WAS Capitals
2
COL Avalanche
1
1. tempo
(2-1)
NJ Devils
2
SEATTLE KRAKEN
0
1. tempo
(2-0)
MON Canadiens
0
SJ Sharks
2
1. tempo
(0-2)
BUF Sabres
1
VAN Canucks
2
1. tempo
(1-2)
DETROIT RED WINGS
COB Jackets
01:30
 
CHI Blackhawks
NY Islanders
02:00
 
NAS Predators
LA Kings
02:00
 
MIN Wild
WIN Jets
02:00
 
mercato-italiano-imprese-svizzere-non-discriminate
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Covid, ‘mea culpa’ del Cf sul turismo degli acquisti

Berna ammette degli errori di valutazione sulle multe inflitte all’inizio della pandemia per arginare gli acquisti fuori confine
Svizzera
8 ore

Berna, alpinista muore in un crepaccio

La caduta fatale è avvenuta domenica sullo Jungfraufirn. Il cadavere dell’escursionista recuperato solamente ieri
Svizzera
9 ore

Vaud, clima ostile al parco eolico di Sainte-Croix

L’avvio del cantiere preceduto da attacchi polemici e vandalismi ai danni di promotori e appaltatori dell’opera
Svizzera
9 ore

Verso l’abolizione del divieto per la cannabis

Via libera dalla Commissione sanità degli Stati per l’elaborazione di un progetto ad hoc
Svizzera
10 ore

‘Situazione sfavorevole, sgomberare il campo da false notizie’

Gli esperti evidenziano la ripresa dei contagi soprattutto nei cantoni con bassi tassi di vaccinazione. Occorre convincere gli indecisi e vigilare
Svizzera
11 ore

Gli ospedali fatturano prezzi eccessivi alle complementari

Secondo Mister Prezzi i nosocomi fanno pagare degli extra ai pazienti assicurati in reparto semi-privato o privato
Svizzera
11 ore

In Svizzera 1’240 contagi, cala l’occupazione in cure intense

Il tasso di positività sale al 5,32%. Le terapie intensive sono ora occupate da pazienti Covid al 13,30% e complessivamente al 68,50%
Svizzera
12 ore

In Svizzera si andrà a sciare senza certificato Covid

Lo comunica oggi l’associazione Funivie Svizzere. Gli sciatori dovranno indossare la mascherina nelle cabine e nei locali al chiuso. Ma l’Ufsp frena
Svizzera
23.06.2021 - 14:010
Aggiornamento : 24.06.2021 - 17:25

Mercato italiano, imprese svizzere non discriminate

Secondo il Consiglio federale prezzi e burocrazia sono un problema per le aziende che cercano un mercato in Italia, ma non si tratta di protezionismo

Oneri amministrativi derivanti da una legislazione più complessa e meno trasparente, ma anche difficoltà legate alla concorrenza sui prezzi. Nell'accesso al mercato tra la Svizzera e l'Italia i prestatori di servizi elvetici incontrano maggiori difficoltà rispetto agli altri Stati limitrofi. È quanto emerge da un rapporto adottato oggi dal Consiglio federale. Secondo lo studio, non c'è però nessuna discriminazione sistematica della Svizzera.

Il rapporto è stato presentato sulla base di un postulato dell'ex consigliere nazionale Marco Chiesa (Udc), ora agli Stati, che chiedeva di illustrare le condizioni d'accesso (legali, burocratiche, finanziarie e amministrative) al mercato dei Paesi limitrofi, prendendo in considerazione il rispetto degli accordi bilaterali e la reciprocità tra Stati.

In una nota odierna, il Consiglio federale spiega che "non si configurano discriminazioni sistematiche nei confronti di prestatori di servizi di breve durata e attori svizzeri che partecipano a concorsi pubblici nei mercati che rientrano nel campo d'applicazione degli accordi internazionali".

Il rapporto si è concentrato in particolare sulle condizioni d'accesso tra Svizzera e Italia, poiché è in quest'ultimo Paese - a differenza di Germania, Francia e Austria, nei quali non si segnalano "problemi di rilievo" - che i prestatori di servizi elvetici si trovano davanti i maggiori ostacoli.

Prezzi più alti e oneri amministrativi

La burocrazia italiana è un ostacolo, nota il rapporto. Nella prassi, infatti, le procedure amministrative italiane risultano più complesse e gravose in termini di tempo rispetto a quelle svizzere.

Le difficoltà nella prestazione di servizi o nella partecipazione a concorsi pubblici in Italia sono state indicate dalle 17 imprese della Camera di Commercio del Cantone Ticino che hanno risposto al sondaggio, meno del 2% del totale dei membri: un riscontro definito comunque "scarso". Tra i problemi si contano gli oneri amministrativi derivanti dalla complessità della normativa italiana e la scarsa competitività dei prezzi svizzeri: secondo il rapporto "entrambi questi fattori scoraggiano le piccole e medie imprese ticinesi interessate al mercato italiano".

La Camera di Commercio del Cantone Ticino ritiene che una semplificazione e una maggiore trasparenza della legislazione e delle procedure del sistema giuridico italiano sarebbero d'aiuto. Tuttavia, rende attento il rapporto, ciò può avvenire soltanto mediante riforme strutturali da parte dello Stato italiano: ma la legislazione italiana si applica a tutti gli attori, nazionali e stranieri, quindi anche alle imprese svizzere. "In assenza di discriminazione nei loro confronti, non esiste alcuna possibilità di intervenire presso le autorità italiane", sottolinea il rapporto.

Interventi mirati – secondo quanto riportato nel comunicato governativo – hanno tuttavia permesso, negli ultimi anni, di risolvere con successo alcuni problemi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved