giovani-e-pubblicita-del-tabacco-verso-un-controprogetto
Keystone
L’iniziativa potrebbe anche venir ritirata
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
32 min

Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla

La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
57 min

Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto

Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
Svizzera
1 ora

La carenza di maestri è arrivata anche nei Grigioni

La parte italofona è riuscita a trovare delle soluzioni grazie a insegnanti provenienti da Ticino e Italia
Svizzera
19 ore

Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio

Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
20 ore

Furti con scasso a Silvaplana e Müstair

La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
20 ore

Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia

È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
20 ore

Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona

In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
Svizzera
20 ore

Ubriaco rimane bloccato con l’auto su un ponticello pedonale

Ha dichiarato di aver preso una scorciatoia per rincasare. Gli è stata rilevata un’alcolemia dell’1,4 per mille
Svizzera
20 ore

Il clima obbliga la viticoltura vallesana a ripensarsi

Siccità e temperature elevate, oppure gelo e piogge abbondanti: gli eventi estremi mettono a dura prova il settore. Studi in corso, il Cantone investe
15.04.2021 - 15:19
Aggiornamento: 17:57

Giovani e pubblicità del tabacco, verso un controprogetto

Anche la commissione del Consiglio degli Stati a favore di un’alternativa sul piano legislativo all’iniziativa popolare

Berna – Seguendo il Consiglio federale e il Nazionale, anche la Commissione della sanità del Consiglio degli Stati (Csss-S) raccomanda al plenum di respingere (9 voti a 4) l'iniziativa ‘Fanciulli e adolescenti senza pubblicità per il tabacco’.

Essa propone però di opporle, quale controprogetto indiretto, le nuove disposizioni in materia (Legge sui prodotti del tabacco, LPTab) permettendo così al comitato promotore di ritirare il proprio testo a condizione che la nuova legge possa entrare in vigore.

Lo scorso marzo il Nazionale aveva bocciato la proposta di modifica costituzionale nel 2019 da organizzazioni giovanili e per la tutela della salute con 96 voti a 84 e 7 astensioni, giudicando che l'iniziativa andasse troppo lontano. La Camera ha preferito intervenire nel disegno di legge sul tabacco.

Qualche differenza con il Nazionale

L'iniziativa - sottoscritta da 109'969 persone - è stata sostenuta da Ps, Verdi e Verdi liberali, mentre Alleanza del Centro, Plr e Udc l'hanno respinta. Essa chiede di vietare ogni forma di pubblicità del tabacco che raggiunge bambini e giovani, sulla stampa, Internet, sui manifesti, nei cinema e nei punti vendita. Sarebbe vietata anche la sponsorizzazione di eventi e le sigarette elettroniche sarebbero regolamentate come quelle tradizionali. Rimarrebbe possibile la pubblicità rivolta unicamente agli adulti.

In una nota odierna dei servizi parlamentari, la Csss-S va nella stessa direzione del Nazionale, ma proporrà al plenum alcune modifiche rispetto alle decisioni adottate dalla Camera del popolo. Con 7 voti a 6 vuole che le aggiunte relative al rischio di dipendenza e a una più facile inalazione debbano applicarsi soltanto ai prodotti del tabacco destinati a essere fumati.

Con 9 voti a 3 la Commissione propone inoltre un cambiamento all'articolo che obbliga chi fabbrica o importa prodotti del tabacco a notificare l'ammontare delle spese destinate alla pubblicità, alla promozione e alla sponsorizzazione in relazione a tali prodotti; rispetto alla versione del governo, la Csss-S propone che siano annunciate unicamente le spese complessive e che le imprese possano raggruppare i loro dati e notificarli congiuntamente.

Convenzione Oms a portata di mano

La legge sui prodotti del tabacco (LPTab) dovrebbe consentire alla Svizzera di sottoscrivere una convenzione dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Essa prevede un divieto di consegna ai minorenni su scala nazionale. Uno dei punti più controversi è la pubblicità e la promozione delle sigarette, attualmente vietata solo in radio e alla televisione. I "senatori", che hanno già esaminato la normativa una prima volta, hanno deciso di estenderlo ai giornali e ai siti web visitati dai minori.

Il Nazionale ha invece optato per una formulazione meno restrittiva, con un divieto solo sui media destinati ai minori di 18 anni, ma non sugli altri. Inoltre, la pubblicità sarebbe in gran parte vietata nei cinema e negli spazi pubblici, così come sui manifesti visibili su suolo pubblico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commissione consiglio degli stati controprogetto iniziativa pubblicità tabacco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved