lupo-abbattimenti-piu-facili-o-piu-protezione-del-bestiame
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Aliante contro la roccia in Vallese, morto il pilota

L’aliante pilotato da un 57enne vodese si è schiantato contro una parete rocciosa nella zona di Sénin/Sanetsch, non lontano dal confine col canton Berna
Svizzera
18 ore

‘Fantasy Basel’: primato di visitatori

L’edizione 2022 dell’evento è stata frequentata da 62’000 appassionati di film di genere fantastico, videogame, fumetti, cosplay e manga
Svizzera
22 ore

Il caldo della primavera 2022 batte tutti i record

Temperature più alte di 2,5 gradi rispetto alla norma. Manca anche la riserva di neve. Dodici stazioni meteo locali registrano nuove soglie massime
Svizzera
23 ore

Vacanze estive: il Ticino gettonato fra chi resta in Svizzera

Secondo un sondaggio di Generali, solo il 27% di chi andrà in vacanza rimarrà in patria. Un terzo di questi intende passare le vacanze in Ticino
Svizzera
1 gior

Gli svizzeri spendono di più all’estero (lo dicono le carte)

In particolare in Francia e in Italia, stando ai dati di Monitoring Consumption Switzerland, sito che osserva i dati delle carte di pagamento
Svizzera
1 gior

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
1 gior

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
1 gior

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
1 gior

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
1 gior

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
1 gior

Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica

L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
1 gior

Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage

Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
05.05.2021 - 16:53

Lupo, abbattimenti più facili o più protezione del bestiame?

L'Udc chiede una soglia di animali uccisi più bassa per gli abbattimenti dei lupi, ambientalisti e sinistra propendono per più protezione delle mandrie

Ats, a cura de laRegione

Dopo il fallimento della nuova legge sulla caccia alle urne, una revisione dell'ordinanza in materia dovrebbe facilitare l'abbattimento dei lupi. La misura è sostenuta da tutti i partiti, ma UDC e agricoltori chiedono soglie più basse per poter uccidere un esemplare, mentre gli ambientalisti e la sinistra vogliono concentrarsi su una migliore protezione delle mandrie.

Il limite di dieci animali uccisi in un mese proposto dal Consiglio federale è troppo alto per i democentristi, che ne vorrebbero al massimo cinque prima di poter premere il grilletto. Inoltre, a loro avviso gli animali feriti devono essere considerati come quelli uccisi.

Per bovini, cavalli, asini e altri grandi capi di bestiame, l'UDC vuole poter sparare al lupo dopo una sola uccisione invece di tre e si oppone anche a nuovi requisiti per la protezione del bestiame. Se questi predatori si avvicinano alle persone e alle case, dovrebbe inoltre essere possibile sopprimerli in qualsiasi momento, non solo quando lo fanno con regolarità.

Sulla stessa lunghezza d'onda l'Unione svizzera dei contadini (USC), che non vuole esigenze più elevate per la protezione delle mandrie. L'organizzazione si oppone anche all'idea che il numero di attacchi dei lupi possa essere azzerato quando l'ordinanza entrerà in vigore a luglio.

Il Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB) accoglie con favore il fatto che la minaccia per l'uomo sia stata inclusa nell'ordinanza, ma rifiuta l'idea che la Confederazione debba avere l'ultima parola sull'abbattimento dei lupi. Inoltre, aggiunge, la popolazione di lupi dovrebbe essere preservata su scala nazionale, non regionale. L'associazione di cacciatori CacciaSvizzera concorda con la posizione di USC e SAB.

Per l'Alleanza del Centro, questa revisione è un primo passo nella giusta direzione. Il partito sostiene l'abbassamento della soglia per intervenire, ma ritiene che ciò potrebbe non essere sufficiente per proteggere l'economia alpina. Ritiene inoltre che le misure per proteggere le mandrie probabilmente non risolveranno i problemi, ma potrebbero crearne di nuovi nel turismo escursionistico.

Il PLR ritiene importante che la coesistenza tra uomo e grandi carnivori sia regolamentata. Il partito ritiene opportuno rafforzare temporaneamente la protezione delle mandrie, ma sottolinea che bisognerà tenerne conto nelle future richieste di sussidi per l'agricoltura.

In una nota congiunta, Pro Natura, BirdLife Svizzera, il Gruppo Lupo Svizzera e WWF Svizzera affermano che il progetto risponde alla volontà popolare. Ritengono tuttavia che si dovrebbe fare di più per proteggere il bestiame. Per consentire un abbattimento, soglie più basse per bovini e cavalli sono appropriate, ma non per lama e alpaca, aggiungono. Inoltre, dovrebbe essere presa in considerazione l'importanza del lupo nell'ecosistema forestale, dato che favorisce la rigenerazione naturale del bosco regolando le popolazioni di ungulati.

La Protezione svizzera degli animali (PSA) definisce l'ordinanza "cosmetica" e "insufficiente". A suo avviso mancano misure concrete, in particolare nell'ambito della protezione delle mandrie, che dovrebbe essere remunerata per coprire le spese.

Il PS si rammarica che la revisione riguardi soltanto il lupo. Con la bocciatura della legge sulla caccia il 27 settembre, la popolazione ha confermato che vuole una migliore protezione degli animali minacciati, rileva il partito, aggiungendo che però l'ordinanza si concentra troppo sulle specie in conflitto e sugli abbattimenti. Per il PS la protezione del bestiame deve essere estesa e sono necessari aggiustamenti sia alla legge, sia all'ordinanza.

I Verdi sostengono in gran parte il progetto, ma credono anche che i requisiti chiesti per la protezione delle mandrie non siano sufficienti. In particolare, la pastorizia dovrebbe essere promossa attraverso maggiori pagamenti diretti.

I Verdi liberali auspicano una maggiore protezione delle specie minacciate. Nella prossima revisione della legge sulla caccia, chiedono che venga inclusa la fine di quella ad animali a rischio come la beccaccia, il fagiano di monte, la pernice bianca e la lepre.

Le modifiche all'ordinanza sulla caccia entreranno in vigore il prossimo 15 luglio. I cantoni saranno autorizzati a uccidere lupi se hanno attaccato dieci pecore o capre, invece delle attuali quindici. Questa misura dovrà essere approvata dalla Confederazione, dato che è necessario conservare le popolazioni regionali di lupi.

Nelle regioni finora non interessate dalla presenza di questi predatori, la soglia sarà fissata a 15 animali attaccati in un mese, contro gli attuali 25, e a 25 in quattro mesi, contro i 35 di oggi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ambientalisti lupo ordinanza caccia protezione mandrie
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved