Lazio
0
Atalanta
0
2. tempo
(0-0)
Zugo
8
Langnau
2
fine
(3-0 : 1-2 : 4-0)
Friborgo
3
Lakers
2
fine
(0-1 : 2-0 : 0-1 : 1-0)
Ginevra
3
Bienne
2
fine
(1-0 : 0-2 : 1-0 : 1-0)
Ambrì
3
Davos
2
3. tempo
(2-1 : 0-1 : 1-0)
Lugano
2
Berna
2
overtime
(0-1 : 1-1 : 1-0 : 0-0)
La Chaux de Fonds
4
Zugo Academy
1
fine
(2-0 : 0-0 : 2-1)
Kloten
7
Sierre
0
3. tempo
(1-0 : 4-0 : 2-0)
BUF Sabres
6
PHI Flyers
3
fine
(4-2 : 1-0 : 1-1)
BOS Bruins
3
WIN Jets
2
2. tempo
(2-2 : 1-0)
vietato-il-riposo-settimanale-degli-autisti-nel-camion
Keystone
Storni
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Zurigo: rilevata la temuta malattia di Newcastle

Diverse galline ovaiole di un’azienda zurighese sono state infettate dal virus altamente contagioso
Svizzera
6 ore

Berna: ancora proteste contro le misure Covid

La dimostrazione, non autorizzata, ha coinvolto circa 2’000 persone, e si è tenuta alla presenza di un nutrito contingente di poliziotti
Svizzera
7 ore

Segue il navigatore e guida contromano per 12 km sulla A2

La conducente, una 64enne, stava percorrendo la galleria del Seelisberg alle due di notte quando, su indicazione del Gps, ha fatto inversione di marcia
Svizzera
9 ore

Il Long Covid causa 1’800 richieste pendenti all’AI

Le persone interessate denunciano sintomi quali estrema stanchezza, mancanza del respiro, difficoltà di concentrazione
Svizzera
12 ore

Sommaruga: ‘situazione energetica tesa, ci stiamo preparando’

Il governo dovrebbe obbligare dal prossimo inverno le aziende del settore a prevedere riserve d’emergenza di energia idroelettrica
Svizzera
12 ore

Berset vede la fine del certificato Covid

Secondo il ministro della sanità ‘il periodo del certificato sembra arrivare alla fine’
Svizzera
16 ore

Un divieto tra etica e bisogni della scienza

Il 13 febbraio ennesima votazione sul tema della sperimentazione animale. Una questione controversa. Le opinioni di una favorevole e di un contrario
Svizzera
1 gior

Impressum per il ‘sì’ all’aiuto ai media

I delegati della più grossa associazione di giornalisti si esprimono all’unanimità
Svizzera
1 gior

Svizzeri ben disposti a cambiare lavoro

Dallo scoppio della pandemia ha cambiato occupazione una persona su quattro, in cerca di un migliore equilibrio tra attività professionale e vita privata
Svizzera
1 gior

Il World Economic Forum sarà a Davos dal 22 al 26 maggio

Il tema del Wef, inizialmente previsto in gennaio, sarà “Lavorare insieme, ripristinare la fiducia” (Working Together, Restoring Trust)
Svizzera
1 gior

L’Ufsp raccomanda il richiamo per i giovani fra i 12 e i 15 anni

Il ‘booster’, con Pfizer, è raccomandato non prima di 4 mesi dall’ultima dose e avviene al di fuori dell’omologazione da parte di Swissmedic (off-label)
Svizzera
1 gior

In Svizzera pazienti Covid in cure intense ancora sotto il 30%

Si registra a livello giornaliero una leggera flessione dei contagi. 22 i decessi segnalati
Svizzera
1 gior

Aiuti ai media, tendenza al voto verso il No

Il secondo sondaggio Tamedia dà il No al 57% e in crescita. Divieto di pubblicità al tabacco e tassa di bollo verso il Sì
Svizzera
1 gior

Maurer accusa i media: ‘Presentano solo gli scenari peggiori’

Il consigliere federale sostiene che la pressione dei media sulla pandemia ha portato la politica ad applicare misure forse non necessarie
Svizzera
1 gior

Reparti di cure intense stabili, il problema è il personale

Nella maggior parte degli ospedali svizzeri la situazione si è stabilizzata, ma troppe assenze per malattia costringono a rinviare centinaia di interventi
01.06.2021 - 15:130
Aggiornamento : 19:39

Vietato il riposo settimanale degli autisti nel camion

Anche i ‘senatori’ approvano la mozione di Bruno Storni (Ps). Il Consiglio federale dovrà modificare l’ordinanza.

a cura de laRegione

Berna – Bruno Storni è «soddisfatto». Anche «per la rapidità» con la quale il Parlamento ha approvato la sua mozione. Il consigliere nazionale socialista chiedeva di vietare il riposo settimanale nel camion per gli autisti. Obiettivo: «Porre fine al dumping sociale che danneggia gli autotrasportatori svizzeri e crea una concorrenza sleale nei confronti del trasporto merci ferroviario, sottoposto a regole molto più severe».

Dopo il nullaosta del Nazionale, lo scorso settembre, ieri anche il Consiglio degli Stati ha accolto – con 37 voti contro 8 – l’atto parlamentare del deputato ticinese. Le modifiche della relativa ordinanza dovrebbero entrare in vigore il 1o gennaio 2022.

Storni parla di «un passo avanti» verso «l’applicazione di norme che esistono già in diversi Paesi europei, come in Danimarca e in Francia, e che presto saranno applicate anche a livello di Ue». Norme destinate a «proteggere la salute di camionisti – soprattutto dell’Est – costretti a lavorare in condizioni catastrofiche e a trascorrere il weekend nelle cabine dei loro veicoli». «Se non facessimo niente, rimarremmo indietro. E i camionisti si fermerebbero ancora più spesso da noi il sabato e la domenica per sfruttare l’assenza di regole», dice Storni a ‘laRegione’. In effetti quella che verrà attuata «non è una soluzione speciale»: in Svizzera non andremo oltre le norme legali previste a livello europeo, ha puntualizzato durante il dibattito la ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga.

L’alternativa albergo

La commissione preparatoria si era schierata all’unanimità a favore della mozione. Lo aveva fatto dopo aver sentito rappresentanti dei lavoratori e dei datori di lavoro attivi nel settore. Le cerchie interessate hanno sottolineato che un divieto migliorerebbe la protezione dei conducenti professionali, promuoverebbe ulteriormente la concorrenza leale e offrirebbe un’armonizzazione giuridica dei periodi di riposo settimanale tra l’Ue e la Svizzera.

Al voto, 8 ‘senatori’ hanno però votato la proposta di bocciatura inoltrata da Jakob Stark (Udc/Tg), spalleggiato da Hannes Germann (Udc/Sh). A loro parere una tale regolamentazione non andrebbe a vantaggio necessariamente degli autisti, soprattutto stranieri, dal momento che sarebbero costretti a pernottare in albergo, magari a loro spese (quelle del taxi comprese). Il fatto che gli ambienti interessati in Svizzera siano d’accordo si comprende facilmente: in fondo gli autisti che operano nel nostro paese possono rientrare al domicilio e per loro il problema non si pone. Germann ha inoltre criticato il carattere paternalistico della mozione, che di fatto mette sotto tutela i conducenti di camion. Siamo «all’apice del cinismo», ha detto lo sciaffusano.

Storni contesta. «Questi autisti di norma guadagnano poche centinaia di euro al mese. Non potrebbero permettersi un albergo, piuttosto rinuncerebbero al lavoro. Spetterà alle associazioni di categoria e ai sindacati sorvegliare e denunciare eventuali situazioni irregolari. E poi l’obiettivo è che questi autisti restino a casa loro più spesso durante il weekend».

Anche per Paul Rechsteiner (Ps/Sg) si tratta di mettere ordine in un settore caratterizzato da salari bassi e condizioni di lavoro precarie, tutti problemi cui anche l’Ue intende porre rimedio. Il settore in Svizzera chiede semplicemente condizioni uguali per tutti sul continente onde evitare distorsioni della concorrenza, ha aggiunto Thierry Burkart (Plr/Ag), tra l’altro presidente centrale dell’Astag, l’associazione svizzera degli autotrasportatori. Un ragionamento condiviso dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga (Ps), preoccupata dal dumping sociale esistente nel settore.

Trasferimento ‘disturbato’

Secondo Storni, il trasporto merci su gomma è vantaggioso rispetto a quello ferroviario anche grazie a condizioni di lavoro che, seppur regolate per legge, sono pesanti tanto da poter obbligare conducenti a trascorrere settimane nel veicolo, fine settimana compresi. In particolare autisti di paesi dell’est assunti a stipendi estremamente bassi, si parla di 600 euro al mese.

Condizioni salariali e sociali inaccettabili, che non danneggiano solo la salute e la sicurezza nel lavoro dei camionisti, ma creano problemi anche alla politica di trasferimento del trasporto di merci sulla ferrovia attraverso le Alpi. Per questo l’Iniziativa delle Alpi si rallegra della decisione presa dal Parlamento. “Con i prezzi stracciati attuali nel trasporto stradale, non potremo mai realizzare appieno il trasferimento delle merci voluto dal popolo e fissato nella Costituzione”, sottolinea la ‘senatrice’ Marina Carobbio Guscetti (Ps), citata in una nota. Per l’Iniziativa delle Alpi non c’è alcun dubbio: le condizioni di lavoro nel traffico stradale internazionale delle merci devono essere migliorate e assimilate a quelle del settore ferroviario. Un primo passo lo si farà dal 1o gennaio 2022, quando dovrebbe entrare in vigore il divieto proposto da Bruno Storni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved