multa-in-arrivo-per-chi-raccoglie-e-chiede-firme-a-pagamento
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Violenti nubifragi su gran parte della Svizzera

Diversi disagi e danni a causa dei violenti temporali. Situazione critica soprattutto nel Canton Berna
Svizzera
7 ore

‘Per la tutela del clima necessaria un’altra fiscalità’

Lo dice Gioventù socialista, che lancia l’‘Iniziativa per il futuro’. Osteggiata dai Giovani liberali: ‘Attacco frontale al modello svizzero’
Svizzera
7 ore

Per Viktor Janukovyč sanzioni anche Svizzere

La Confederazione si allinea a quanto deciso dall’Unione europea: pure l’ex presidente ucraino, assieme a suo figlio, finisce sulla lista
Svizzera
9 ore

Si schianta un aliante in Vallese, muore il pilota 72enne

Il velivolo è precipitato ieri sera sul ghiacciaio vallesano del Giétro, nella Val de Bagnes
Svizzera
10 ore

Tenta una rapina in banca, ma poi si dà alla fuga

Un 25enne ceco si è presentato con un coltello allo sportello della Banca Cantonale Grigoine di St. Moritz. La polizia lo ha poi arrestato
Svizzera
10 ore

Indennità di servizio civile va calcolata su base realistica

Lo ha stabilito il Tribunale federale di Lucerna, che sconfessa una decisione del Tribunale cantonale di Basilea Campagna
Svizzera
10 ore

Dal Ticino più diretti in Romandia. Aggirando Visp

Dopo anni di lavori, il 23 settembre aprirà la circonvallazione autostradale della località vallesana. Ma per ora solo sull’asse est-ovest
Svizzera
11 ore

Ecco le contromosse per scongiurare il blackout

Via libera alle trattative per l’utilizzo di centrali elettriche di riserva. E si valuta pure l’impiego dei generatori di emergenza
28.05.2021 - 10:54
Ats, a cura de laRegione

Multa in arrivo per chi raccoglie e chiede firme a pagamento

La novità, proposta dalla sinistra, potrebbe venire introdotta nel Cantone di Neuchâtel. Pratica diffusa anche in Ticino

Il cantone di Neuchâtel potrebbe modificare la raccolta di firme per referendum o iniziative multando chi lo fa dietro remunerazione. La Commissione legislativa del Gran Consiglio ha infatti adottato all'unanimità un rapporto in tal senso, ma il Consiglio di Stato ha delle riserve sulla compatibilità con il diritto federale. La pratica, ricordiamo, è in voga anche in Ticino dove a più riprese è stata adottata in occasione di lanci d'iniziative e referendum.

Sanzioni dai 20 ai 40'000 franchi 

In base al rapporto pubblicato ieri sera dalla commissione neocastellana, si dovrebbe punire con una multa da 20 a 200 franchi la persona che raccoglie intenzionalmente dietro pagamento firme per un'iniziativa comunale, cantonale o federale oppure per un referendum, mentre per chi l'ha ingaggiata la sanzione va dai 500 ai 40'000 franchi. Se la persona che raccoglie le firme non può essere identificata, è l'azienda che la assume o che approfitta del contratto ad essere punita, sempre con una multa da 500 a 40'000 franchi. Il progetto di legge è stato presentato dal gruppo socialista dopo aver constatato che erano apparse delle irregolarità durante la raccolta delle sottoscrizioni per il referendum contro il congedo di paternità. Secondo testimonianze concordanti, alcune persone pagate a tal fine avevano dato spiegazioni fuorvianti e non conformi alla realtà, lasciando intendere che il referendum fosse a favore del congedo e non per contestarlo.

Recrudescenza

"Più in generale, la recrudescenza della raccolta di firme a pagamento ha conseguenze dannose per il funzionamento della nostra democrazia", scrive la commissione legislativa. Secondo i raccoglitori di firme, "istruzioni erronee vengono a volte anche dalla direzione di società specializzate che offrono i loro servizi ai comitati d'iniziativa o referendari; imprese che vengono pagate in base al numero di firme ottenute", nota la commissione. In Vallese, fatti analoghi erano stati denunciati in passato dal consigliere nazionale socialista Mathias Reynard durante la raccolta firme contro la norma penale sul razzismo, che mirava a vietare espressamente le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale.

Riserve del servizio giuridico

Pur comprendendo perfettamente il problema, il Consiglio di Stato neocastellano "condivide le riserve espresse dal servizio giuridico sulla compatibilità del progetto di legge con il diritto federale". Secondo l'esecutivo il testo potrebbe porre problemi con la garanzia dei diritti popolari o della libertà economica. "L'esperienza di Ginevra (dove la raccolta retribuita di firme è già vietata, ndr) suggerisce che una tale disposizione penale non sarà applicata, o avrà solo un campo di applicazione estremamente limitato", ha detto il governo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
firme neuchâtel pagamento raccoglie referendum
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved