la-cronistoria-dei-negoziati-per-l-accordo-quadro
Simonetta Sommaruga, consigliere federale, con l'allora presidente della Commissione Europea Claude Juncker nel 2015 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Il caldo della primavera 2022 batte tutti i record

Temperature più alte di 2,5 gradi rispetto alla norma. Manca anche la riserva di neve. Dodici stazioni meteo locali registrano nuove soglie massime
Svizzera
2 ore

Vacanze estive: il Ticino gettonato fra chi resta in Svizzera

Secondo un sondaggio di Generali, solo il 27% di chi andrà in vacanza rimarrà in patria. Un terzo di questi intende passare le vacanze in Ticino
Svizzera
21 ore

Gli svizzeri spendono di più all’estero (lo dicono le carte)

In particolare in Francia e in Italia, stando ai dati di Monitoring Consumption Switzerland, sito che osserva i dati delle carte di pagamento
Svizzera
22 ore

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
22 ore

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
1 gior

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
1 gior

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
1 gior

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
1 gior

Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica

L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
1 gior

Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage

Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
1 gior

Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi

Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
1 gior

Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme

L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior

‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’

La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
Svizzera
2 gior

Prospettive meno fosche del previsto per l’Avs

Senza una riforma la dotazione del fondo dovrebbe scendere a 43,4 miliardi nel 2032, calcola l’Ufas. Nel 2020 si stimava un calo a 24,9 miliardi
Svizzera
2 gior

Monumento a Suvorov ripulito da russi e svizzeri

Era stato imbrattato a metà maggio con i colori della bandiera ucraina
Svizzera
2 gior

Muore ciclista 81enne, non aveva rispettato la precedenza

L’uomo è stato investito da un 22enne che circolava sulla strada cantonale a Château-d’Oex (Vd)
26.05.2021 - 18:13

La cronistoria dei negoziati per l'accordo quadro

La decisione di oggi è la conclusione di negoziati iniziati nel 2014

La Svizzera e l'Unione europea (UE) hanno iniziato i negoziati nel 2014 su un accordo quadro istituzionale che dovrebbe essere un "ombrello" per i circa 120 accordi bilaterali. I colloqui si sono conclusi oggi con la decisione del Consiglio federale di non firmare la bozza di intesa.

18 marzo 2002: la commissione di politica estera del Consiglio degli Stati discute la possibilità di combinare gli accordi bilaterali in un accordo quadro.

18 settembre 2008: il Parlamento incarica il Consiglio federale di avviare i negoziati con l'UE. Il Consiglio dei ministri dell'UE accoglie con favore la decisione, ma critica la regola secondo cui le aziende europee che desiderano lavorare in Svizzera devono registrarsi otto giorni prima. La considera una violazione della libera circolazione delle persone.

20 dicembre 2012: Il Consiglio europeo decide di far dipendere la conclusione di nuovi accordi per l'accesso al mercato unico da una soluzione sulle questioni istituzionali.

18 dicembre 2013: il Consiglio federale approva il mandato negoziale. Esclude l'adozione automatica del diritto comunitario e fa delle misure di accompagnamento una "linea rossa" che non deve essere superata.

9 febbraio 2014: il popolo svizzero approva l'iniziativa "contro l'immigrazione di massa". Tre giorni dopo, gli ambasciatori dell'UE ritirano dalla loro agenda il mandato per i negoziati su un accordo quadro.

6 maggio 2014: il Consiglio dei ministri dell'UE approva il mandato negoziale e chiede di risolvere la questione della libera circolazione delle persone. I negoziati iniziano il 22 maggio. La ripresa automatica del diritto e la risoluzione dei conflitti sono oggetto di un acceso dibattito.

16 dicembre 2016: Le Camere federali approvano la "preferenza indigena light", che permette di attuare l'iniziativa "contro l'immigrazione di massa" in maniera accettabile per l'Ue.

6 aprile 2017: Doris Leuthard si reca in visita a Bruxelles. La presidente della Confederazione e il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, sono d'accordo nel rompere lo stallo dei negoziati.

23 novembre 2017: Jean-Claude Juncker propone la creazione di un tribunale arbitrale per risolvere le controversie. Il Consiglio federale promette un nuovo "miliardo di coesione" per i paesi poveri dell'UE.

18 dicembre 2017: la Commissione europea limita a un anno il riconoscimento da parte dell'UE dell'equivalenza della borsa svizzera. Una proroga dipenderà dai progressi dell'accordo quadro. Furioso, il Consiglio federale decide di riconsiderare la promessa di un nuovo "miliardo di coesione".

2 marzo 2018: Il Consiglio federale accetta l'idea di un tribunale arbitrale, ma non intende modificare le misure di accompagnamento.

8 giugno 2018: Il Consiglio federale minaccia misure di ritorsione se l'UE non estende l'equivalenza borsistica. Potrebbe negare alle banche e ai commercianti europei il diritto di continuare a commerciare in azioni svizzere.

2 luglio 2018: L'economia si pronuncia in modo schiacciante a favore di un accordo quadro.

7 dicembre 2018: La Svizzera e l'UE raggiungono una bozza di accordo. Due questioni rimangono irrisolte: le misure di accompagnamento e la direttiva sulla cittadinanza europea, che estende l'accesso alle prestazioni sociali. Nonostante ciò, il Consiglio federale decide di pubblicare il testo e di metterlo in consultazione.

17 dicembre 2018: Bruxelles estende l'equivalenza borsistica di sei mesi.

Febbraio/marzo 2019: I gruppi parlamentari liberale-radicale e dei Verdi liberali sostengono l'accordo quadro. L'Unione sindacale svizzera (USS) lo rifiuta, ritenendo che le misure di accompagnamento e la protezione dei salari non siano negoziabili.

7 giugno 2019: dopo la consultazione nazionale, il Consiglio federale mantiene una "valutazione generalmente positiva", ma intende chiedere a Bruxelles chiarimenti sugli aiuti di stato, sulla protezione dei salari e sulla direttiva europea sulla cittadinanza.

11 giugno 2019: Jean-Claude Juncker si dice pronto a discutere, ma rifiuta una rinegoziazione. Ritiene che i chiarimenti richiederanno solo qualche giorno.

18 giugno 2019: Bruxelles constata una "mancanza di progressi" e decide di non estendere l'equivalenza borsistica. Per ritorsione, Berna vieta il commercio di azioni svizzere sulle borse europee.

3 dicembre 2019: le Camere federali approvano il "miliardo di coesione". Tuttavia, i fondi saranno concessi solo dopo che l'equivalenza del mercato borsistico svizzero sarà stata ripristinata.

2020: I negoziati sono bloccati fino alla votazione del 27 settembre sull'iniziativa "Per un'immigrazione moderata" dell'UDC. Dopo il rifiuto del testo, Bruxelles si aspetta che il progetto di accordo quadro venga firmato "rapidamente". In novembre, il Consiglio federale dichiara di aver definito la sua posizione sui tre punti ancora in sospeso.

Inizio 2021: Economiesuisse e l'Associazione svizzera degli imprenditori chiedono un "rapido chiarimento" delle questioni in sospeso. Si forma un gruppo parlamentare per sostenere il governo in questo sforzo.

Febbraio/marzo 2021: la nuova segretaria di Stato Livia Leu si reca a Bruxelles ogni due settimane per colloqui.

3 marzo 2021: Medici, ospedali, difensori dei pazienti e rappresentanti dell'industria sanitaria temono che la lentezza dei negoziati influirà negativamente sulle importazioni ed esportazioni di prodotti medici.

20 aprile 2021: Secondo il verbale di una riunione tra la negoziatrice dell'UE Stephanie Riso e gli ambasciatori dei 27 Stati membri, l'UE ritiene che spetti alla Svizzera prendere l'iniziativa. Considera Berna responsabile di un fallimento dell'accordo quadro.

22 aprile 2021: il presidente della Confederazione Guy Parmelin incontra la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, a Bruxelles. La riunione non porta a nessun progresso. Per il Consiglio federale, rimangono "divergenze sostanziali".

26 maggio 2021: il Consiglio federale decide di non firmare l'accordo quadro e conclude i negoziati. Ritiene che le discussioni con l'UE non abbiano portato alle soluzioni di cui la Svizzera ha bisogno. Tuttavia, considera importante mantenere la cooperazione bilaterale.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordo quadro commissione europea consiglio federale svizzera ue
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved