ampio-sostegno-al-mobility-pricing-in-svizzera
Keystone
Obiettivo: decongestionare strade e trasporti pubblici negli orari di punta
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Mauro Poggia sporge denuncia dopo minacce di morte

Il consigliere di Stato ginevrino è stato attaccato verbalmente in un ristorante. Il portavoce: niente a che vedere con le restrizioni anti-Covid.
Svizzera
7 ore

Politica europea, ‘il Consiglio federale ci consulti’

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati esige un coinvolgimento formale nelle decisioni governative riguardanti l’Ue
Svizzera
8 ore

Conciliabilità famiglia-lavoro: proposto un sostegno economico

Nel confronto internazionale la Svizzera si situa tra le ultime posizioni per quanto riguarda l’accessibilità e la qualità della custodia complementare
Svizzera
8 ore

Casse pensioni: 2021 positivo con livelli di copertura record

Il 2021 molto positivo anche per gli investimenti: gli istituti di previdenza hanno infatti realizzato un rendimento patrimoniale netto medio dell’8,0%
Svizzera
9 ore

Il casco obbligatorio fino a 16 anni non convince la Commissione

La Ctt-S propone inoltre di respingere l’introduzione della possibilità per i veicoli a due ruote di sostare sul marciapiede
Svizzera
10 ore

La Commissione è contro la privatizzazione di Postfinance

Per la Ctt-S il disegno di legge proposto dal Consiglio federale non è soddisfacente
Svizzera
10 ore

Tante famiglie poco sopra al minimo vitale, Caritas preoccupata

L’organizzazione sottolinea come da un punto di vista statistico, tali famiglie non sono considerate come povere e per questo non ricevono aiuti
Svizzera
12 ore

Pazienti adulti e bambini promuovono gli ospedali svizzeri

Secondo un sondaggio la maggior parte dei ricoverati è contenta del soggiorno in ospedale. Elevato il grado di soddisfazione in pediatria
Svizzera
12 ore

Si è arreso ed è sceso l’uomo sulla gru a Oerlikon

Dopo esservisi arrampicato ieri sera e aver dato fuoco alla cabina, l’uomo si è convinto a scendere. Non ancora chiaro il motivo dell’azione
gallery
Svizzera
13 ore

Zurigo, sale su una gru e dà fuoco alla cabina

L’uomo si trova ancora sul macchinario. Vani i tentativi della polizia di stabilire un contatto
Svizzera
1 gior

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
1 gior

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
17.05.2021 - 15:31
Aggiornamento : 16:30

Ampio sostegno al mobility pricing in Svizzera

Il Consiglio federale vuole avviare progetti pilota regionali. Tra i partiti solo l’Udc si mette di traverso. Contrario anche il Touring Club Svizzero.

Berna – Il modello di "mobility pricing" proposto dal Consiglio federale scontenta l'Udc e il Tcs. Gli altri partiti sono invece favorevoli al lancio di progetti pilota regionali volti a ridurre i picchi di traffico.

Oggi scadeva la consultazione sulla cosiddetta "tariffazione della mobilità", presentata in febbraio dal Consiglio federale. Il testo mira a limitare la congestione del traffico sulle strade e nei trasporti pubblici facendo pagare di più nelle ore di punta.

Cantoni e Comuni sarebbero invitati a creare progetti pilota in questo senso, con il sostegno finanziario della Confederazione limitato a dieci anni. Diverse regioni hanno già mostrato interesse e sottoposto dei progetti a Berna.

Udc e Tcs contrari a nuovi balzelli

Dopo la presa di posizione negativa resa nota una settimana fa dal Tcs, che considera tali misure socialmente ingiuste, perché andrebbero a colpire soprattutto i pendolari, anche l'Udc si è detta contraria all'introduzione di un sistema che a suo avviso apre una scappatoia per introdurre nuove tasse contrarie alla Costituzione sull'utilizzo delle strade.

Per i democentristi, il governo federale farebbe meglio ad affrontare lo sviluppo "troppo a lungo trascurato" delle infrastrutture di trasporto, in particolare delle strade. Gran parte della popolazione non ha la possibilità di scegliere liberamente l'orario di lavoro o il luogo di residenza. Il mobility pricing rischia di tradursi in una tassa aggiuntiva per la maggior parte delle persone, sostiene l'Udc.

‘Verità dei costi’

Il Ps accoglie invece con favore la proposta, che mira a introdurre i principi della verità dei costi e della causalità in ambito ambientale ("chi inquina paga") nel settore dei trasporti.

I socialdemocratici sostengono tuttavia che la tariffazione della mobilità andrebbe calcolata in modo che l'onere finanziario sui redditi bassi rimanga lo stesso o che i costi di mobilità più elevati possano essere compensati. Negli ultimi anni, i mezzi pubblici sono diventati più cari e l'uso dell'auto meno costoso, afferma il Ps.

Plr e Centro per i progetti pilota

Il Plr si dice favorevole a un chiarimento più approfondito del mobility pricing attraverso progetti pilota. In linea di principio, i liberali-radicali sono anche d'accordo che il traffico sia regolato attraverso tributi. L'uscita graduale dai combustibili fossili riduce i proventi della tassa sugli oli minerali che finanziano i progetti infrastrutturali. Per questo motivo, il Plr chiede che le nuove tariffe siano applicate sia al trasporto pubblico che a quello privato.

L'Alleanza del Centro è convinta che il cambiamento di comportamento desiderato può essere raggiunto - "se mai lo sarà con il mobility pricing" - solo in combinazione con altri fattori, come orari di lavoro più flessibili. La mobilità può essere meglio controllata attraverso incentivi positivi, piuttosto che con nuove tasse, si dice convinto il partito.

Verdi e Verdi liberali criticano ritardi

Secondo i Verdi, il mobility pricing dovrebbe rafforzare la mobilità sostenibile, cioè ridurre il traffico complessivo e spostarlo verso modi di trasporto più rispettosi dell'ambiente e del clima. Il partito ecologista ritiene che si debba intervenire in particolare sul traffico motorizzato privato, mentre il trasporto pubblico andrebbe reso più attrattivo.

Sia i Verdi che i Verdi liberali criticano peraltro i ritardi collegati alla legge, che delega l'intera questione per i prossimi dieci anni ai Comuni e ai Cantoni. Per il Pvl la legge federale messa in consultazione prevede troppo poche soluzioni innovative. Meglio sarebbe, a detta dei Verdi liberali, intervenire con una modifica costituzionale per introdurre il mobility pricing.

L'Associazione traffico e ambiente (Ata) accoglie pure con favore le proposte. Il traffico aumenta da anni, mentre il mix di mezzi di trasporto è sempre lo stesso. Il mobility pricing - sostiene l’Ata - è un mezzo per raggiungere gli obiettivi climatici attraverso la riduzione del traffico. Prerogativa necessaria è una seria valutazione di tutti gli effetti a livello nazionale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale consultazione mobility pricing progetti pilota svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved