al-via-il-vertice-biden-putin-a-ginevra
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
24 min

Cure intense e triage, peseranno anche sforzi richiesti e durata

L’Accademia svizzera delle scienze mediche (Assm) ha aggiornato le linee guida per le scelte da parte dei sanitari in caso di sovraccarico dei reparti
Svizzera
46 min

Marchesi: ‘Via il divieto di gare automobilistiche in circuito’

Il Consigliere nazionale Piero Marchesi ha depositato un’iniziativa parlamentare. Il divieto risale al 1955 in seguito al grave incidente a Le Mans
Svizzera
1 ora

Dai cantoni grandi sforzi per aumentare le vaccinazioni

Squadre mobili, ‘vaxbus’ e campagne mirate: molte le strategie messe in atto. Dopo le vacanze estive il numero di vaccinazioni è tornato ad aumentare
Svizzera
1 ora

Oltre il 17% degli alunni svizzeri è in sovrappeso

Lo rivela uno studio di Promozione Salute Svizzera su 29’000 alunni di nove cantoni, fra cui i Grigioni, e quattro città. Pesano nazionalità ed estrazione sociale
Svizzera
1 ora

80 milioni allo sport, dentro ‘Velodromo Ticino’ e Pse luganese

Unanimità agli Stati sul credito per la promozione dello sport in Svizzera per il periodo 2022-2027, in cui sono inclusi i due progetti ticinesi
Svizzera
2 ore

Per il Ceo di Moderna la pandemia nel mondo finirà tra un anno

Secondo Stéphane Bancel, entro la metà del 2022 ci saranno dosi sufficienti per vaccinare tutti sul pianeta. Allo studio vaccini combinati per Covid e influenza
Svizzera
3 ore

In Svizzera pochi posti di sosta per nomadi Jenish, sinti e rom

Lo sostiene il Centro svizzero di competenza per i diritti umani. I proprietari di terreni privati hanno il diritto di offrire il loro terreno
coronavirus
13 ore

Test a pagamento sotto tiro in Svizzera

La Commissione sanità del Nazionale chiede al Consiglio federale di fare marcia indietro. Il ‘Blick’: il Governo starebbe cercando una via mediana.
Svizzera
14 ore

Relazioni Svizzera-Ue, Parmelin replica a Šefčovič

Il presidente della Confederazione da New York: ‘Prima il dialogo politico, poi metteremo tutto sul tavolo: anche i 20 miliardi di Alptransit’.
Svizzera
15 ore

No a Chiesa (Udc): ‘Niente moratoria sulla libera circolazione’

La consigliera federale Keller-Sutter giustifica il no del governo alla mozione, poi bocciata dagli Stati, affermando che ‘il Ticino è vittima del suo successo’
Svizzera
17 ore

Gioventù e fumo, a tetto la legge che limita la pubblicità

Eliminate le ultime divergenze: le sigarette potranno contenere mentolo. Si andrà a votare sull’iniziativa per un divieto generalizzato
Svizzera
17 ore

Lupi, Berna toglie il fucile ai Grigioni

L’Ufficio federale dell’ambiente ha respinto la domanda di abbattimento di due giovani lupi del branco di Stagias. ‘Hanno predato meno di 10 capi di bestiame’
Svizzera
17 ore

Friburgo, scoperto raro coleottero (dai gusti difficili)

Vive solo in ambienti boschivi in pendenza, ricchi di legno morto divorato da funghi particolari
Svizzera
16.06.2021 - 14:040
Aggiornamento : 15:11

Al via il vertice Biden-Putin a Ginevra

I due leader sono stati accolti dal presidente della Confederazione Guy Parmelin

Il presidente russo Vladimir Putin e, poco dopo, il suo omologo americano Joe Biden sono arrivati poco fa alla Villa La Grange a Ginevra per l'atteso vertice. I due, accolti dal presidente della Confederazione Guy Parmelin, si sono quindi stretti la mano, poi si sono guardati negli occhi, ma il presidente russo ha subito distolto lo sguardo verso i fotografi.

All'entrata di Villa La Grange Parmelin ha affermato che la Svizzera è "felice, in conformità alla sua tradizione di buoni uffici, di favorire il dialogo e la mutua comprensione. Vi auguro un dialogo fruttuoso nell'interesse dei vostri paesi e del mondo", ha aggiunto. Parmelin si è poi rivolto a Putin e Biden brevemente in russo e in inglese prima di condurli nella villa.

"Ci sono molte questioni che si sono accumulate, spero che il nostro incontro oggi sia produttivo", ha detto Putin a Biden prima dell'inizio dei negoziati.

"Sempre meglio incontrarsi faccia a faccia", ha detto Biden a Putin poco prima dell'inizio del vertice che si tiene nella biblioteca della Villa La Grange. I due leader hanno scambiato pochissime parole di circostanza, restando poi a lungo in silenzio. Biden è apparso sorridente e rilassato, Putin più teso e austero. Con loro anche i rispettivi capi della diplomazia, Antony Blinken (con in mano un block note) e Sergei Lavrov.

I colloqui dovrebbero durare almeno quattro-cinque ore. Sia Biden che Putin intendono tornare a casa già in serata.

Quello di oggi è il primo vertice tra i presidenti delle due maggiori potenze nucleari da quando Biden è entrato in carica a gennaio. Gli argomenti includono la stabilità strategica nel mondo, il disarmo nucleare, il controllo degli arsenali di armi e i conflitti in Afghanistan, Libia, Siria e la disputa sui programmi nucleari in Iran e Corea del Nord. Biden, aveva dichiarato di voler anche affrontare le violazioni dei diritti umani in Russia.

I temi caldi a Ginevra, anche rientro ambasciatori


La quadra è tutta da trovare. I temi sul tavolo dei negoziati a Ginevra sono tanti: molti rappresentano punti di scontro, ad esempio i diritti umani e il caso Navalny, alcuni invece possono vedere una convergenza d'interessi. E le rispettive delegazioni paiono interessate a concentrarsi proprio su questi.

L'antiproliferazione nucleare e il controllo degli armamenti è senz'altro il dossier dove si potrebbe trovare più facilmente un'intesa. Joe Biden ha prolungato il trattato New START (che regola il numero delle testate nucleari di Mosca e Washington) e ha lanciato segnali importanti su possibili passi ulteriori. Il Cremlino ha accolto con soddisfazione (con Donald Trump alla Casa Bianca fu un buco nell'acqua).

Qui si potrebbe aprire qualche spiraglio per un nuovo accordo sui missili a media e corta gittata (il defunto INF) e, magari, l'apertura di un tavolo sui super-vettori, le arme ipersoniche di ultima concezione. Mosca, sostengono diversi analisti, è avanti rispetto a Usa e Cina nel loro impiego e non ha pregiudizi a parlarne. Il Cremlino ha fatto capire che Biden e Putin oggi potrebbero dare il là a un percorso negoziale separato sul tema - "non sarà facile" - con indicazioni chiare sul "come e il quando"

Nel campo del controllo degli armamenti l'altro aspetto molto caro al Cremlino è la regolamentazione del cyber-spazio, dove si vuole avviare un processo di de-escalation simile a quanto avvenuto per le armi atomiche negli anni Ottanta del Novecento. Molto spinoso, ma cruciale per Mosca, è poi il tema del fronte occidentale. Ovvero l'Europa dell'Est. Con l'addentellato, naturalmente, del conflitto congelato nel Donbass. L'ingresso nella Nato dell'Ucraina è fumo negli occhi per Putin. E la Bielorussia deve restare nell'area d'influenza russa. La questione è rubricata nella dicitura 'affari regionali', ma qui l'intesa sarà molto più dura (per non dire impossibile). A meno che non si resusciti il consiglio Nato-Russia. Si vedrà.

Stando alle informazioni della vigilia al vertice Putin e Biden parleranno anche di cooperazione economica, clima, Artico - sono in aumento le frizioni nel profondo nord - e lotta al coronavirus; sarà inoltre riservato spazio per Siria, Libia, Nagorno-Karabakh e l'accordo nucleare iraniano (dove pure ci potrebbero essere sorprese). Un risultato pratico, alla portata del vertice, sarebbe il ritorno nelle capitali dei rispettivi ambasciatori, John Sullivan e Anatoly Antonov, ormai lontani da diversi mesi.

Il portavoce di Putin ha assicurato che i presidenti ne discuteranno. L'ultimo capitolo potrebbe essere lo scambio di alcuni detenuti 'eccellenti'. Si fanno i nomi del pilota russo Konstantin Yaroshenko (condannato per traffico di droga) e degli americani Trevor Reed e Paul Whelan. Ma sul punto - in particolare per Whelan, condannato per spionaggio - ci sarebbero ancora molte distanze da colmare.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved