gli-svizzeri-bevono-piu-della-media-il-4-3-e-dipendente
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Aliante contro la roccia in Vallese, morto il pilota

L’aliante pilotato da un 57enne vodese si è schiantato contro una parete rocciosa nella zona di Sénin/Sanetsch, non lontano dal confine col canton Berna
Svizzera
14 ore

‘Fantasy Basel’: primato di visitatori

L’edizione 2022 dell’evento è stata frequentata da 62’000 appassionati di film di genere fantastico, videogame, fumetti, cosplay e manga
Svizzera
19 ore

Il caldo della primavera 2022 batte tutti i record

Temperature più alte di 2,5 gradi rispetto alla norma. Manca anche la riserva di neve. Dodici stazioni meteo locali registrano nuove soglie massime
Svizzera
20 ore

Vacanze estive: il Ticino gettonato fra chi resta in Svizzera

Secondo un sondaggio di Generali, solo il 27% di chi andrà in vacanza rimarrà in patria. Un terzo di questi intende passare le vacanze in Ticino
Svizzera
1 gior

Gli svizzeri spendono di più all’estero (lo dicono le carte)

In particolare in Francia e in Italia, stando ai dati di Monitoring Consumption Switzerland, sito che osserva i dati delle carte di pagamento
Svizzera
1 gior

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
1 gior

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
1 gior

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
1 gior

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
19.05.2021 - 15:52
Aggiornamento : 20.05.2021 - 13:34

Gli svizzeri bevono più della media, il 4,3% è dipendente

Lo indica uno studio dell'Ocse su 52 Paesi. In media uno svizzero beve 2,4 bottiglie di vino o 4,4 litri di birra a settimana.

Ats, a cura de laRegione

Il consumo di alcol degli svizzeri è superiore alla media e il 4,3% degli adulti ha sviluppato una dipendenza. Lo porta a galla l'ultimo studio dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), secondo cui inoltre la pandemia potrebbe cambiare le abitudini di molte persone riguardo al bere.

Stando al rapporto dell'organo con sede a Parigi divulgato oggi, la Svizzera ha un tasso di consumo di alcolici più elevato della media dei 52 Paesi considerati, fra i quali ci sono Stati membri dell'OCSE, dell'Ue e del G20.

La graduatoria è guidata dalla Repubblica Ceca, mentre nella Confederazione si bevono 11,5 litri di alcol puro a testa ogni anno, il che corrisponde a 2,4 bottiglie di vino o a 4,4 litri di birra pro capite per settimana, tenendo conto delle persone dai 15 anni. Un buon terzo degli adulti (35,6%) beve in modo abbondante almeno una volta al mese, ovvero più dell'80% di una bottiglia di vino o un litro e mezzo di birra.

Lo studio riferisce inoltre che il 4,3% degli svizzeri è dipendente dall'alcol. Tale consumo eccessivo è uno dei principali fattori di rischio che può portare a una morte prematura, così come provocare diverse patologie fra cui cancro e cirrosi epatica.

Su scala globale, l'esperienza delle passate crisi per l'OCSE suggerisce che a medio termine potrebbe esserci un aumento del consumo problematico di alcol. Ciò è infatti abbastanza comune dopo eventi traumatici e per ridurre lo stress. E il Covid-19, avverte l'organizzazione guidata dal messicano Angel Gurria, ha senza dubbio scosso persone e comunità di tutto il mondo, gettando le basi per future ripercussioni fisiche e psicologiche.

Per gli esperti "la pandemia ha anche evidenziato i problemi associati al consumo nocivo di alcol, in particolare in ambito famigliare". Nel complesso, buona parte delle persone non ha cambiato la quantità ingurgitata, ma tra coloro che lo hanno fatto la maggioranza l'ha incrementata. Bere è anche diventato un vizio più frequente.

A rigor di logica il coronavirus ha modificato i luoghi dove la gente si è data all'alcol. Da un lato bar e ristoranti sono stati colpiti pesantemente dalle chiusure imposte dalle autorità, dall'altro negozi al dettaglio e shop online hanno visto le loro vendite crescere significativamente.

Le prospettive indicano che l'aspettativa di vita potrebbe scendere di quasi un anno nel 2050 a causa di malattie o lesioni legate all'abuso di alcol. Pur non esistendo un livello riconosciuto scientificamente come privo di rischi per la salute, l'OCSE parla di eccesso nocivo quando si supera un drink al giorno per le donne e uno e mezzo per gli uomini.

Tali problemi di salute provocherebbero poi ingenti spese mediche, in media intorno al 2,4% dei costi sanitari totali. Senza dimenticare che andrebbero a influenzare negativamente la produttività della forza lavoro. Gli esperti ritengono quindi che sia necessario un mix di misure politiche per combattere il fenomeno. Andrebbero incluse campagne di comunicazione, interventi a livello di prezzi, ma anche approcci diretti nei confronti di chi consuma grandi quantità di alcolici.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alcol birra ocse
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved