il-primo-parlamento-svizzero-dei-rifugiati-riunito-a-berna
keystone
06.06.2021 - 21:59

Il primo parlamento svizzero dei rifugiati riunito a Berna

Visite familiari nello spazio Schengen per chi è ammesso provvisoriamente e migliore accesso alla formazione, ecco le richieste dei 75 rifugiati

Visite familiari nello spazio Schengen per le persone ammesse provvisoriamente come profughi, un migliore accesso alla formazione e la possibilità di completare l'apprendistato per coloro le cui domande di asilo sono state respinte: sono alcune delle richieste avanzate da circa 75 rifugiati provenienti da 19 cantoni e 15 paesi che si sono riuniti domenica a Berna nell'ambito del primo parlamento svizzero dei rifugiati.

Il Parlamento dei rifugiati ha anche votato a favore dell'estensione del ricongiungimento familiare ai genitori di bambini già in Svizzera, indica un comunicato stampa del National Coalition Building Institute (NCBI), che ha organizzato la riunione.

Secondo l'NCBI, un'associazione attiva in diversi paesi e che è “impegnata nella lotta contro la violenza e la discriminazione”, si parla troppo spesso di rifugiati senza che essi possano esprimere il loro punto di vista. Essi, ad esempio, chiedono che l'assistenza sociale e il sostegno all'integrazione e all'istruzione dei rifugiati siano separati. La responsabilità dell'integrazione e dell'educazione dovrebbe essere trasferita a un'agenzia specializzata indipendente.

Molti bambini sono discriminati in termini di educazione, salute e vita familiare a causa del loro status di residenza, è stato detto durante la sessione. In alcuni cantoni, per esempio, i bambini con lo status del permesso N (ossia con la richiesta di asilo in corso di procedura d'esame) e quelli che sono stati respinti non possono frequentare la scuola pubblica. L'accesso all'istruzione è fortemente legato al tipo di permesso di residenza. Ma l'istruzione è un diritto fondamentale che è in cima alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia, hanno ricordato alcuni partecipanti.

Le voci dei profughi riuniti domenica a Berna sono state ascoltate da membri del Consiglio degli Stati e del Nazionale, che intendono portare alcune delle proposte in parlamento come iniziative. “Come madre, mi sento colpita quando apprendo che un bambino che ha dovuto fuggire non ottiene gli stessi diritti”, ha detto La consigliera degli Stati Lisa Mazzone (Verdi/GE). "Ci deve essere un incontro tra il parlamento dei rifugiati e il quello federale", poiché troppo spesso si vota senza che tutti i parlamentari sappiano come si presenta effettivamente la situazione dei rifugiati, ha aggiunto Mazzone. Secondo il consigliere nazionale Andri Silberschmidt (PLR/ZH), “l'apprendistato deve poter essere completato, indipendentemente dalla decisione sulla richiesta di asilo, così abbiamo votato in Consiglio nazionale”.

A questa prima riunione hanno partecipato anche rappresentanti di Caritas, Terre des Hommes Svizzera e Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), che sostengono l'iniziativa del parlamento di profughi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
parlamento rifugiati
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved