BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
2
fine
(2-6 : 5-7)
multa-in-arrivo-per-chi-raccoglie-e-chiede-firme-a-pagamento
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 ore

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
14 ore

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
17 ore

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
Svizzera
18 ore

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili
Svizzera
19 ore

Coronavirus, in 24 ore 29’142 nuovi casi in Svizzera

Eseguiti 76’619 test. In crescita il numero di persone ospedalizzate (+125) e quello dei decessi (+14)
Svizzera
22 ore

Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta

Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
22 ore

Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein

A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
22 ore

Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas

Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
28.05.2021 - 10:540

Multa in arrivo per chi raccoglie e chiede firme a pagamento

La novità, proposta dalla sinistra, potrebbe venire introdotta nel Cantone di Neuchâtel. Pratica diffusa anche in Ticino

Il cantone di Neuchâtel potrebbe modificare la raccolta di firme per referendum o iniziative multando chi lo fa dietro remunerazione. La Commissione legislativa del Gran Consiglio ha infatti adottato all'unanimità un rapporto in tal senso, ma il Consiglio di Stato ha delle riserve sulla compatibilità con il diritto federale. La pratica, ricordiamo, è in voga anche in Ticino dove a più riprese è stata adottata in occasione di lanci d'iniziative e referendum.

Sanzioni dai 20 ai 40'000 franchi 

In base al rapporto pubblicato ieri sera dalla commissione neocastellana, si dovrebbe punire con una multa da 20 a 200 franchi la persona che raccoglie intenzionalmente dietro pagamento firme per un'iniziativa comunale, cantonale o federale oppure per un referendum, mentre per chi l'ha ingaggiata la sanzione va dai 500 ai 40'000 franchi. Se la persona che raccoglie le firme non può essere identificata, è l'azienda che la assume o che approfitta del contratto ad essere punita, sempre con una multa da 500 a 40'000 franchi. Il progetto di legge è stato presentato dal gruppo socialista dopo aver constatato che erano apparse delle irregolarità durante la raccolta delle sottoscrizioni per il referendum contro il congedo di paternità. Secondo testimonianze concordanti, alcune persone pagate a tal fine avevano dato spiegazioni fuorvianti e non conformi alla realtà, lasciando intendere che il referendum fosse a favore del congedo e non per contestarlo.

Recrudescenza

"Più in generale, la recrudescenza della raccolta di firme a pagamento ha conseguenze dannose per il funzionamento della nostra democrazia", scrive la commissione legislativa. Secondo i raccoglitori di firme, "istruzioni erronee vengono a volte anche dalla direzione di società specializzate che offrono i loro servizi ai comitati d'iniziativa o referendari; imprese che vengono pagate in base al numero di firme ottenute", nota la commissione. In Vallese, fatti analoghi erano stati denunciati in passato dal consigliere nazionale socialista Mathias Reynard durante la raccolta firme contro la norma penale sul razzismo, che mirava a vietare espressamente le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale.

Riserve del servizio giuridico

Pur comprendendo perfettamente il problema, il Consiglio di Stato neocastellano "condivide le riserve espresse dal servizio giuridico sulla compatibilità del progetto di legge con il diritto federale". Secondo l'esecutivo il testo potrebbe porre problemi con la garanzia dei diritti popolari o della libertà economica. "L'esperienza di Ginevra (dove la raccolta retribuita di firme è già vietata, ndr) suggerisce che una tale disposizione penale non sarà applicata, o avrà solo un campo di applicazione estremamente limitato", ha detto il governo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved