minaccia-inquietante-alla-liberta-di-stampa-in-svizzera
Keystone
Un problema soprattutto per le redazioni dei giornali regionali e locali
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
29 min

Pene più severe per il traffico di piante e animali protetti

Dal 1° marzo chi commercia illegalmente specie protette a livello internazionale rischierà il carcere fino a 5 anni
Svizzera
16 ore

Non sottovalutare la velocità della slitta, e il casco sempre

È la raccomandazione dell’Ufficio prevenzione infortuni per evitare fratture, ferite o lesioni più gravi
Svizzera
17 ore

Pierin Vincenz non si sente colpevole

L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio
Svizzera
19 ore

Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera

Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
21 ore

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
Svizzera
21 ore

Una persona su due in Svizzera vive o conosce relazioni tossiche

Lo rivela un sondaggio rappresentativo di Parship.ch. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini intervistati ha vissuto relazioni di questo tipo
Svizzera
1 gior

Le associazioni economiche reclamano la fine delle restrizioni

I rappresentanti di vari settori economici, dal fitness alla ristorazione, chiedono un ‘Freedom day’ che segni la fine delle misure anti-Covid
Svizzera
1 gior

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

L’ex numero 1 della banca accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva
Svizzera
1 gior

La Svizzera perde posizioni nella lotta alla corruzione

La Confederazione passa dal terzo al settimo posto nell’ultima classifica di Transparency International sulla corruzione nel settore pubblico per il 2021
Svizzera
1 gior

Incidente mortale nel comprensorio di Zermatt

La vittima è un 46enne sciatore spagnolo. L’incidente si è verificato sul pendio a nord del Gornergrat, tra Hohtälli e Riffelberg
Svizzera
1 gior

In Svizzera in calo i letti Covid in cure intense

Nelle ultime 72 ore segnalati 35 nuovi decessi e 247 ulteriori pazienti Covid
Svizzera
1 gior

Sgombero collina Mormont, solo pene pecuniarie per gli attivisti

L’accusa chiedeva la detenzione, i giudici hanno deciso altrimenti: cadono i principali capi d’imputazione, gli ‘zadisti’ se la cavano a buon prezzo
20.05.2021 - 18:380

‘Minaccia inquietante’ alla libertà di stampa in Svizzera

Commissione degli Stati vuole facilitare i provvedimenti cautelari nei confronti dei media. Vasta alleanza del settore invita i ‘senatori’ a opporsi.

La Costituzione federale vieta la censura. Ma chiunque si senta leso in maniera incombente nei suoi diritti può chiedere a un giudice di bloccare – prima che avvenga, o subito dopo – la pubblicazione di un servizio giornalistico. Il tribunale può ordinare immediatamente e senza sentire la controparte un provvedimento cautelare nei confronti del mass media in questione. A una condizione: che la pubblicazione dell’articolo o la diffusione di un’emissione radio-televisiva sia suscettibile di causare un “pregiudizio particolarmente grave” alla persona o all’istituzione interessata.

Per la maggioranza della Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati (Cag-S), l’asticella è posta troppo in alto. Lo scorso 12 aprile ha adottato un emendamento dell’avvocato Thomas Hefti (Plr/Gl), che propone di stralciare l’avverbio dall’articolo 266a del Codice di procedura civile (Cpc). In futuro un giudice avrebbe così la facoltà di bloccare la diffusione di informazioni su una persona o un’istituzione già in presenza di un “pregiudizio grave”, e non “particolarmente grave”. “Ci sono sempre ancora troppi articoli di stampa che escono per creare sensazione, senza rispettare la sfera privata delle persone interessate”, ha spiegato al ‘Tages-Anzeiger’ il presidente della Commissione Beat Rieder (Centro/Vs).

Una questione di lana caprina? Cavilli da giuristi? Nient’affatto, secondo una vasta alleanza che ora denuncia “una minaccia inquietante” sulla libertà di stampa. Stampa Svizzera, i sindacati impressum e syndicom e numerosi altri attori del settore puntano il dito contro un emendamento “gravido di conseguenze per il giornalismo di qualità indipendente”. In una lettera spedita a tutti i ‘senatori’, invitano a respingere la proposta e a seguire invece la minoranza commissionale (Carlo Sommaruga e Christian Levrat del Ps) e il Consiglio federale, che vogliono rimanere alla formulazione e alla prassi attuali. La revisione del Cpc – nel quale il nuovo articolo 266a è inserito – verrà affrontata dal Consiglio degli Stati il 16 giugno, nella terza settimana della sessione estiva delle Camere federali.

‘Proteggere il lavoro giornalistico’

La soppressione dell’avverbio avrebbe “un impatto considerevole sulla pratica dei tribunali” e “conseguenze negative molto serie sulla libertà di stampa garantita dalla Costituzione federale”, scrive l’alleanza in una nota. La formulazione in vigore è stata “espressamente voluta dal legislatore per proteggere il lavoro giornalistico contro qualsiasi interferenza eccessiva e disproporzionata”. L’emendamento Hefti abbassa la soglia a partire dalla quale un giudice può ordinare un provvedimento cautelare nei confronti dei mass media (e ciò non mancherà di incoraggiare potenziali istanti a adire i tribunali per impedire o ritardare la pubblicazione di informazioni scomode). In questo modo si “condannerebbero precipitosamente ricerche giornalistiche critiche o impopolari”. Lo scenario: un massiccio aumento delle (costose) procedure giudiziarie, “in particolare nei confronti di testate regionali e locali”, molte delle quali non hanno le risorse per difendersi.

I provvedimenti superprovvisionali possono avere conseguenze dirette sul lavoro d’indagine dei media, ha ricordato di recente il ‘Tages-Anzeiger’, che ha rivelato l’esistenza di un emendamento del quale la Cag-S non aveva fatto menzione nei suoi ultimi comunicati. Lo dimostra la vicenda che vede coinvolti i giornalisti romandi Marie Maurisse e François Pilet, che pubblicano sul loro sito Gothamcity.ch informazioni estratte da fonti giudiziarie riguardanti soprattutto casi di riciclaggio, corruzione e altri delitti economici. Molti di questi dossier vengono bloccati dai legali delle persone o delle imprese citate o coinvolte nelle vicende, costringendo i due giornalisti a mettere mano al portafoglio per dimostrare le loro ragioni davanti ai tribunali. Nella maggior parte dei casi i provvedimenti vengono tolti. Ma spesso ciò accade dopo mesi o anni, quando ormai il servizio giornalistico non è più di attualità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved