perequazione-quasi-52-milioni-al-ticino-nel-2022
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
24 min

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
36 min

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
1 ora

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
2 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
2 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
4 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il Governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
5 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
5 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
Svizzera
6 ore

Pfister, ‘la comunità politica europea di Macron è un’opzione’

Per il presidente del Centro, il Consiglio federale dovrebbe approfondire il modello lanciato dal premier francese: ‘È un’opportunità’
Svizzera
19 ore

Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa

Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
Svizzera
20 ore

In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina

Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’574 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
1 gior

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
1 gior

A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa

Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
1 gior

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
15.06.2021 - 11:47
Aggiornamento : 16:18

Perequazione, quasi 52 milioni al Ticino nel 2022

Si tratta di un aumento di 7,895 milioni rispetto al 2021. Il 60% dell'importo a carico della Confederazione, il 40% dai cantoni più 'ricchi'

Ats, a cura de laRegione

Nel 2022 la Confederazione e i Cantoni finanziariamente forti metteranno a disposizione di quelli più deboli 5,305 miliardi di franchi, ovvero 91 milioni (+1,7%) in più rispetto a quest'anno. Il Ticino otterrà 51,861 milioni, i Grigioni 268,006 milioni.

L'Amministrazione federale delle finanze (AFF) ha calcolato i versamenti di compensazione nell'ambito della perequazione finanziaria. Come si estrapola dalle tabelle pubblicate oggi, il cantone italofono riceverà 7,895 milioni in più che nel 2021, quello retico 1,765 in meno.

I calcoli, precisa l'AFF, saranno ora sottoposti ai Cantoni, che forniranno il loro parere. Il 2022, si ricorda in una nota, sarà il terzo anno di transizione della riforma della perequazione finanziaria. Il valore di riferimento della dotazione minima garantita verrà abbassato dall'87,1% all'86,5% della media svizzera.

Dotazione calerà

A seguito dell'abbassamento del valore di riferimento, la dotazione calerà (-210 milioni). A questa riduzione si contrapporranno versamenti più elevati per effetto del potenziale di risorse (+114 milioni) e dell'incremento delle disparità (+23 milioni). A saldo i versamenti di compensazione ai Cantoni "poveri" diminuiranno quindi di 74 milioni a 4,0 miliardi di franchi (-1,8%), rileva ancora l'AFF.

Il 60% dell'importo sarà finanziato dalla Confederazione e il 40% dai Cantoni più "ricchi". Per la perequazione delle risorse del 2022 è determinante il periodo 2016-18. Le conseguenze della pandemia di coronavirus non hanno dunque alcuna ripercussione.

Maggiori "donatori" e maggiori "beneficiari"

Spulciando i dati dei vari cantoni emerge che i maggiori "donatori" sono Zurigo (492,501 milioni) e Zugo (327,760). Versano oltre 150 milioni anche Svitto (199,983) e Ginevra (150,514). Al contrario, il maggior beneficiario è Berna, che incassa 936,596 milioni. Segue il Vallese (798,987), davanti a Friburgo (537,412) e ad Argovia (481,790).

Per quanto concerne le variazioni rispetto al 2021, l'indice delle risorse aumenterà in 14 Cantoni e scenderà in 12. Svitto (+2,0 punti), San Gallo (+2,0) e Nidvaldo (+1,8) registrano gli incrementi più significativi, mentre le diminuzioni più nette toccano Obvaldo (-14,4 punti), Friburgo (-3,5) e Basilea Città (-1,5). Per il Ticino il dato è un -0,8, per i Grigioni un +0,1.

Sgravi e aggravi maggiori per abitante

Nella differenza su dodici mesi, considerando la popolosità, lo sgravio (minori uscite e maggiori entrate) pro capite più accentuato spetta a Obvaldo (251 franchi per abitante). Seguono Friburgo (235 franchi per abitante), Ginevra (83) e Basilea Città (80). L'aggravio (maggiori uscite e minori entrate) più pesante ricade su San Gallo (123), seguito da Giura (98), Glarona (85) e Turgovia (65). Più stabile la situazione in Ticino (sgravio di 22 franchi per abitante) e nei Grigioni (aggravio di 11 franchi per cittadino).

Entrando ancor più nel dettaglio, la somma del Ticino deriva da 20,200 milioni di perequazione delle risorse, 21,081 di compensazione degli oneri e 13,803 di misure di attenuazione. Per ottenere i 51,861 milioni bisogna poi sottrarre 3,223 milioni di compensazione di casi di rigore.

Nel caso dei Grigioni, la perequazione delle risorse porterà 124,951 milioni, la compensazione degli oneri 137,085, le misure di attenuazione 7,949, mentre vanno tolti 1,980 milioni per i casi di rigore, il che porta ai 268,006 milioni citati in precedenza.

Contributo della Confederazione: 863 milioni

Globalmente, nel 2022 il contributo della Confederazione alla compensazione degli oneri ammonterà a circa 863 milioni di franchi. La crescita di 62 milioni di franchi rispetto a quest'anno è da ricondurre principalmente all'aumento della perequazione dell'aggravio sociodemografico nel quadro della riforma 2020 (+60 milioni). Inoltre, la perequazione dell'aggravio geotopografico e di quello sociodemografico è stata adeguata al rincaro (+0,3 %), precisa ancora l'AFF.

La compensazione dei casi di rigore è invece stata introdotta nel 2008, con il passaggio al nuovo sistema di perequazione finanziaria. Dal 2016 il versamento viene ridotto ogni anno del 5% rispetto all'importo iniziale. Nel 2022 si attesterà a 227 milioni (-17).

Attenuare ripercussioni riforma

Per attenuare le ripercussioni della riforma della perequazione 2020, da quest'anno si applicherà lo strumento delle misure di attenuazione limitate nel tempo. Verranno stanziati 200 milioni di franchi a 18 Cantoni finanziariamente deboli.

La palla passa ora alla Conferenza dei direttori cantonali delle finanze (CDCF), che si pronuncerà su tutti questi numeri nell'ambito dell'assemblea plenaria del prossimo 24 settembre. Presenterà poi un rapporto al Dipartimento federale delle finanze (DFF).

A seguito dell'indagine conoscitiva le cifre potrebbero quindi cambiare. Solo in un secondo momento il Consiglio federale adeguerà l'ordinanza concernente la perequazione finanziaria e la compensazione degli oneri (OPFC) e la porrà in vigore con effetto al 1° gennaio 2022.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
confederazione perequazione finanziaria ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved