Cagliari
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
le-citta-svizzere-condonano-le-tasse-a-bar-e-ristoranti
Ti-Press
Gli enti pubblici tendono la mano
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Tentativi di suicidio in netto aumento tra i giovani

Con la pandemia e le relative restrizioni impose dalle autorità, le cifre sono schizzate verso l’alto. Oltre il 50% in più nel 2021
Svizzera
1 ora

SUV: sempre più pesanti, sempre più pericolosi

In caso d’incidente, questi veicoli incrementano il rischio di morte nell’auto più leggera del 50%
Svizzera
3 ore

Contanti meno usati: un bancomat su due è destinato a sparire

A dirlo è il presidente della direzione di SIX Group, la società finanziaria che gestisce la borsa di Zurigo e il traffico dei pagamenti in Svizzera
Svizzera
3 ore

Misure statali anti-Covid presto non più necessarie

Secondo l’epidemiologo ed ex membro della task force federale Marcel Tanner con l’arrivo dell’estate mascherine e test potrebbero diventare facoltativi
Svizzera
20 ore

Zurigo: rilevata la temuta malattia di Newcastle

Diverse galline ovaiole di un’azienda zurighese sono state infettate dal virus altamente contagioso
Svizzera
21 ore

Berna: ancora proteste contro le misure Covid

La dimostrazione, non autorizzata, ha coinvolto circa 2’000 persone, e si è tenuta alla presenza di un nutrito contingente di poliziotti
Svizzera
22 ore

Segue il navigatore e guida contromano per 12 km sulla A2

La conducente, una 64enne, stava percorrendo la galleria del Seelisberg alle due di notte quando, su indicazione del Gps, ha fatto inversione di marcia
Svizzera
1 gior

Il Long Covid causa 1’800 richieste pendenti all’AI

Le persone interessate denunciano sintomi quali estrema stanchezza, mancanza del respiro, difficoltà di concentrazione
Svizzera
1 gior

Sommaruga: ‘situazione energetica tesa, ci stiamo preparando’

Il governo dovrebbe obbligare dal prossimo inverno le aziende del settore a prevedere riserve d’emergenza di energia idroelettrica
25.05.2021 - 07:540
Aggiornamento : 15:06

Le città svizzere condonano le tasse a bar e ristoranti

Esercizi pubblici con terrazze esonerati del tutto o parzialmente fino alla fine dell’anno o della stagione. Comparis ha realizzato un confronto.

a cura de laRegione

Chiudi, apri, richiudi: il coronavirus ha causato ai ristoratori svizzeri non poche difficoltà. Quest’estate i municipi delle grandi città svizzere andranno loro nuovamente incontro: esonerandoli – parzialmente o del tutto – dalle tasse per i tavoli negli spazi aperti. È quanto emerge da un confronto realizzato da comparis.ch. Una volta revocate le misure di contenimento del coronavirus, verrà nuovamente applicata la tariffa normale.

Quest’anno Basilea e Zurigo non si limitano solo a rinunciare alla tassa sul suolo pubblico, ma autorizzano anche l’aggiunta di posti a sedere all’aperto. Un’autorizzazione che anche altre città stanno valutando, si legge in una nota pubblicata oggi da Comparis.  

Esonero totale o parziale

Un esonero totale per i ristoratori con spazi esterni fino alla fine del 2021 o fino alla fine della stagione si applica a Friborgo, La Chaux-de-Fonds, Losanna e Winterthur. Lucerna e Coira prevedono una riduzione del 50%. Finora Ginevra ha annunciato una riduzione della tassa fino al 30 giugno. 

Berna, Thun, San Gallo, Lugano e Sciaffusa prevedono un condono totale o parziale che va oltre il primo semestre dell’anno. Questo deve tuttavia prima essere approvato dal parlamento comunale. «Quanto sarà effettivamente deciso nei parlamenti dipenderà in larga misura dallo sviluppo della pandemia nelle prossime settimane», osserva l’esperto di tasse Leo Hug, citato nella nota.

Bahnhofstrasse di Zurigo: tassa di 59 franchi per metro quadrato

Una volta revocate le misure di contenimento del coronavirus, per la ristorazione all’aperto varranno nuovamente le tariffe normali. E queste sono in parte alquanto salate, osserva Comparis. Il servizio di confronto internet ha confrontato le tasse per i ristoratori con spazi all’aperto nelle principali comuni della Svizzera. La ristorazione al metro quadrato più costosa è quella a Zurigo centro, che durante la stagione estiva è pari a 59 franchi al mese per metro quadrato. Nei quartieri meno centrali, la tassa è di 12 franchi. Tra i comuni più cari figurano anche Winterthur, Lugano, Berna, Sciaffusa e Coira. 

Esistono tuttavia anche altre realtà: Ginevra, una città tutt’altro che conveniente, chiede solo 8.50 franchi per metro quadrato, cioè quasi sette volte meno di Zurigo. Nelle zone meno frequentate, a Zurigo la tassa per metro quadrato è di 12 franchi, rispetto ai 5.38 franchi di Ginevra.  

La Chaux-de-Fonds la più conveniente

Tra le 16 maggiori città svizzere, con 2.31 franchi per metro quadrato La Chaux-de-Fonds è la meno esosa. Un caso particolare è Köniz, il dodicesimo comune più grande della Svizzera: i ristoratori di Köniz gestiscono i loro locali all’aperto esclusivamente su terreni privati. A Köniz non sarebbe pertanto stata inoltrata nessuna domanda per l’estensione degli spazi all’aperto. Secondo l’amministrazione comunale, la questione di un prezzo per la ristorazione all’aperto non si porrebbe nemmeno. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved