fino a dodici anni di carcere per aver accompagnato in Svizzera un malato di 82 anni
Svizzera
9 ore

La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’

La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior

Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid

L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior

Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale

Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
22.07.2021 - 14:57
Aggiornamento: 17:24

‘La vaccinazione degli infermieri va incoraggiata’

L’associazione di categoria giudica l’obbligo controproducente. Ma afferma che immunizzarsi 'è la migliore opzione per proteggere se stessi e gli altri'

la-vaccinazione-degli-infermieri-va-incoraggiata
Ti-Press
L’Asi: vaccinarsi è meglio per sé e per gli altri

Berna – L'Associazione Svizzera Infermieri (ASI) è contraria all'obbligo di vaccinazione per il personale di cura e rifiuta ogni sorta di stigmatizzazione. Tuttavia sostiene la campagna nazionale e incoraggia tutti gli infermieri a farsi immunizzare.

"La vaccinazione è la migliore opzione per proteggere se stessi e gli altri e per portare sotto controllo la pandemia", scrive oggi l'associazione in un comunicato. Ma rendere la vaccinazione obbligatoria per il personale infermieristico, come già è il caso in altri paesi, non è la strada giusta da seguire, ritiene l'ASI. Sarebbe perfino controproducente.

Evitare che il vaso trabocchi

"Durante la pandemia il personale di cura ha dato tutto per salvare vite ed evitare sofferenze. Spesso ciò ha richiesto un grande sacrificio personale e, senza equipaggiamento di protezione adeguato, inoltre gli infermieri sono stati esposti a un elevato rischio di contrarre il SARS-CoV-2", spiega Roswitha Koch, responsabile dello sviluppo delle cure infermieristiche in seno all'ASI.

Una vaccinazione obbligatoria potrebbe rappresentare la goccia di troppo, aggiunge. Ancor più infermieri potrebbero essere spinti a lasciare il mestiere. I datori di lavoro potrebbero quindi avere difficoltà nel reclutare nuovo personale, e la qualità delle cure ne risentirebbe.

La questione della proporzionalità 

Si pongono poi anche questioni etiche e giuridiche, rileva l'ASI. La proporzionalità di un simile intervento nei confronti dell'integrità corporale e del diritto all'autodeterminazione rispetto ai benefici per la collettività va chiarita dalla giustizia, se necessario.

Per l'associazione il rispetto delle misure di protezione e l'estensione della strategia di depistaggio sono più efficaci che una vaccinazione obbligatoria. Va poi notato che cifre non rappresentative suggeriscono un tasso di vaccinazione altrettanto alto, se non superiore, presso il personale infermieristico rispetto alla popolazione nel suo complesso.

No al badge per i non vaccinati

Infine l'ASI respinge ogni forma di stigmatizzazione dei suoi membri. È fuori discussione far indossare un badge o qualsiasi altro segno distintivo agli infermieri non vaccinati. Una simile misura, giuridicamente discutibile e sproporzionata, rappresenterebbe un'intromissione inaccettabile nella vita privata. Sarebbero particolarmente stigmatizzati - viene sottolineato - gli infermieri che non possono farsi vaccinare per motivi medici.

Per il momento le autorità svizzere hanno sempre rifiutato l'idea di rendere la vaccinazione obbligatoria per certe categorie della popolazione: preferiscono puntare sull'informazione e l'accessibilità ai vaccini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved