legge-co2-rischiamo-di-infilarci-in-un-vicolo-cieco
Keystone
Farinelli
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Al vice di Ursula von der Leyen il dossier ‘Svizzera’

Il vicepresidente della Commissione Ue, lo slovacco Maros Sefcovic, subentra all’austriaco Johannes Hahn. Sarà lui la persona di contatto di Ignazio Cassis
Svizzera
10 ore

Sconfitta Nestlé: forma capsule Nespresso non può essere protetta

Respinto un ricorso dell’azienda con sede a Vevey (Vd) contro una decisione della giustizia vodese
Svizzera
11 ore

Svizzeri fermati in Germania con Covid Pass falsi

È avvenuto lo scorso fine settimana ma la polizia lo ha reso noto solo oggi. Aperta indagine per falsificazione di documenti
Svizzera
13 ore

A Palazzo federale col certificato Covid, pronte le basi legali

La misura, su cui le Camere delibereranno la prossima settimana, permetterà ai parlamentari di svolgere il proprio ruolo senza mascherine e plexiglas divisori
Svizzera
13 ore

Più calma la situazione Covid in Svizzera, ma non in cure intense

L’età media dei contagiati più bassa e la diminuzione dei rientri dalle vacanze causano un calo dei ricoveri, ma le terapie intensive sono ancora sotto pressione
Svizzera
14 ore

Sul Glacier Express, ‘biglietti e certificato Covid, prego’

Il treno panoramico che collega Zermatt a St. Moritz attraverso le Alpi è considerato un ristorante e come tale sottostà alle relative regole
Svizzera
14 ore

In Svizzera 1’235 contagi in 24 ore, cala la pressione ospedaliera

Il tasso di riproduzione del virus si mantiene sotto l’1. Il livello dei contagi è inferiore rispetto a quello della scorsa settimana
Svizzera
14 ore

Svizzera campione mondiale dell’innovazione: lo dice l’Ompi

Per la graduatoria stilata dall’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale, la Confederazione si mette di nuovo alle spalle Svezia, Usa e Regno Unito
Svizzera
16 ore

Turismo della spesa, si discute la riduzione della franchigia

Accolti agli Stati tre testi volti a risolvere per via fiscale il problema degli acquisti all’estero abbassando la soglia di esenzione
Svizzera
16 ore

Reddito di base incondizionato, spunta un altro progetto

L’iniziativa propone di inserire il principio di un reddito di base per tutti nella Costituzione ma lascia alla legge il compito di regolarne l’ammontare
Svizzera
16 ore

Nell’agricoltura svizzera si fa sempre meno uso di pesticidi

Emerge da un rapporto annuale dell’Ufficio federale dell’agricoltura (Ufag). Si stanno dimostrando efficaci le misure del piano d’azione del 2017
Svizzera
13.06.2021 - 17:570
Aggiornamento : 18:15

Legge CO2, ‘rischiamo di infilarci in un vicolo cieco’

I timori di Alex Farinelli dopo il risicato ‘no’ odierno. ‘Faccio fatica a capire in quale direzione potremmo andare adesso’.

Alex Farinelli, consigliere nazionale del Plr, come analizza il ‘no’ alla legge sul CO2?

Tutti, o quasi, a parole dicono di voler fare qualcosa per affrontare la sfida del cambiamento climatico, dell’uscita dai combustibili fossili. Poi però non si riesce a far passare nemmeno un compromesso che godeva di un’ampia base di sostegno a livello parlamentare. Adesso faccio fatica a immaginare in quale direzione si possa andare.

La mobilitazione contro le due iniziative sui pesticidi ha trascinato nella fossa la legge sul CO2?

È possibile. Le votazioni concomitanti sulle due iniziative sui pesticidi hanno mobilitato gli elettori nelle zone rurali. Posso immaginare che qui i cittadini si siano sentiti messi un po’ sotto pressione. Inoltre, credo che il contesto – parlo dell’incertezza che sussiste a livello economico a causa della pandemia – abbia pure avuto un ruolo nel risicato ‘no’ alla legge sul CO2.

Anche una parte importante dell’elettorato liberale-radicale ha respinto la legge. Lo si può leggere anche come un segnale di sfiducia nei confronti dei vertici del partito.

No. Il riorientamento ‘verde’ del Plr non è stato imposto dai vertici, ma è stato avallato a larghissima maggioranza dalla base del partito. Il fatto è che il passaggio da un’idea alla sua concretizzazione è sempre delicato.

Questa non era una legge «socialista», come la definisce il presidente dell’Udc Marco Chiesa. Ma affidava allo Stato un ruolo importante, e prevedeva anche sovvenzioni ad ampio raggio. Qualcosa che non era proprio nel Dna del suo partito.

Questa legge non attribuiva un ruolo così importante allo Stato. Puntata invece sulla responsabilità individuale: in virtù delle tasse incitative previste, ogni cittadino sarebbe stato reso ancor più responsabile del proprio comportamento. La legge era liberale: non imponeva alcun divieto. Mentre già oggi sento i Verdi parlare di divieti: questo sì che sarebbe un intervento forte da parte dello Stato.

Non teme una crisi d’identità per il suo partito, insomma?

Assolutamente no. Ripeto: la base ha sostenuto a larghissima maggioranza il cambiamento. E la proposta di una tassa sui biglietti aerei è venuta addirittura dalla stessa assemblea dei delegati. Una parte dell’elettorato liberale-radicale non ha ostenuto la legge. Ma fa parte dell’ordine delle cose, per un partito che gioca al centro dello scacchiere politico.

Il Parlamento dovrà rimettersi al lavoro, ricominciare da capo o quasi. Come la vede?

Mi pare di capire che l’Udc non abbia molta voglia di fare qualcosa. Il messaggio che ha lanciato in questa campagna era che è inutile che la Svizzera faccia troppi sforzi contro il riscaldamento globale.

L’Udc afferma di avere pronto un piano B. E si potrà comunque rilanciare sui punti incontestati della legge affossata.

Sui punti cruciali di questa legge, quelli che davvero contano, l’Udc non ha mai manifestato un’apertura. Starà soprattutto a loro, comunque, indicare quali sono le strade da percorrere. Una cosa è certa: ci vorrà un anno, un anno e mezzo per elaborare una nuova legge in Parlamento; e probabilmente vi sarà ancora una coda referendaria, perché posso immaginarmi che il progetto alla fine sarà o troppo estremo o troppo blando, per cui qualcuno lo vorrà portare davanti al popolo. La mia paura è che potremmo infilarci in una sorta di vicolo cieco: nel senso che arriveremo a un punto in cui saremo obbligati a chiedere sacrifici ancora più importanti (ma apparentemente è impossibile), oppure a rinunciare all’obiettivo che ci siamo impegnati a rispettare firmando gli accordi di Parigi sul clima.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved