ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Il passaggio alle nuove polizze con Qr è filato liscio

La Posta segnala pochi disagi. In molti hanno pagato le fatture nell’ultimo giorno di validità delle vecchie polizze
Svizzera
3 ore

Casse malati care, ma si risparmia con i giusti accorgimenti

Cambiare assicurazione, modificare la franchigia o scegliere un altro modello di cure può attenuare l’annunciato aumento dei premi
Svizzera
3 ore

Comprare casa costa sempre di più, nonostante i tassi all’insù

Il mercato rimane dominato dalla robusta domanda di alloggio e dall’offerta tuttora limitata
rincari
15 ore

Rallenta l’inflazione in Svizzera: +3,3%

I dati di settembre fanno segnare un lieve calo rispetto ad agosto. È la prima volta che accade dopo 20 mesi consecutivi di numeri in crescita o stabili
Svizzera
16 ore

Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’

Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
17 ore

Tentata rapina a mano armata a Crans Montana

Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
Svizzera
18 ore

Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario

Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
Svizzera
20 ore

All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata

In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
20 ore

Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco

Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
25.05.2021 - 07:54
Aggiornamento: 15:06

Le città svizzere condonano le tasse a bar e ristoranti

Esercizi pubblici con terrazze esonerati del tutto o parzialmente fino alla fine dell’anno o della stagione. Comparis ha realizzato un confronto.

le-citta-svizzere-condonano-le-tasse-a-bar-e-ristoranti
Ti-Press
Gli enti pubblici tendono la mano

Chiudi, apri, richiudi: il coronavirus ha causato ai ristoratori svizzeri non poche difficoltà. Quest’estate i municipi delle grandi città svizzere andranno loro nuovamente incontro: esonerandoli – parzialmente o del tutto – dalle tasse per i tavoli negli spazi aperti. È quanto emerge da un confronto realizzato da comparis.ch. Una volta revocate le misure di contenimento del coronavirus, verrà nuovamente applicata la tariffa normale.

Quest’anno Basilea e Zurigo non si limitano solo a rinunciare alla tassa sul suolo pubblico, ma autorizzano anche l’aggiunta di posti a sedere all’aperto. Un’autorizzazione che anche altre città stanno valutando, si legge in una nota pubblicata oggi da Comparis.  

Esonero totale o parziale

Un esonero totale per i ristoratori con spazi esterni fino alla fine del 2021 o fino alla fine della stagione si applica a Friborgo, La Chaux-de-Fonds, Losanna e Winterthur. Lucerna e Coira prevedono una riduzione del 50%. Finora Ginevra ha annunciato una riduzione della tassa fino al 30 giugno. 

Berna, Thun, San Gallo, Lugano e Sciaffusa prevedono un condono totale o parziale che va oltre il primo semestre dell’anno. Questo deve tuttavia prima essere approvato dal parlamento comunale. «Quanto sarà effettivamente deciso nei parlamenti dipenderà in larga misura dallo sviluppo della pandemia nelle prossime settimane», osserva l’esperto di tasse Leo Hug, citato nella nota.

Bahnhofstrasse di Zurigo: tassa di 59 franchi per metro quadrato

Una volta revocate le misure di contenimento del coronavirus, per la ristorazione all’aperto varranno nuovamente le tariffe normali. E queste sono in parte alquanto salate, osserva Comparis. Il servizio di confronto internet ha confrontato le tasse per i ristoratori con spazi all’aperto nelle principali comuni della Svizzera. La ristorazione al metro quadrato più costosa è quella a Zurigo centro, che durante la stagione estiva è pari a 59 franchi al mese per metro quadrato. Nei quartieri meno centrali, la tassa è di 12 franchi. Tra i comuni più cari figurano anche Winterthur, Lugano, Berna, Sciaffusa e Coira. 

Esistono tuttavia anche altre realtà: Ginevra, una città tutt’altro che conveniente, chiede solo 8.50 franchi per metro quadrato, cioè quasi sette volte meno di Zurigo. Nelle zone meno frequentate, a Zurigo la tassa per metro quadrato è di 12 franchi, rispetto ai 5.38 franchi di Ginevra.  

La Chaux-de-Fonds la più conveniente

Tra le 16 maggiori città svizzere, con 2.31 franchi per metro quadrato La Chaux-de-Fonds è la meno esosa. Un caso particolare è Köniz, il dodicesimo comune più grande della Svizzera: i ristoratori di Köniz gestiscono i loro locali all’aperto esclusivamente su terreni privati. A Köniz non sarebbe pertanto stata inoltrata nessuna domanda per l’estensione degli spazi all’aperto. Secondo l’amministrazione comunale, la questione di un prezzo per la ristorazione all’aperto non si porrebbe nemmeno. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved