KOZLOV S. (USA)
0
STRICKER D. (SUI)
0
1 set
(0-1)
certificato-covid-svizzero-dove-servira
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
54 min

Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+

Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto
Svizzera
1 ora

Il Consiglio federale non andrà a Pechino per le Olimpiadi

A causa dell’incerta situazione pandemica, l’Esecutivo ha reso noto oggi di aver deciso di non presenziare ai Giochi olimpici e paralimpici invernali
Svizzera
1 ora

‘Gravi lacune nelle perizie degli esperti dell’Ai’

Inclusion Handicap punta il dito contro istituti ed esperti che non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione
Svizzera
1 ora

Dall’energia solare 15 volte più elettricità entro il 2050

Swissolar presenta un piano in 11 punti per l’espansione del fotovoltaico. Il presidente Grossen: ‘Occorre costruire di più e più rapidamente’.
Svizzera
2 ore

In Svizzera il balzo dei contagi non spinge sulle cure intense

Resta stabile intorno a un quarto dei posti letto totali, la presenza di pazienti Covid nei reparti per i pazienti più gravi. Segnalati 13 decessi
Svizzera
4 ore

Pene più severe per il traffico di piante e animali protetti

Dal 1° marzo chi commercia illegalmente specie protette a livello internazionale rischierà il carcere fino a 5 anni
Svizzera
20 ore

Non sottovalutare la velocità della slitta, e il casco sempre

È la raccomandazione dell’Ufficio prevenzione infortuni per evitare fratture, ferite o lesioni più gravi
Svizzera
21 ore

Pierin Vincenz non si sente colpevole

L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio
Svizzera
23 ore

Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera

Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
1 gior

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
Svizzera
1 gior

Una persona su due in Svizzera vive o conosce relazioni tossiche

Lo rivela un sondaggio rappresentativo di Parship.ch. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini intervistati ha vissuto relazioni di questo tipo
Svizzera
1 gior

Le associazioni economiche reclamano la fine delle restrizioni

I rappresentanti di vari settori economici, dal fitness alla ristorazione, chiedono un ‘Freedom day’ che segni la fine delle misure anti-Covid
Svizzera
1 gior

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

L’ex numero 1 della banca accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva
Svizzera
1 gior

La Svizzera perde posizioni nella lotta alla corruzione

La Confederazione passa dal terzo al settimo posto nell’ultima classifica di Transparency International sulla corruzione nel settore pubblico per il 2021
19.05.2021 - 15:010
Aggiornamento : 18:04

Certificato Covid svizzero, dove servirà

Il Consiglio federale ha distinto tre settori in cui l'impiego del certificato sarà escluso, volontario o richiesto. Decisione attesa il 18 giugno

Inizia a delinearsi il certificato Covid in Svizzera: ci saranno tre settori (rosso, arancione e verde) a seconda dei quali l'attestato di vaccinazione/guarigione/test negativo sarà obbligatorio, legato alla situazione epidemiologica oppure non necessario. Lo ha indicato oggi il Consiglio federale, che prevede l'introduzione di questa sorta di "Covid Pass" a partire dal mese di giugno e il suo impiego "soltanto per il tempo necessario".

Tutte le persone in Svizzera dovranno avere accesso al certificato Covid, che verrà rilasciato a chi è vaccinato, guarito dal virus (allo stato attuale è valido per tre mesi), oppure risultato negativo a un tampone nelle ore precedenti.

Anche chi non può o non vuole farsi vaccinare avrà la possibilità di ottenere un certificato sottoponendosi a un test. Tuttavia, i test "fai da te" non basteranno per ottenere un certificato, poiché "non sono abbastanza precisi", ha spiegato il governo in un comunicato odierno, precisando che invece per i bambini e gli adolescenti fino all'età di 16 anni dovrà essere concesso l'accesso anche senza certificato.

"Il certificato Covid non è un vincolo, ma una soluzione che ci aiuterà a uscire dalla crisi", ha affermato in conferenza stampa il consigliere federale Alain Berset, precisando che si tratta di uno strumento che non è pensato per durare a lungo e da utilizzare solo dove "ha senso".

Settore verde: negozi, trasporti e lavoro

Nel settore verde il certificato Covid non sarà necessario, ha assicurato il "ministro" della sanità. Non sarà ad esempio impiegato in luoghi della vita quotidiana come negozi, trasporti pubblici, scuola o sul posto di lavoro.

Non ci sarà bisogno del certificato nemmeno per le manifestazioni private e religiose, né per i contatti con le autorità: qui il certificato è esplicitamente escluso poiché sono in gioco compiti dello Stato o libertà e diritti fondamentali.

Settore arancione: bar, ristoranti e tempo libero

Il settore arancione invece riguarda i luoghi frequentati da un gran numero di persone che rientrano "soltanto parzialmente" nella vita quotidiana: il Consiglio federale include tra questi bar, ristoranti, strutture sportive e per il tempo libero, sale cinematografiche, nonché manifestazioni fino a 1'000 persone e visite a ospedali e case di cura.

Attualmente, in questo settore l'impiego del certificato non è previsto. "Tuttavia, se la situazione epidemiologica dovesse peggiorare e vi fosse il rischio di un sovraccarico del sistema sanitario, l'accesso sarà limitato alle persone con un certificato per evitare chiusure", ha sottolineato Berset. Secondo il Consiglio federale, grazie all'andamento della campagna di vaccinazione c'è motivo di credere che non sarà necessario.

Tuttavia, "sarà possibile, su base volontaria, impiegare il certificato", ha spiegato il consigliere federale. Ciò significa che un bar, un ristorante, un cinema o un centro fitness potrà limitare l'accesso solo alle persone in possesso di un certificato Covid. In questo modo potrà rinunciare a piani di protezione, a limitazioni della capienza o all'obbligo della mascherina.

Secondo Berset, l'obiettivo è di tornare alla normalità - senza bisogno di utilizzare ulteriormente il certificato Covid - ma se la situazione dovesse deteriorarsi è necessario esaminare come evitare nuove chiusure.

Settore rosso: grandi eventi, discoteche e viaggi

La terza area, di colore rosso, riguarda invece "i luoghi sensibili dal punto di vista epidemiologico": sono inclusi ad esempio i grandi eventi - oltre le mille persone - e le discoteche.

In questi casi sarà obbligatorio essere in possesso del certificato Covid per potervi accedere. "Anche qui dovrà però essere limitato nel tempo", ha spiegato Berset. Il Consiglio federale prevede nelle prossime settimane una riapertura nel settore dei grandi eventi con un aumento graduale del numero massimo di partecipanti.

Il settore rosso include anche il traffico internazionale di passeggeri, poiché "probabilmente molti Stati richiederanno un certificato Covid all'ingresso". L'Ufficio federale dell'informatica e della telecomunicazione sta lavorando per realizzare un attestato compatibile con l'Unione europea che sia sicuro e il più semplice possibile.

Disponibile da giugno

L'attuazione e le corrispondenti modifiche dell'ordinanza saranno inviate in consultazione ai cantoni il prossimo 11 giugno e una decisione verrà presa la settimana successiva.

I primi certificati, tuttavia, inizieranno a essere rilasciati già dal prossimo 7 giugno e saranno disponibili alla popolazione entro la fine del mese, ovvero quando verosimilmente entreranno in vigore le misure legate all'uso del certificato.

A giugno inizierà dunque l'attuazione che durerà anche più di un mese, ha precisato Berset, chiarendo che i primi attestati rilasciati - almeno fino a metà-fine giugno - serviranno principalmente per poter viaggiare all'estero. Il certificato Covid, ha poi aggiunto il friburghese, sarà certamente necessario anche per più tempo per i viaggi internazionali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved