l-uss-chiede-un-salario-minimo-di-22-franchi-all-ora
Keystone
Pierre-Yves Maillard
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Covid, venti i casi di variante indiana censiti in Svizzera

I casi sono stati individuati nei due semicantoni di Basilea e nei cantoni di Argovia, Berna, Vaud, Zurigo e Ginevra
Svizzera
8 ore

Accordo quadro, Commissione esteri: necessario compromesso

La Commissione politica estera al Nazionale chiede al Governo di adattare il mandato per i negoziati e illustrare le conseguenze di un mancato accordo con l'Ue
Svizzera
10 ore

Ricerca, la Svizzera non deve restar fuori dai programmi Ue

I rettori delle università svizzere chiedono al governo di trovare un'intesa con Bruxelles per mantenere ricercatori e studenti elvetici nei programmi europei
Svizzera
11 ore

Imam e fondi per le moschee sotto la lente del Governo

Il Consiglio federale raccoglie l’invito di una commissione della Camera dei cantoni. Tra le ipotesi da approfondire, un registro pubblico dei predicatori.
Svizzera
11 ore

Ampio sostegno al mobility pricing in Svizzera

Il Consiglio federale vuole avviare progetti pilota regionali. Tra i partiti solo l’Udc si mette di traverso. Contrario anche il Touring Club Svizzero.
Svizzera
11 ore

Accordo quadro, ecco il piano B dell’Usam

Meno regolamentazioni, diritto del lavoro più flessibile, modernizzazione dell’accordo di libero scambio. Obiettivo: mantenere la competitività della Svizzera.
Svizzera
13 ore

In Svizzera contagi nel weekend sotto i 3'000, 8 i decessi

Arretrano complessivamente i dati della pandemia: sono oltre 1'000 i casi in meno rispetto al weekend precedente, dimezzati i decessi
Svizzera
14 ore

Traffico di esseri umani, in Svizzera nel 2020 record di casi

Nell'anno della pandemia il dato è salito a oltre 300 unità. 303 le vittime totale, la maggior parte da Nigeria e paesi dell'Est. Nessun caso in Ticino
Svizzera
15 ore

 In Svizzera un'aggressione omofoba a settimana

L'anno scorso sono state registrate 61 aggressioni basate sull'orientamento sessuale. Nel 18% dei casi si tratta di violenza fisica
Svizzera
15 ore

Cresce domanda sostituti della carne, prodotto di nicchia

Giro d'affari di 117 milioni di franchi per preparati a base di soia e altri prodotti ricchi di proteine: fatturato raddoppiato, pur restando un mercato limitato
Svizzera
17 ore

Vaccini, la nuova campagna punta sulla solidarietà

“Un gesto fatto col cuore” è il nuovo slogan dell’Ufficio federale della sanità pubblica, con tanto di manifesti personalizzabili
Svizzera
1 gior

Vranckx, Ceo di Swiss: 'Di nuovo redditizi dall'estate'

La compagnia aerea a inizio mese aveva annunciato il taglio della propria flotta e una riduzione di 650 impieghi a tempo pieno
Svizzera
1 gior

Positivi dopo il vaccino: in Svizzera sono 129 su 1,2 milioni

Secondo la Nzz am Sonntag entro la fine di giugno Swissmedic potrebbe autorizzare i vaccini contro il Covid-19 per gli adolescenti
Svizzera
1 gior

Il Ps svizzero: più importanza alla base del partito

I due copresidenti Mattea Meyer e Cédric Wermuth vogliono creare un consiglio di partito di circa 80 membri responsabile della direzione strategica
Svizzera
20.04.2021 - 17:490

L’Uss chiede un salario minimo di 22 franchi all’ora

Con la pandemia si diffonde il precariato e aumentano le disparità di reddito. L’organizzazione sindacale vuole ‘lottare per una maggiore sicurezza sociale’.

Berna – La crisi del coronavirus ha avuto un impatto deleterio su molti lavoratori dipendenti. E il futuro non sembra affatto rassicurante, sottolinea l'Unione sindacale svizzera (Uss). "Dopo aver lottato contro la pandemia, dobbiamo lottare per una maggiore sicurezza sociale" per evitare un ulteriore peggioramento della situazione, ha detto oggi il presidente, Pierre-Yves Maillard, in una conferenza stampa.

La disoccupazione e la sottoccupazione sono in aumento. Chiusure e altre restrizioni hanno portato a un'esplosione del lavoro precario e le disparità di reddito sono aumentate. Gli standard minimi per i salari e le condizioni di lavoro vengono spesso ridotti.

Piani di rilancio settoriali

La crisi economica e sociale in Svizzera è sicuramente meno drammatica che in altri paesi. Le misure adottate hanno permesso di evitare i danni sociali più gravi, ma questo non significa che la situazione sia accettabile, ha aggiunto Maillard. Gli aiuti legati alla pandemia devono essere mantenuti nonostante le aperture. Si tratterebbe di convertirli in un piano di rilancio per alcuni settori, come la cultura o l'industria alberghiera, suggerisce il presidente dell'Uss.

Le prospettive per i prossimi mesi sono preoccupanti. Lo strumento del lavoro a orario ridotto aveva evitato molti licenziamenti, ma non si vede nessuna ripresa significativa del mercato del lavoro.

Anche dopo la seconda ondata della pandemia, un numero estremamente alto di persone è ancora senza lavoro. I dipendenti più giovani e più anziani sono più colpiti della media, oltre ai lavoratori a basso reddito. L'Uss chiede quindi una rapida estensione del lavoro ad orario ridotto da 18 a 24 mesi per evitare licenziamenti.

Meno reddito disponibile

Con il lavoro ridotto e la disoccupazione, inoltre, i redditi calano. Secondo una stima dell'Uss, le persone nelle fasce di reddito più basse (fino a 4'000 franchi lordi al mese) devono fare i conti con circa 300 franchi in meno al mese. Chi ha stipendi sopra i 10'000 franchi invece si ritrova 300-400 franchi in più in tasca. "È inaccettabile che il costo economico della crisi ricada sui salari più bassi", ha criticato Maillard.

Allo stesso tempo, le chiusure parziali dell'economia hanno portato a una proliferazione di lavori precari. Con il boom delle consegne a domicilio da parte dei corrieri, gli standard minimi delle condizioni di lavoro troppo spesso non sono rispettati. La chiusura dei ristoranti, ad esempio, ha portato a un netto incremento delle consegne di cibo da parte dei corrieri, che spesso hanno spesso salari bassi, un tasso di occupazione incerto e scarsa protezione sociale. I nuovi posti di lavoro creati durante la pandemia sono in settori non regolamentati, "sono lavoratori precari, subappaltatori e finti indipendenti", ha sottolineato Daniel Münger, presidente del sindacato syndicom.

Peggiorano le condizioni di lavoro

Chi ha potuto continuare a lavorare nonostante il semiconfinamento ha spesso dovuto accettare un peggioramento delle condizioni di lavoro, per esempio nella vendita e nell'elaborazione degli ordini online, ha ribadito dal canto suo Vania Alleva, presidente di Unia.

"La pressione è enorme per i dipendenti che accettano questa erosione senza dire nulla, perché sanno che i lavoratori a tempo ridotto stanno ancora peggio. Per questo abbiamo bisogno di un indennizzo al 100% per il lavoro a orario ridotto per salari fino a 5'000 franchi e l'estensione dei contratti collettivi di lavoro (Ccl)", ha aggiunto.

Attualmente oltre 550'000 lavoratori dipendono dai sussidi dell'assicurazione contro la disoccupazione, 450'000 in più rispetto all'inizio del 2020, ha detto Maillard. 400'000 sono in lavoro ridotto e altri 50'000 sono disoccupati. Sono mezzo milione di persone che vivono e sostengono le loro famiglie con almeno il 20% di reddito in meno da mesi.

Se siamo confrontati a manifestazioni di rabbia e disperazione, anche nella pacifica Svizzera, è a causa di questa crisi sociale, ha detto il presidente dell'Uss. Le persone che hanno superato la crisi senza perdita di reddito o senza paura di perdere il lavoro, a volte faticano a capire la rabbia e la violenza del sentimento di ingiustizia che colpisce una parte importante e già precaria della popolazione.

Esigenze

Per far fronte a queste prospettive fosche, l'Uss chiede un salario minimo di 22 franchi all'ora e contratti collettivi vincolanti anche per i nuovi posti di lavoro che sono sorti nei servizi di corriere e nel commercio online.

L'Uss esige inoltre che i quasi cinque miliardi di franchi di riserve in eccedenza dei premi di cassa malattia siano restituiti alla popolazione per rafforzare il potere d'acquisto e stimolare l'economia nazionale.

Anche i programmi di austerità, soprattutto a livello federale, devono essere abbandonati per evitare che la disoccupazione aumenti ulteriormente. Infine, l'Uss chiede garanzie di lavoro nelle aziende e sostegno nella ricerca di un'occupazione per i giovani che hanno completato la loro formazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved