il-consiglio-federale-non-firma-l-accordo-quadro-con-l-ue
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Al vice di Ursula von der Leyen il dossier ‘Svizzera’

Il vicepresidente della Commissione Ue, lo slovacco Maros Sefcovic, subentra all’austriaco Johannes Hahn. Sarà lui la persona di contatto di Ignazio Cassis
Svizzera
10 ore

Sconfitta Nestlé: forma capsule Nespresso non può essere protetta

Respinto un ricorso dell’azienda con sede a Vevey (Vd) contro una decisione della giustizia vodese
Svizzera
10 ore

Svizzeri fermati in Germania con Covid Pass falsi

È avvenuto lo scorso fine settimana ma la polizia lo ha reso noto solo oggi. Aperta indagine per falsificazione di documenti
Svizzera
12 ore

A Palazzo federale col certificato Covid, pronte le basi legali

La misura, su cui le Camere delibereranno la prossima settimana, permetterà ai parlamentari di svolgere il proprio ruolo senza mascherine e plexiglas divisori
Svizzera
13 ore

Più calma la situazione Covid in Svizzera, ma non in cure intense

L’età media dei contagiati più bassa e la diminuzione dei rientri dalle vacanze causano un calo dei ricoveri, ma le terapie intensive sono ancora sotto pressione
Svizzera
13 ore

Sul Glacier Express, ‘biglietti e certificato Covid, prego’

Il treno panoramico che collega Zermatt a St. Moritz attraverso le Alpi è considerato un ristorante e come tale sottostà alle relative regole
Svizzera
14 ore

In Svizzera 1’235 contagi in 24 ore, cala la pressione ospedaliera

Il tasso di riproduzione del virus si mantiene sotto l’1. Il livello dei contagi è inferiore rispetto a quello della scorsa settimana
Svizzera
14 ore

Svizzera campione mondiale dell’innovazione: lo dice l’Ompi

Per la graduatoria stilata dall’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale, la Confederazione si mette di nuovo alle spalle Svezia, Usa e Regno Unito
Svizzera
15 ore

Turismo della spesa, si discute la riduzione della franchigia

Accolti agli Stati tre testi volti a risolvere per via fiscale il problema degli acquisti all’estero abbassando la soglia di esenzione
Svizzera
16 ore

Reddito di base incondizionato, spunta un altro progetto

L’iniziativa propone di inserire il principio di un reddito di base per tutti nella Costituzione ma lascia alla legge il compito di regolarne l’ammontare
Svizzera
16 ore

Nell’agricoltura svizzera si fa sempre meno uso di pesticidi

Emerge da un rapporto annuale dell’Ufficio federale dell’agricoltura (Ufag). Si stanno dimostrando efficaci le misure del piano d’azione del 2017
Svizzera
17 ore

Thomas Heiniger lascia la presidenza di Croce Rossa Svizzera

Le dimissioni motivate da ‘visioni divergenti sul modo di procedere’.
Svizzera
18 ore

Coop rafforza il suo impegno contro spreco alimentare

Entro il 2026 circa 500 supermercati entreranno nel circuito di Tavolino Magico e Tavola Svizzera per la donazione di cibo a persone indigenti
Svizzera
18 ore

Riforma Ministero pubblico e Autorità di Vigilanza, ok dal Nazionale

La proposta di legge mira a rafforzare e chiarire le competenze dell’Autorità indipendente rispetto al Ministero pubblico della Confederazione
Svizzera
19 ore

L’89% dei pazienti Covid in terapia intensiva non è vaccinato

L’Ufsp ha svolto il primo studio in tal senso in 21 ospedali svizzeri fra luglio e agosto. Il 68% dei pazienti in cure intense ha fra i 40 e i 79 anni
Svizzera
19 ore

Principio di sussidiarietà ticinese, per il Nazionale è conforme

Le modifiche costituzionali ticinesi hanno ricevuto anche dalla Camera del popolo la garanzia di conformità al diritto federale
Svizzera
19 ore

Il vaccino Johnson&Johnson in arrivo in Svizzera

La Confederazione ha avvisato i Cantoni di prepararsi all’arrivo di circa 150’000 dosi di vaccino monodose. Un’alternativa per molte persone ancora scettiche
Svizzera
1 gior

Quasi 43mila firme contro l’importazione di pellicce

Consegnata oggi a Berna una petizione che chiede il divieto di importare prodotti ottenuti infliggendo sofferenze agli animali
Svizzera
1 gior

Giovani e pubblicità del tabacco, ‘no’ all’iniziativa

Il testo è stato respinto anche dal Consiglio degli Stati. Stöckli (Ps): revisione della legge insufficiente, si deve andare a votare.
Svizzera
1 gior

Trasporto merci sotterraneo, legge approvata

Anche il Consiglio nazionale si esprime a favore del progetto ‘Cargo sous terrain’. La rete di tunnel dovrebbe essere terminata entro il 2045.
Svizzera
1 gior

Validità del certificato per chi è guarito verso l’estensione

La Confederazione sta esaminando i risultati di nuovi studi sulla durata della protezione immunitaria dopo aver contratto il Covid-19
Svizzera
1 gior

‘Nessuno sarà obbligato a donare gli organi’

Ok del Consiglio degli Stati al controprogetto. Dittli (Plr): ci avviciniamo all’obbligo. La replica di Marina Carobbio, presidente di Swisstransplant.
Svizzera
1 gior

Berna dice stop alle manifestazioni contro le misure anti Covid

La Città ha annunciato che non tollererà altre proteste non autorizzate. La decisione in seguito alle violenze di giovedì scorso davanti a Palazzo federale
Svizzera
1 gior

In Svizzera calano i contagi: 4’032 in 72 ore, 15 decessi

Il dato è inferiore di oltre 2’000 unità rispetto al weekend scorso a fronte di un numero maggiore di test effettuati. Scende anche il tasso di riproduzione
Svizzera
26.05.2021 - 15:460
Aggiornamento : 27.05.2021 - 00:08

Il Consiglio federale non firma l'accordo quadro con l'Ue

Berna non approva le soluzioni in materia di libera circolazione, protezione dei salari e aiuti di Stato, ma si intende proseguire la via bilaterale

Le congetture apparse negli scorsi giorni sui media si sono verificate: il Consiglio federale ha deciso oggi di non firmare la bozza di accordo istituzionale con l'Ue, nel frattempo informata di questa posizione.

Troppo grandi le divergenze tra le parti su alcuni punti dell'intesa, stando al governo, secondo cui la Confederazione ha fatto concessioni importanti a Bruxelles, trovandosi però di fronte ad ostacoli insormontabili per quanto attiene agli aspetti controversi come la protezione dei salari, gli aiuti di Stato e la direttiva sulla cittadinanza europea.

Dialogo politico va avanti

L'Esecutivo crede tuttavia che sia nell'interesse della Svizzera e dell'UE salvaguardare la collaudata via bilaterale e portare avanti con convinzione gli accordi esistenti, ha affermato davanti ai media il presidente della Confederazione Guy Parmelin, cui è toccato informare la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, della decisione odierna del Consiglio federale mediante lettera. Nonostante tutto, intendiamo avviare un dialogo politico con l'UE sul proseguimento della collaborazione.

Contemporaneamente, il Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) dovrà esaminare in che modo si potrebbero stabilizzare le relazioni bilaterali attraverso eventuali adeguamenti autonomi della legislazione nazionale.

Anche senza un accordo istituzionale, la Svizzera rimane comunque un partner affidabile e impegnato dell'UE, ha spiegato a sua volta il consigliere federale Ignazio Cassis. A tale riguardo, per quanto riguarda il secondo contributo elvetico al fondo di coesione europeo - 1,3 miliardi di franchi su dieci anni - il Consiglio federale si adopererà affinché il Parlamento sblocchi al più presto i fondi e si giunga rapidamente a una finalizzazione del memorandum d'intesa con l'UE.

I punti di attrito

I colloqui con Bruxelles non hanno permesso di trovare le soluzioni di cui la Svizzera aveva bisogno nei settori della direttiva sulla libera circolazione dei cittadini UE, della protezione dei salari e degli aiuti di Stato. In particolare per quanto riguarda la protezione dei salari e la citata direttiva permangono divergenze sostanziali, ha sottolineato Parmelin spalleggiato da Cassis.

Dal novembre 2018, quando l'Ue ha dichiarato chiuse le negoziazioni "unilateralmente" - ha puntualizzato Parmelin - non è stato possibile trovare un compromesso su questi tre aspetti che secondo il Consiglio federale rimanevano ancora aperti. "Aspetti che per noi hanno grande importanza", ha spiegato il ministro degli esteri ticinese.

Muro contro muro

Da parte elvetica, in ogni caso, sembra che non sia mancata la volontà di raggiungere un'intesa, per quanto l'impresa si presentasse complicata fin dall'inizio.

Le delegazioni elvetica ed europea hanno lavorato seriamente e impegno per trovare una soluzione su questi tre punti e, da parte nostra, abbiamo sempre presentato proposte concrete e risposte alle sollecitazioni di Bruxelles, ha affermato Cassis.

Punto dolente: libera circolazione...

Tuttavia, nonostante l'impegno, alla fine abbiamo dovuto constatare che sussistono divergenze "sostanziali" soprattutto sulla libera circolazione. Stando a Cassis, l'Ue vuole estendere tale principio anche alle persone senza attività lucrativa, ciò che rischierebbe di mettere sotto pressione le nostre assicurazioni sociali.

Si tratta di un cambiamento di paradigma nella nostra politica migratoria che non piace alla maggioranza dei partiti e dei cantoni, ha aggiunto Cassis. Su questo punto Bruxelles non è pronta ad ammettere eccezioni.

...e protezione dei salari

Per quanto attiene alla protezione dei salari, benché la Svizzera e l'Ue siano in teoria d'accordo sul principio "a lavoro uguale salario uguale", sussistono differenze nella prassi, ha fatto notare il capo della diplomazia elvetica. Bruxelles non è disposta ad assicurare l'indipendenza della regolamentazione elvetica dagli sviluppi giuridici in seno all'Ue e dalla giurisprudenza della Corte di giustizia europea. Quanto agli aiuti di Stato, secondo Cassis si stava delineando un compromesso, vanificato tuttavia dall'impossibilità di trovare un denominatore comune sugli altri due.

Nessun margine di manovra

Tenuto conto dei risultati delle trattative degli ultimi mesi condotte da parte elvetica dalla segretaria di Stato Livia Leu, alla fine abbiamo dovuto constatare che il margine di manovra politico era praticamente nullo, ha asserito Cassis.

E ciò benché la Svizzera, a suo dire, avesse fatto grosse concessioni all'Ue, per esempio per quanto attiene alla ripresa dinamica della legislazione europea e al ruolo della Corte di giustizia. Già il fatto di aver accolto nell'accordo istituzionale questo aspetto ha richiesto un'alta capacità al compromesso interna, che non si poteva strapazzare ulteriormente aggiungendovi anche elementi relativi alla libera circolazione o alla protezione dei salari. Qui si toccano interessi essenziali del Paese, dei partner sociali e dei Cantoni, ha spiegato il ministro degli affari esteri.

Ci saranno ripercussioni

Cassis si è detto cosciente del fatto che la decisione odierna del Consiglio federale potrebbe avere anche aspetti negativi per il Paese. L'Ue ha più volte ribadito di non disposta a fare nuovi accordi per l'accesso al suo mercato interno e ad attualizzare quelli esistenti, come l'intesa sugli ostacoli al commercio per quanto attiene ai dispositivi medici.

Tuttavia, la Confederazione intende continuare a dialogare con Bruxelles affinché la Svizzera possa continuare a cooperare in ambiti come la ricerca, che non riguardano l'accesso al mercato comune. Da questo punto di vista, ha aggiunto, "vogliamo essere trattati su un piede di uguaglianza come gli altri Stati terzi".

Cassis auspica che gli attuali accordi - oltre un centinaio - continuino a venir applicati e, laddove necessario, la Svizzera farà la sua parte in ambiti di interesse comune, come la migrazione, la difesa dei diritti umani, la lotta alla povertà. "Siamo solidali e intendiamo rimanerlo", ha sottolineato il ticinese, facendo l'esempio del miliardo di coesione che si vuole sbloccare al più presto.

L'esecutivo intende mantenere e - qualora sia possibile e risponda al reciproco interesse - ampliare il partenariato con l'UE tramite i trattati bilaterali. Proporremo quindi all'UE di avviare un dialogo politico al fine di sviluppare e attuare un'agenda condivisa sulla futura collaborazione, cercando di risolvere insieme problemi specifici, garantendo così l'applicazione quanto più fluida possibile degli accordi esistenti, ha insistito Cassis.

Stabilizzare gli accordi bilaterali

Frattanto, il DFGP dovrà esaminare, assieme agli altri dipartimenti, la possibilità di adeguare autonomamente la legislazione nazionale allo scopo di stabilizzare le relazioni bilaterali, ha dal canto suo dichiarato Karin Keller-Sutter.

L'Ufficio federale di giustizia dovrà individuare le attuali divergenze tra il diritto dell'UE e l'ordinamento giuridico svizzero e chiarire dove l'armonizzazione potrebbe essere utile e di reciproco interesse. Si tratterà di un processo autonomo che coinvolgerà le parti sociali e i Cantoni, ha spiegato la ministra di giustizia e polizia.

L'Ue 'si rammarica' per lo stop all'accordo quadro

"Ci rammarichiamo della decisione del governo svizzero visti i progressi compiuti negli ultimi anni per trasformare in realtà l'accordo quadro istituzionale": lo scrive la Commissione europea in una nota dopo la decisione comunicata dalla Svizzera di terminare unilateralmente i negoziati.

L'accordo, sottolinea la Commissione, era concepito come "il fondamento" per migliorare e sviluppare le relazioni Ue-Svizzera nel futuro: il suo scopo principale era "assicurare che chiunque operi nel mercato unico, cui la Svizzera ha accesso in misura significativa, affronti le medesime condizioni. È una questione di equità e di certezza giuridica.

Avere accesso privilegiato al mercato unico significa rispettare le stesse regole e i medesimi obblighi", spiega Bruxelles, ricordando che per questo, nel 2019, l'Ue ha insistito per rendere l'accordo quadro istituzionale "essenziale per la conclusione di possibili accordi futuri sull'ulteriore partecipazione della Svizzera al mercato unico". Questo accordo "avrebbe consentito un consolidamento dell'approccio bilaterale e garantito la sua sostenibilità e ulteriore sviluppo".

Ora, precisa la Commissione, "senza questo accordo, questa modernizzazione delle nostre relazioni non sarà possibile e i nostri accordi bilaterali invecchieranno inevitabilmente. Sono passati 50 anni dall'entrata in vigore dell'Accordo di libero scambio, 20 anni dagli accordi bilaterali I e II. Già oggi non sono al passo con ciò che dovrebbero e potrebbero essere le relazioni Ue e Svizzera".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved