ULTIME NOTIZIE Svizzera
la guerra in ucraina
7 ore

Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera

La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
14 ore

Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg

Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
15 ore

Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023

Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
16 ore

Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo

L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
16 ore

Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’

In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
17 ore

Ricardo sfonda la soglia degli 1,6 milioni di utenti attivi

Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999, il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
18 ore

I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset

Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
08.05.2021 - 12:35

"Maggiore integrazione europea, ma l'accordo quadro non va bene"

Secondo il co-presidente del PS Cédric Wermuth, l'accordo nella sua forma attuale "mina la protezione dei salari"

Ats, a cura de laRegione
maggiore-integrazione-europea-ma-l-accordo-quadro-non-va-bene
Keystone

Il co-presidente del Partito socialista Cédric Wermuth ha fatto un appello a favore di una maggiore integrazione europea nel suo discorso oggi davanti all'assemblea - virtuale - dei delegati. Il consigliere nazionale argoviese ha però rifiutato l'accordo quadro Svizzera-Ue nella sua forma attuale: "mina la protezione dei salari", ha affermato.

La domanda per la sinistra è semplice, ha detto Wermuth. "L'Europa sarebbe migliore senza l'Unione?" La risposta è semplice come la domanda: "no". "Se non altro per il fatto che le sfide attuali superano da tempo i confini dello Stato nazionale", ha detto il co-presidente del PS.

Per la prima volta, Bruxelles sta facendo sforzi in vista di una unione fiscale. Ma la lotta persiste tra "coloro che continuano ad aggrapparsi all'Europa neoliberale" e le "forze crescenti che stanno dalla parte dell'Europa dei popoli".

In Svizzera il dibattito sull'accordo quadro si svolge proprio in questo contesto. "La lotta per una migliore tutela salariale e per un servizio pubblico decente è una lotta europea", ha affermato il consigliere nazionale argoviese. Il PS non stava combattendo questa battaglia contro l'Ue, ma a fianco della sinistra e dei sindacati europei.

"Lasciatemi parlare chiaramente, compagni. Questo testo, così com'è, non è accettabile per la socialdemocrazia", ha detto Wermuth. Attacca la protezione salariale e rischia di indebolire il servizio pubblico.

"Non si tratta di tattica o di posizionamento del partito. Si tratta del significato stesso di ciò che significa essere un socialdemocratico: difendere il diritto a salari e redditi decenti per tutti coloro che vivono o lavorano qui, poco importa da dove vengono", ha detto Wermuth.

Il co-presidente del PS suggerisce però una via d'uscita: per Wermuth è giunta l'ora di lasciare da parte la "ristrettezza mentale" in merito alla direttiva sulla libera circolazione. L'argoviese giudica ragionevole "la parità di trattamento dei cittadini europei in Svizzera, compresa la protezione contro la povertà". In cambio, ha proseguito il consigliere nazionale, l'Unione europea deve garantire alla Svizzera la protezione dei salari e dei suoi servizi pubblici.

Più in generale, l'accordo istituzionale quadro non è abbastanza ambizioso secondo Wermuth. "Vogliamo che la Svizzera partecipi al Green New Deal europeo. Vogliamo che la Svizzera partecipi ai programmi di investimento europei del post covid-19, vogliamo cooperare sulle questioni fiscali, sull'estensione della protezione del lavoro", ha precisato l'argoviese. Insomma, la Svizzera è chiamata ad allontanarsi dal "binario morto europeo" che ha imboccato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved