ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’

Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
2 ore

La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro

Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
4 ore

Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?

A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
6 ore

I ghiacciai svizzeri non si sono mai sciolti così tanto

A pesare è soprattutto lo scarso innevamento che ha fatto mancare lo strato protettivo contro le alte temperature dell’estate appena trascorsa
Svizzera
6 ore

Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare

Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
8 ore

‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’

L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
1 gior

In autostrada al massimo a 100 all’ora

È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
1 gior

Il Parlamento converge... sul solare

Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
1 gior

Aborto: 20 anni di regime dei termini

Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
1 gior

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
1 gior

Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.

Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
1 gior

Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza

La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
Svizzera
1 gior

Si prospettano lunghe attese per il pediatra

Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al Pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
Svizzera
1 gior

Premi di cassa malati, previsti forti aumenti in Ticino

Oggi alle 14 ci sarà l’annuncio del ministro della Sanità Alain Berset
Svizzera
1 gior

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
1 gior

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
1 gior

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
1 gior

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
2 gior

Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze

Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
2 gior

Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’

Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
2 gior

Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance

Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
2 gior

Le donne contro la riforma Avs: in centinaia a Berna

La manifestazione indetta dalle donne socialiste e dalle co-presidenti della sezione femminile del partito. Annunciato sciopero per il 14 giugno 2023
Svizzera
2 gior

Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera

Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
2 gior

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi
Svizzera
2 gior

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
2 gior

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
2 gior

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
2 gior

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
2 gior

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
3 gior

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
3 gior

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
laR
 
19.07.2021 - 22:21
Aggiornamento: 20.07.2021 - 08:11

I nuovi monopoli e i ‘nanetti di montagna’

Il professor Finger spiega lo strapotere delle piattaforme come Amazon, Google, Facebook, e perché a rischiare sono anche i lavoratori svizzeri

i-nuovi-monopoli-e-i-nanetti-di-montagna
(Keystone)

La lotta europea ai monopoli passa dalla stessa villa di Fiesole nella quale Boccaccio scrisse il Decamerone. Qui si trovano gli economisti e i politici che cercano di fare qualcosa contro i colossi che col loro potere di mercato impongono regole, prezzi e perfino scelte di vita: non più i vecchi baroni dei trasporti e dell’energia, ma Amazon, Google, Uber, Facebook. Tra i pionieri di questa lotta un po’ donchisciottesca c’è Matthias Finger, docente emerito al Collegio di management della tecnologia del Politecnico di Losanna e autore, insieme al collega Juan Montero, del recentissimo ‘The Rise of the New Network Industries” (l’ascesa delle nuove industrie di rete), edito da Routledge. Con lui cerchiamo di capire da dove arriva lo strapotere di queste aziende e cosa fare per mitigarne le conseguenze negative, possibilmente senza rinunciare ai vantaggi del loro servizio.

Cominciamo dalle basi: perché nascono monopoli di questo tipo?

Monopoli di questo tipo – anche prima di big tech – emergono ogni volta che esiste un cosiddetto effetto di rete, quando cioè il valore di un servizio dipende dalla quantità di persone che esso è in grado di mettere in connessione. L’esempio tipico è quello della rete telefonica, che non avrebbe senso se comprendesse un solo telefono. Facebook, Google, Amazon hanno potere quasi monopolistico proprio per questo: raggiungono un’enorme massa critica di utenti e fornitori a livello globale, mettendo in connessione realtà altrimenti isolate e frammentarie. Noti bene: il loro business non è produrre alcunché, ma coordinare il massimo numero possibile di produttori e consumatori. Amazon ad esempio permette a qualsiasi editore di raggiungere un potenziale lettore, pur non producendo i libri che veicola. È su questo che incassa il suo margine.

Solo un servizio digitale su mille, però, diventa un gigante.

Nel coordinamento e nella messa in rete il vincitore prende tutto: basta guadagnare un vantaggio marginale sui concorrenti in termini di ‘taglia’ per divorare l’intero mercato, o quasi. A porre un confine a questa ipertrofia, in settori come i trasporti o l’energia, sono limiti fisici e politici, che invece non si applicano alle tecnologie digitali.

In cos’altro si differenzia un social network o un motore di ricerca dai monopoli di una volta?

La caratteristica davvero innovativa è ciò che nel nostro studio chiamiamo ‘effetto di rete dell’algoritmo’: la capacità cioè di raccogliere e analizzare i dati degli utenti per comprenderne le preferenze e vendere loro qualcosa, in un processo tanto più efficace quanto più numerosi sono i dati che entrano nel sistema. È qui che si annida il vero vantaggio strategico dei nuovi monopoli, quello su cui si concentra il grosso degli investimenti, con un potenziale destinato ad aumentare ulteriormente grazie a innovazioni tecnologiche quali l’internet delle cose. È con l’idea di raggiungere più utenti e accumularne le informazioni che all’inizio tutti questi servizi hanno investito nella conquista di utenti, anche a costo di perdere denaro nel breve termine. Raccolgono e vendono tutte le informazioni sulla nostra vita, e lì sta il loro valore di mercato, completamente sottratto a qualsiasi forma di antitrust.

Però garantiscono anche servizi sempre più efficienti: non dobbiamo più uscire di casa per un libro o un disco, o attendere per ore un taxi carissimo sotto la pioggia di Londra o New York.

Certo. La funzione vincente è appunto quella di riunire realtà un tempo frammentate – che si tratti di librerie, autisti, pizzaioli – e permettere al cliente un accesso rapido e agevole ai loro servizi, con un rapporto qualità/prezzo che almeno nella fase di conquista del mercato è imbattibile. Si tratta di strutture che si installano ‘in cima’ a mercati già esistenti per ottimizzarne il funzionamento. Così facendo diventano essenziali per quello stesso funzionamento, al punto di poter imporre agli utenti condizioni sempre più stringenti e prezzi sempre più cari.

Facebook però è gratis.

Non per gli inserzionisti. Ma tutto sommato neanche per gli utenti i cui dati vengono mercificati: non pagano nulla, è vero, ma vengono ‘venduti’ al miglior offerente.

È ormai diventato luogo comune il fatto che se un servizio è gratis, la merce siamo noi. La psicologa sociale Shoshana Zuboff parla di ‘capitalismo di sorveglianza’.

Sicuramente il possesso dei dati e la possibilità di sfuggire a qualsiasi controllo possono avere conseguenze sociali enormi. Lo vediamo nell’impatto che hanno i social media sulle elezioni di mezzo mondo, e più in generale nel fatto che possano conoscere sempre più aspetti e segreti delle nostre vite.

Quali sono le conseguenze per il resto dell’economia?

Anzitutto – e lo vedete bene anche voi media tradizionali – la centralizzazione dei profitti nelle mani di pochi. Un esempio tipico è proprio quello degli investimenti pubblicitari che non vanno più nelle tasche degli editori, ma in quelle dei social network o di Google. L’effetto di rete dei giornali – il bacino dei suoi lettori – è risibile rispetto a quello di chi permette a chiunque di trovarne gli articoli su un motore di ricerca, o di condividerli con gli amici sulla propria bacheca social. Il potere di mercato si sposta quindi verso le piattaforme.

Resta il fatto che molte aziende che fanno la pubblicità sui social o vendono un prodotto tramite Amazon restano padrone di quanto creano.

Certo, ma non possono rinunciare alla piattaforma se vogliono raggiungere un numero sufficiente di clienti. Nel frattempo, sono le piattaforme stesse a praticare nei loro confronti il ‘divide et impera’: messi in competizione tra loro, i fornitori del prodotto o del servizio finale sono costretti a garantire prezzi sempre più stracciati alla piattaforma, che di fatto ‘succhia’ i margini di guadagno. Un discorso che ormai vale per intere categorie, dall’editore al musicista, dall’autista al ristoratore.

Qui in Svizzera ha fatto parecchio rumore il caso della Dpd, azienda di consegne postali accusata di costringere i fattorini a turni e condizioni di lavoro massacranti.

Ecco, si tratta di un ottimo esempio per capire cosa succede quando le grandi piattaforme costringono i fornitori a una corsa al ribasso. Amazon ad esempio lo fa spesso, e per venirle incontro i servizi di consegna tendono a subappaltare il servizio ad aziendine più piccole per contenere i costi. Alla fine le conseguenze si riversano sui lavoratori, che si trovano sfruttati e mal pagati, ma chi è in cima alla piramide non deve rispondere a nessuno della sua condotta: in molti casi non è neppure il datore di lavoro di chi sta sfruttando. Alla fine, perfino imprese più ‘sociali’ come le poste nazionali devono adeguarsi alla concorrenza. Il colmo è che per questa condotta delle piattaforme non esiste nessun tipo di autorità di controllo, come è invece il caso per i monopoli tradizionali.

Diversi servizi – ad esempio Uber, che fa concorrenza ai taxi – rovesciano il discorso: a sentir loro permetterebbero a molte persone di lavorare in modo facile e flessibile, nei tempi e per le ore che desiderano. Così ognuno è più libero.

Libero di accollarsi due o tre diversi mestieri pur di arrivare a fine mese, libero di correre dalla mattina alla sera per salari sempre meno adeguati. In questo i nuovi monopolisti sono stati bravissimi a strumentalizzare la vecchia utopia di internet elaborata dagli hippy californiani: la promessa di un mondo decentralizzato, antiautoritario, dove ciascuno possa avere un’opportunità e una voce.

“Creeremo una civiltà della mente, più umana ed equa”, stava scritto nella famosa ‘Dichiarazione di indipendenza del cyberspazio’, anno Domini 1996.

Ma dietro a certe realtà ci sono manager e fondi di investimento che all’equità preferiscono la gerarchia e il profitto, che pervertono questa promessa libertaria e la riducono a una strategia di marketing.

Che fare per ripristinare un equilibrio competitivo e contenere i monopolisti?

Per ora credo che l’idea migliore sia quella seguita dall’Unione europea: leggi e controlli per ridare agli utenti il possesso dei loro dati, da quelli anagrafici alla lista dei loro acquisti. Così che un giorno sia possibile per loro trasferirli liberamente e senza costi espliciti o impliciti da una piattaforma all’altra, senza che quella precedente li conservi. Al contempo, occorre garantire l’interoperabilità tra piattaforme diverse e la parità di accesso alle infrastrutture lungo le quali si muovono i dati. È la linea seguita dall’Ue in diverse aree, dai trasporti alla finanza, dall’ambiente alla ricerca.

Non sarebbe più facile statalizzare tutto? Alcuni dicono che non si sarebbero dovuti privatizzare neppure i servizi postali, visto quel che sta succedendo.

Non facciamo confusione. Non sono le privatizzazioni del passato a creare questa nuova pressione, ma l’emergere di industrie tutte nuove, di natura diversa, che si sottraggono a ogni regolamentazione. È proprio una nuova regolamentazione che serve per evitarne gli eccessi, pur preservando i benefici delle innovazioni digitali che abbiamo tutti sotto gli occhi. Si tratta di tenere in mano pubblica solo quei servizi e infrastrutture non replicabili, un po’ come si fa per i binari ferroviari, dato che non avrebbe senso costruirne un nuovo paio per ogni concorrente. Questo, insieme alla protezione dei dati, non impone la nazionalizzazione totale di servizi peraltro internazionali. Non ha senso seguire questa strada anche dove abbiamo visto che la concorrenza funziona, semmai si tratta di impedire a pochi attori di soppiantarla.

Le regole sono difficili da applicare a business che operano su scala globale. Gli Stati Uniti ad esempio si oppongono, dicono che quello europeo è solo protezionismo.

Sicuramente il potere di queste aziende è così enorme che è difficile introdurre le riforme necessarie. Spero però che almeno su scala continentale si possa raggiungere la massa critica per ricondurle a più miti consigli: dopotutto, l’Europa è un enorme mercato.

L’incentivo a deviare, però, è fortissimo. Già a livello fiscale abbiamo visto Paesi come l’Irlanda smarcarsi dalle regole continentali pur di attirare il big tech. Un ‘giochino’ che fa da tempo anche la Svizzera.

Certo, e probabilmente continueremo a farlo fino a quando l’Unione europea non ci imporrà misure drastiche, come potrebbe accadere nel caso in cui smettesse di essere così divisa e irresoluta. Nel frattempo, si tratta comunque di un gioco pericoloso: il deterioramento dei diritti del lavoro, il dominio del mercato da parte di pochi, i conflitti sociali e politici che ne scaturiscono investono anche la Svizzera, ma non si risolvono su scala nazionale. È un’illusione pericolosa quella di poter fare da sé in un mondo di reti così ampie e coese: non possiamo giocare ancora ai nanetti di montagna che approfittano del denaro dei giganti, perché la conseguenza è un immiserimento che riguarda anche noi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved