ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
7 ore

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
12 ore

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
12 ore

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
1 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
1 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
1 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
1 gior

Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più

Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
1 gior

Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol

L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
Svizzera
1 gior

Bilancia dei pagamenti, +11 miliardi nel secondo trimestre

Eccedenza di quasi 1 miliardo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2021 per la Banca nazionale svizzera
17.05.2021 - 15:14
Aggiornamento: 16:04

Accordo quadro, ecco il piano B dell’Usam

Meno regolamentazioni, diritto del lavoro più flessibile, modernizzazione dell’accordo di libero scambio. Obiettivo: mantenere la competitività della Svizzera.

accordo-quadro-ecco-il-piano-b-dell-usam
Keystone
Regazzi (al centro) con Bigler (sin.) e Berdoz

Berna – L'attuale progetto di accordo istituzionale con l'Unione europea nuocerebbe alla competitività della Svizzera perché implica regolamentazioni onerose e l'abbandono della sovranità. Secondo l'Unione svizzera arti e mestieri (Usam), anche senza questa intesa è possibile garantire la prosperità delle imprese elvetiche, in particolare riducendo i costi aziendali e flessibilizzando il mercato del lavoro.

Il consigliere nazionale Fabio Regazzi (Centro), presidente dell'Usam, ritiene che allo stato attuale l'accordo quadro sia inadeguato. Non a caso, ha fatto notare, molti settori economici e cantoni hanno fin da subito sottolineato le criticità del progetto: il ruolo della Corte di giustizia europea nella risoluzione delle controversie, l'indebolimento delle misure di accompagnamento a protezione del mercato del lavoro, la direttiva sulla cittadinanza europea e la clausola della "ghigliottina".

L'accesso al mercato interno dell'Ue è sicuramente un elemento importante per la competitività, ma "se è possibile solo adottando costosi regolamenti europei e rinunciando ai punti di forza e alla sovranità della Svizzera, allora è controproducente". "Corriamo il rischio di perdere il nostro vantaggio concorrenziale", ha aggiunto Regazzi nel corso di una conferenza stampa.

‘Dinamizzare il mercato interno’

Mantenere e rafforzare la competitività deve essere un obiettivo primario ed è possibile raggiungerlo anche senza accordo istituzionale secondo l'Usam. "La via maestra è dinamizzare il mercato interno, in concomitanza con il posizionamento internazionale della Svizzera", afferma il direttore dell'organizzazione Hans-Ulrich Bigler.

A suo avviso il modo più efficace per promuovere la produttività delle imprese è quello di introdurre un freno ai costi di regolamentazione. L'Usam chiede quindi che i progetti di legge che comportano costi di regolamentazione particolarmente elevati o che riguardano più di 10mila imprese debbano essere approvati dal Parlamento con una maggioranza qualificata.

Adattare il diritto del lavoro

Un'altra pietra miliare del programma dell'Usam è l'adattamento del diritto del lavoro. La legge deve essere adeguata "alle realtà di un mondo del lavoro sempre più digitale e flessibile". La digitalizzazione - ha aggiunto Bigler - potrà avvantaggiare le Pmi solo se avviene in un contesto ambiente libero applicando il principio: "Tutto ciò che non è espressamente vietato o regolato dalla legge è permesso".

Quanto alle assicurazioni sociali, secondo il direttore dell'Usam è necessario stabilire un equilibrio fra le prestazioni e il finanziamento perché "l'aumento dei costi salariali accessori e delle imposte sul valore aggiunto è dannoso per la competitività dell'economia svizzera".

Modernizzare l’accordo del 1972

In merito ai rischi di isolamento o ritorsioni, il vicepresidente dell'Usam André Berdoz ha sottolineato che Bruxelles ha interesse a modernizzare l'accordo di libero scambio del 1972, poiché la Svizzera importa da vari paesi membri ed è il nono mercato di esportazione della Germania. E con il "miliardo di coesione", Berna dispone di "una leva" per ottenere compromessi dall'Ue, ad esempio per garantire la partecipazione ai programmi di ricerca. "Il futuro internazionale della Svizzera è sicuro, anche se i negoziati sul presente accordo quadro falliscono", ha concluso Berdoz.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved