ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 min

Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
1 ora

Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
1 ora

Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli

Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
2 ore

Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto

Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
4 ore

L’imposizione individuale è stata messa in consultazione

Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
5 ore

Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera

Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
6 ore

I cyberattacchi a infrastrutture critiche andranno notificati

Il Consiglio federale intende creare un Centro nazionale per la cybersicurezza come servizio centrale per le segnalazioni di attacchi informatici
Svizzera
7 ore

Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino

Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
Svizzera
9 ore

‘Qui a Palazzo le persone mi conoscono, ed è questo che conta’

È stato definito ‘principe del lobbismo’, ‘petro-lobbista’, ‘cacciatore di mandati’. Albert Rösti spiega perché non fa nulla di strano, o di male
Svizzera
1 gior

Una coppia trova una busta con ventimila franchi per strada

I due onesti cittadini hanno rintracciato quindi l’anziano proprietario e gli hanno restituito la busta con l’ingente somma
Svizzera
1 gior

‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga

Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
1 gior

Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali

Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
17.05.2021 - 15:31
Aggiornamento: 16:30

Ampio sostegno al mobility pricing in Svizzera

Il Consiglio federale vuole avviare progetti pilota regionali. Tra i partiti solo l’Udc si mette di traverso. Contrario anche il Touring Club Svizzero.

ampio-sostegno-al-mobility-pricing-in-svizzera
Keystone
Obiettivo: decongestionare strade e trasporti pubblici negli orari di punta

Berna – Il modello di "mobility pricing" proposto dal Consiglio federale scontenta l'Udc e il Tcs. Gli altri partiti sono invece favorevoli al lancio di progetti pilota regionali volti a ridurre i picchi di traffico.

Oggi scadeva la consultazione sulla cosiddetta "tariffazione della mobilità", presentata in febbraio dal Consiglio federale. Il testo mira a limitare la congestione del traffico sulle strade e nei trasporti pubblici facendo pagare di più nelle ore di punta.

Cantoni e Comuni sarebbero invitati a creare progetti pilota in questo senso, con il sostegno finanziario della Confederazione limitato a dieci anni. Diverse regioni hanno già mostrato interesse e sottoposto dei progetti a Berna.

Udc e Tcs contrari a nuovi balzelli

Dopo la presa di posizione negativa resa nota una settimana fa dal Tcs, che considera tali misure socialmente ingiuste, perché andrebbero a colpire soprattutto i pendolari, anche l'Udc si è detta contraria all'introduzione di un sistema che a suo avviso apre una scappatoia per introdurre nuove tasse contrarie alla Costituzione sull'utilizzo delle strade.

Per i democentristi, il governo federale farebbe meglio ad affrontare lo sviluppo "troppo a lungo trascurato" delle infrastrutture di trasporto, in particolare delle strade. Gran parte della popolazione non ha la possibilità di scegliere liberamente l'orario di lavoro o il luogo di residenza. Il mobility pricing rischia di tradursi in una tassa aggiuntiva per la maggior parte delle persone, sostiene l'Udc.

‘Verità dei costi’

Il Ps accoglie invece con favore la proposta, che mira a introdurre i principi della verità dei costi e della causalità in ambito ambientale ("chi inquina paga") nel settore dei trasporti.

I socialdemocratici sostengono tuttavia che la tariffazione della mobilità andrebbe calcolata in modo che l'onere finanziario sui redditi bassi rimanga lo stesso o che i costi di mobilità più elevati possano essere compensati. Negli ultimi anni, i mezzi pubblici sono diventati più cari e l'uso dell'auto meno costoso, afferma il Ps.

Plr e Centro per i progetti pilota

Il Plr si dice favorevole a un chiarimento più approfondito del mobility pricing attraverso progetti pilota. In linea di principio, i liberali-radicali sono anche d'accordo che il traffico sia regolato attraverso tributi. L'uscita graduale dai combustibili fossili riduce i proventi della tassa sugli oli minerali che finanziano i progetti infrastrutturali. Per questo motivo, il Plr chiede che le nuove tariffe siano applicate sia al trasporto pubblico che a quello privato.

L'Alleanza del Centro è convinta che il cambiamento di comportamento desiderato può essere raggiunto - "se mai lo sarà con il mobility pricing" - solo in combinazione con altri fattori, come orari di lavoro più flessibili. La mobilità può essere meglio controllata attraverso incentivi positivi, piuttosto che con nuove tasse, si dice convinto il partito.

Verdi e Verdi liberali criticano ritardi

Secondo i Verdi, il mobility pricing dovrebbe rafforzare la mobilità sostenibile, cioè ridurre il traffico complessivo e spostarlo verso modi di trasporto più rispettosi dell'ambiente e del clima. Il partito ecologista ritiene che si debba intervenire in particolare sul traffico motorizzato privato, mentre il trasporto pubblico andrebbe reso più attrattivo.

Sia i Verdi che i Verdi liberali criticano peraltro i ritardi collegati alla legge, che delega l'intera questione per i prossimi dieci anni ai Comuni e ai Cantoni. Per il Pvl la legge federale messa in consultazione prevede troppo poche soluzioni innovative. Meglio sarebbe, a detta dei Verdi liberali, intervenire con una modifica costituzionale per introdurre il mobility pricing.

L'Associazione traffico e ambiente (Ata) accoglie pure con favore le proposte. Il traffico aumenta da anni, mentre il mix di mezzi di trasporto è sempre lo stesso. Il mobility pricing - sostiene l’Ata - è un mezzo per raggiungere gli obiettivi climatici attraverso la riduzione del traffico. Prerogativa necessaria è una seria valutazione di tutti gli effetti a livello nazionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved