difesa-fa-rima-con-fake-news-ciberattacchi-e-pandemie
Keystone
Viola Amherd
ULTIME NOTIZIE Svizzera
rocco cattaneo
56 min

Dal petrolio al sole: Rocco Cattaneo si illumina

Il consigliere nazionale Plr, ex amministratore delegato di City Carburoil, racconta la sua svolta verde. E spiega la sua mozione sulle discariche solari.
Svizzera
9 ore

Mauro Poggia sporge denuncia dopo minacce di morte

Il consigliere di Stato ginevrino è stato attaccato verbalmente in un ristorante. Il portavoce: niente a che vedere con le restrizioni anti-Covid.
Svizzera
13 ore

Politica europea, ‘il Consiglio federale ci consulti’

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati esige un coinvolgimento formale nelle decisioni governative riguardanti l’Ue
Svizzera
14 ore

Conciliabilità famiglia-lavoro: proposto un sostegno economico

Nel confronto internazionale la Svizzera si situa tra le ultime posizioni per quanto riguarda l’accessibilità e la qualità della custodia complementare
Svizzera
14 ore

Casse pensioni: 2021 positivo con livelli di copertura record

Il 2021 molto positivo anche per gli investimenti: gli istituti di previdenza hanno infatti realizzato un rendimento patrimoniale netto medio dell’8,0%
Svizzera
15 ore

Il casco obbligatorio fino a 16 anni non convince la Commissione

La Ctt-S propone inoltre di respingere l’introduzione della possibilità per i veicoli a due ruote di sostare sul marciapiede
Svizzera
16 ore

La Commissione è contro la privatizzazione di Postfinance

Per la Ctt-S il disegno di legge proposto dal Consiglio federale non è soddisfacente
Svizzera
17 ore

Tante famiglie poco sopra al minimo vitale, Caritas preoccupata

L’organizzazione sottolinea come da un punto di vista statistico, tali famiglie non sono considerate come povere e per questo non ricevono aiuti
Svizzera
18 ore

Pazienti adulti e bambini promuovono gli ospedali svizzeri

Secondo un sondaggio la maggior parte dei ricoverati è contenta del soggiorno in ospedale. Elevato il grado di soddisfazione in pediatria
Svizzera
18 ore

Si è arreso ed è sceso l’uomo sulla gru a Oerlikon

Dopo esservisi arrampicato ieri sera e aver dato fuoco alla cabina, l’uomo si è convinto a scendere. Non ancora chiaro il motivo dell’azione
gallery
Svizzera
20 ore

Zurigo, sale su una gru e dà fuoco alla cabina

L’uomo si trova ancora sul macchinario. Vani i tentativi della polizia di stabilire un contatto
Svizzera
1 gior

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
1 gior

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
29.04.2021 - 20:15

Difesa fa rima con fake news, ciberattacchi e pandemie

Il Consiglio federale ha licenziato il rapporto sulla politica di sicurezza. Viola Amherd: situazione sempre più instabile. Anche il clima tra le priorità.

Berna – Rivalità egemoniche in aumento e maggior rischio di conflitti ai confini dell’Europa, ciberattacchi e campagne di disinformazione, sono aspetti della situazione politica internazionale potenzialmente pericolosi per la Svizzera.

Sulla base di questa analisi, il Consiglio federale ha licenziato il rapporto sulla politica di sicurezza per gli anni a venire - inviato in consultazione fino al 18 di agosto - che prevede tutta una serie di misure a livello interno volte a contrastare i nuovi e i vecchi pericoli, tra cui anche i rischi legati al cambiamento climatico, e a livello internazionale.

"La situazione in materia di sicurezza è diventata più instabile a livello mondiale, Europa compresa", ha dichiarato stamane davanti ai media la consigliera federale Viola Amherd, responsabile del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (Ddps), illustrando il rapporto che sostituisce quello risalente al 2016.

Conflitti ‘ibridi’

Le zone periferiche dell’Europa sono divenute maggiormente instabili, l’effetto protettivo del contesto geografico e politico della Svizzera è diminuito. La concorrenza tra le grandi potenze è aumentata, lo sviluppo tecnologico ha prodotto nuove minacce e la società è diventata più polarizzata, ha spiegato Pälvi Pulli, capo della politica di sicurezza al Ddps.

Il rapporto indica nove priorità per la politica di sicurezza della svizzera. Queste includono il rafforzamento dell'allerta precoce contro potenziali pericoli e la protezione contro gli attacchi informatici, enfatizzando il ruolo futuro della gestione dei conflitti "ibridi" (ciberattacchi e disinformazione) e della necessità di contrastare il terrorismo, l'estremismo violento e il crimine organizzato.

In caso di crisi, la sicurezza e l'approvvigionamento devono essere rafforzati, mentre la protezione da eventuali disastri naturali e da altre emergenze, come la pandemia di coronavirus, deve essere migliorata. Molto importante, per l'esecutivo, è fare in modo che sia sempre possibile in Svizzera la libera formazione delle opinioni.

Le misure da prendere per raggiungere questi obiettivi riguardano diverse ambiti politici che sono chiamati a cooperare più strettamente.

Pericoli naturali e pandemie

Per la ministra della difesa, le catastrofi naturali e le pandemie rappresentano tra le maggiori minacce per la Svizzera. "Il mondo è molto più interconnesso di 20 anni fa, il pericolo è molto più grande", ha aggiunto, accennando all'attuale crisi sanitaria.

La pandemia ha messo a nudo la vulnerabilità del paese ai disastri e alle emergenze. Il rischio che tali eventi si ripetano nei prossimi anni è in crescita secondo gli esperti.

Per non essere colta di sorpresa, la Svizzera deve prepararsi a problemi di approvvigionamento. Per questo s'intende accrescere la sicurezza dell'approvvigionamento a lungo termine per non rimanere a corto di beni e servizi critici, rilevanti per la sicurezza.

Ciberattacchi

Un aumento degli attacchi informatici provenienti dalla Cina, dall'Iran e dalla Russia a scopo di spionaggio è stato osservato in Svizzera negli ultimi tempi. Tale fenomeno rappresenta una minaccia elevata per le autorità, l'esercito, le organizzazioni internazionali e le rappresentanze straniere a Ginevra, così come per i settori finanziario e tecnologico.

Il laboratorio chimico-biologico di Spiez (Be) è diventato un bersaglio nel quadro delle attività di propaganda svolte in relazione al tentato assassinio dell'agente russo Skripal, afferma il rapporto.

Il Ddps prevede di dotarsi di un comando informatico entro il 2024, ha sottolineato a tale riguardo Viola Ahmerd. I servizi di intelligence stanno attualmente reclutando più personale per individuare meglio i tentativi di disinformazione provenienti dall'estero.

Terrorismo

La minaccia del terrorismo di matrice islamica permane, come hanno dimostrato gli attacchi di Morges e Lugano l'anno scorso. Tuttavia, la Svizzera dovrebbe continuare ad essere un obiettivo secondario, a meno che certe decisioni politiche non vengano percepite come ostili ai musulmani o all'Islam.

Insomma, le minacce esistenti, tradizionali, non sono scomparse: il rischio di un conflitto militare alla periferia dell'Europa c'è. Qualora un tale scenario dovesse concretizzarsi, la Svizzera potrebbe essere oggetto di attacchi informatici, sabotaggi, disinformazione, sovversione, uso improprio del suo territorio per supporto logistico e spionaggio. Anche l'incolumità dei cittadini svizzeri nelle zone di conflitto sarebbe in pericolo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale minacce rapporto sicurezza viola amherd
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved