25.05.2021 - 19:18
Aggiornamento: 19:45

‘No ai caccia americani, sono cari e difettosi’

Così sono intervenuti esponenti del Ps e dei Verdi insieme al Gruppo per una Svizzera senza esercito. "Usiamo meglio i soldi dei contribuenti’

no-ai-caccia-americani-sono-cari-e-difettosi
Un F-35 in volo durante uno show aeronautico (Keystone)

Costosi e tecnicamente difettosi. Con questa motivazione, una coalizione composta di esponenti del Ps, dei Verdi e del Gruppo per una svizzera senza esercito (GSoA) si è detta pronta a lanciare un'iniziativa affinché il popolo abbia l'ultima parola sulla scelta del modello dei nuovi jet, e non il Consiglio federale. I testi di due iniziative che chiedono di vietare l'acquisto di caccia americani sono stati sottoposti all'esame della Cancelleria federale.

Nel settembre scorso, la popolazione si era già pronunciata, affermativamente anche se con uno scarto minimo, sul principio di acquisto di nuovi jet che dovranno sostituire gli attuali F/A-18 Hornet.

Attualmente sono 4 i candidati in lizza per aggiudicarsi la fornitura di aviogetti per una spesa di 6 miliardi di franchi: gli americani F-35 e F/A-18 E/F Super Hornet, il francese Rafale e l'Eurofighter.

Tuttavia, optare per uno dei due caccia statunitensi significherebbe ignorare la volontà del popolo, afferma una nota odierna della coalizione, secondo cui i modelli made in Usa erano stati già ampiamente criticati durante la campagna di voto. Mentre l'F-35 ha tali difetti tecnici da poter mettere in pericolo la vita del pilota, il Super Hornet ha denotato problemi a livello di fornitura di ossigeno.

Inoltre, secondo gli scettici, la sovranità e la sicurezza dei dati non possono essere garantite. Insomma, assieme al pilota, anche il Pentagono vola con loro, avverte il consigliere nazionale Pierre-Alain Fridez (Ps/Ju) citato nel comunicato.

Oltre a ciò, i costi di manutenzione sono assai elevati, ha rincarato il consigliere nazionale Fabien Fivaz (Verdi/Ne). "Soprattutto - ha spiegato - dopo la pandemia dobbiamo usare saggiamente i soldi dei contribuenti e non buttarli dalla finestra per comprare jet da combattimento di lusso".

Per tutti questi motivi, la coalizione ha sottoposto all'esame della Cancelleria federale due testi d'iniziativa che chiedono di vietare l'acquisto dei caccia americani. "Qualora il Consiglio federale dovesse scegliere un jet americano, il lancio dell'iniziativa è certo", ha avvertito Pauline Schneider del GSoA.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved