06.07.2021 - 15:32
Aggiornamento: 17:35

‘Enormi disuguaglianze sociali in Svizzera’

La Gioventù socialista lancia la campagna a favore dell’iniziativa 99%. Nel mirino, l’1% dei contribuenti più ricchi.

enormi-disuguaglianze-sociali-in-svizzera
Keystone
Ronja Jansen

Berna – Viste le sempre crescenti disparità, l'iniziativa "Sgravare i salari, tassare equamente il capitale" (iniziativa 99%), in votazione il prossimo 26 settembre, è più che mai necessaria. Per la Gioventù socialista (GISO) e i sindacati, tassare l'1% dei contribuenti più ricchi permetterà di ridistribuire 10 miliardi ai meno abbienti e alla classe media tramite sgravi fiscali e investimenti sociali.

Il comitato promotore, che oggi a Berna ha lanciato la campagna a favore del testo, sottolinea che negli ultimi 17 anni le 300 persone più ricche della Svizzera hanno raddoppiato il loro patrimonio, che ha ormai raggiunto 707 miliardi di franchi svizzeri. I loro conti lievitano di diversi miliardi l'anno grazie ai redditi da capitale, affermano. Una prosperità creata dal 99% delle persone che lavorano ogni giorno negli uffici, nei supermercati, nei cantieri o negli ospedali, ma che non ne beneficiano.

Ridistribuzione della ricchezza

"Le disuguaglianze sociali ha raggiunto proporzioni enormi in Svizzera", ha detto Ronja Jansen, presidente di GISO Svizzera alla conferenza stampa. "Con l'iniziativa il 99%, recuperiamo miliardi di profitti dei più ricchi e restituiamo i soldi alle persone che hanno effettivamente lavorato per guadagnarli."

Grazie agli introiti fiscali supplementari generati dalla tassazione dell'1% dei più ricchi, si potranno finanziare i servizi pubblici, che durante la pandemia si sono rivelati essenziali, ma che negli ultimi anni sono stati pesantemente colpiti da misure di austerità, ha aggiunto il vicepresidente Thomas Bruchez. Anche le donne, che guadagnano globalmente 108 miliardi di franchi meno degli uomini e sono più spesso colpite dalla povertà, beneficerebbero in particolare di una ridistribuzione della ricchezza, ha sottolineato Tamara Funicello, presidente delle Donne socialiste.

‘Invertire la tendenza’

I promotori sono convinti che l'iniziativa sia più urgente che mai, visto che la crisi legata al Covid-19 ha esacerbato ulteriormente le disuguaglianze. È tempo di lasciarsi alle spalle decenni di sgravi fiscali per i ricchi sulle spalle dei lavoratori. "Dagli anni '90, le imposte sugli utili delle imprese, sui redditi da capitale e sul patrimonio sono state ridotte a tappe, mentre il carico fiscale sui lavoratori è aumentato. È ora di invertire questa tendenza", ha aggiunto Pierre-Yves Maillard, presidente dell'Unione sindacale svizzera.

Il testo, depositato nel maggio del 2019, chiede di tassare il 150% dei redditi da capitale al di sopra di un determinato importo. Non viene fornita alcuna cifra, ma la GISO propone una soglia di 100'000 franchi per evitare di colpire i piccoli risparmiatori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved