ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
28 min

Per la Rega nel 2022 un numero di pazienti soccorsi da record

Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
Svizzera
14 ore

Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale

Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
17 ore

Circa 900 scosse sismiche in Svizzera e dintorni nel 2022

La terra ha tremato un po’ meno rispetto agli ultimi anni. Gli eventi più significativi percepiti nella Confederazione, hanno avuto epicentro all’estero.
Svizzera
19 ore

USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro

I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
19 ore

Ginevra, Uber può continuare a operare

L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
20 ore

Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3

Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
21 ore

Penuria di farmaci, al lavoro una task force

Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
22 ore

Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento

Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
1 gior

1° febbraio: è il giorno della prova sirene

Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
1 gior

Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’

L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
1 gior

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
1 gior

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
1 gior

Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi

È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
Svizzera
1 gior

Stranieri di terza generazione, no a naturalizzazione agevolata

Prematura una revisione della procedura: la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati raccomanda di respingere l’iniziativa parlamentare
Svizzera
1 gior

Gatto chiuso in una gabbia ritrovato morto nell’Aare

L’animale era stato recuperato da un pescatore a Wolfwil. Sulla vicenda sta indagando la Polizia cantonale solettese
Svizzera
1 gior

Catena della solidarietà, 154 milioni di ‘anelli’ nel 2022

L’anno appena concluso è stato il secondo in assoluto per la somma complessiva raccolta: solo nel 2004 le donazioni erano state superiori
13.06.2021 - 15:33
Aggiornamento: 18:53

Gli svizzeri respingono di misura la legge sul CO2

La normativa che concretizzava l’impegno assunto dalla Svizzera firmando l’Accordo di Parigi sul clima è stata bocciata dal 51,6% dei votanti

gli-svizzeri-respingono-di-misura-la-legge-sul-co2
Keystone
Non ci sarà nessuna tassa sui biglietti aerei

Gli svizzeri non vogliono tasse di incentivazione per combattere il riscaldamento globale. La legge sul CO2 è stata respinta domenica dal 51,6% dei votanti. A pesare in favore del "no" sono stati in particolare i cantoni rurali, più sensibili alle argomentazioni degli oppositori. La partecipazione è stata del 58,9% degli aventi diritto.

Il progetto ha perso gradualmente sostegno con il passare delle settimane. Gli argomenti finanziari sostenuti dagli oppositori, che hanno fatto campagna a tappeto fuori dalle grandi città, hanno finito per fare breccia. Sul progetto ha probabilmente avuto un influsso negativo anche la concomitante votazione sulle due iniziative agrarie, che hanno oscurato il tema della salvaguardia del clima.

In Ticino la legge è stata respinta con il 55,5% dei voti, per una partecipazione del 48,7%. Nei Grigioni - dove ha preso parte allo scrutinio il 59,7% degli aventi diritto - la bocciatura è stata del 53,4%.

Fra i campioni del "no" spiccano i cantoni della Svizzera centrale, come Svitto (65,5%), Uri (65,0%), Nidvaldo (61,8%), Obvaldo (63,8%), Glarona (60,0%), ma anche tutta la parte orientale del Paese, come Appenzello Interno (64,9%) o San Gallo (57,1%), ai quali vanno ad aggiungersi Argovia (56,0%) e i romandi Vallese (60,1%), Giura (58,2%) e Friburgo (55,6%). Meno nette le opposizioni a Berna (51,5%), Lucerna (52,0%) e Zugo (52,3%).

Sull'altro fronte, un "sì" deciso è giunto da Basilea Città (66,6%), Ginevra (61,4%), ma anche, seppur meno marcato, da Zurigo (55,4%) Vaud (53,2%) e Neuchâtel (52,6%).

Naufragio

Il primo grande naufragio della legislatura: così lo ha definito il noto politologo Claude Longchamp, a lungo numero uno dell'istituto gfs.bern, per il quale le conseguenze si faranno sentire e sotto pressione sarà in particolare il PLR, che dovrà pensare attentamente alla direzione che vuole dare alla sua politica ambientale e climatica.

La popolazione svizzera si è lasciata disorientare dagli argomenti degli oppositori, "che erano semplicemente privi di fondamento", ha invece affermato il presidente dei Verdi liberali (PVL) Jürg Grossen, dicendosi sorpreso. La co-presidente del PS Mattea Meyer si è detta estremamente delusa, aggiungendo che è ora di intervenire sulla causa principale della crisi climatica, "le soluzioni finanziarie che distruggono il pianeta". Posizione condivisa dal presidente dei Verdi Balthasar Glättli, per il quale "solo così otterremo un impatto globale".

Per la presidente del PLR Petra Gössi, con il "no" degli elettori l'obiettivo climatico si allontana. Dicendosi delusa, ha aggiunto che il compromesso elaborato con l'appoggio dei partiti borghesi si spingeva probabilmente troppo lontano per la popolazione. Aziende, associazioni e privati continueranno comunque il cammino verso una maggiore protezione del clima, ha da parte sua garantito il comitato dei favorevoli. Non fare nulla non è un'opzione, "né per la nostra industria, né per i nostri posti di lavoro, né per il clima".

Sollievo

Il fatto che un'approvazione avrebbe aumentato i prezzi per chi si muove in auto, per il riscaldamento e le vacanze sono stati recepiti, si è invece rallegrato il consigliere nazionale UDC sangallese Mike Egger, aggiungendo che una legge con così tanti articoli è tutt'altro che liberale e ingabbia l'economia. L'influenza a livello globale della Svizzera, che ha già fatto molto per la protezione del clima, è piccola, ha poi sostenuto. "Siamo stati in grado di dimostrare che si trattava di una pura ridistribuzione", ha aggiunto il collega sciaffusano Thomas Hurter.

"La legge sul CO2 andava nella direzione sbagliata: prendeva di mira le persone e lasciava fuori i grandi inquinatori", secondo Franziska Meinherz, del comitato referendario per un'ecologia sociale. "La popolazione non vuole misure che rendano la vita quotidiana più costosa", ha ammonito Meinherz, che fa anche parte dello Sciopero per il clima. Per raggiungere la neutralità climatica nel 2030 bisogna prima occuparsi dei settori più inquinanti, quello degli importatori di automobili e quello finanziario, ha concluso, condividendo a questo proposito quanto sostenuto da PS e Verdi.

La legge e il referendum

La riveduta legge sul CO2 aveva come obiettivo il dimezzamento, entro il 2030, dei gas a effetto serra emessi dalla Svizzera rispetto al 1990, per rispettare gli impegni presi firmando l'Accordo di Parigi sul clima. Si basava in gran parte sul principio "chi inquina paga", con una ridistribuzione alla popolazione e alle imprese della maggior parte delle imposte riscosse.

Oltre a una tassa sui biglietti aerei compresa fra 30 e 120 franchi e all'aumento del prezzo dei carburanti fino a un massimo di 10 centesimi al litro (12 dal 2025), contemplava una serie di altre misure, per esempio per il risanamento e il riscaldamento degli immobili, e l'istituzione di un fondo per il clima.

Dopo l'approvazione da parte delle Camere federali nel settembre del 2020, con la sola opposizione dell'UDC, contro la legge è stato lanciato un referendum da due distinti comitati. Il primo, composto da rappresentanti dell'industria automobilistica, dei trasporti, dell'aviazione, dell'edilizia, del petrolio e della politica, ha messo in guardia contro il rischio di più burocrazia, più divieti e soprattutto nuove tasse.

Secondo i loro calcoli la Legge sul CO2 sarebbe costata alla collettività e all'economia dai 30 ai 40 miliardi di franchi, e l'onere aggiuntivo per una famiglia di quattro persone sarebbe stato di almeno 1500 franchi all'anno. Il secondo comitato era formato da quei settori ambientalisti, principalmente romandi, che ritenevano la normativa troppo timida per lottare efficacemente contro il riscaldamento climatico. Complessivamente hanno raccolto 72'622 firme valide.

Per il Consiglio federale, i costi di un cambiamento climatico incontrollato supereranno di gran lunga quelli generati dalle misure di protezione dell'ambiente.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved