ok-a-terrazze-dei-ristoranti-sport-e-cultura-dal-19-aprile
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
35 min

Terza panne nel sistema dei certificati Covid in un mese

Lo comunica l’Ufficio federale informatica e telecomunicazioni (UfiT). Non è possibile emettere nuovi certificati, ma si possono verificare quelli emessi
Svizzera
1 ora

In Svizzera balzo dei casi settimanali, stabili i decessi

Il numero dei contagi da una settimana all’altra è aumentato di oltre un terzo. Calo dei pazienti Covid in cure intense, stagnanti i decessi
Svizzera
2 ore

Smartphone, si spende di più per tenerlo più a lungo

L’iPhone rimane l’apparecchio più impiegato in Svizzera, anche sul mercato dell’usato davanti a quelli di Samsung, poi Huawei.
Svizzera
18 ore

Anche quest’anno conti in profondo rosso per la Confederazione

La pandemia si fa ancora sentire. Il Consiglio federale si aspetta un deficit di 14,8 miliardi, 800 milioni in meno di quello record del 2020
Svizzera
18 ore

Bici sul treno, le Ffs mantengono l’obbligo di prenotazione

Il sistema presenta però delle lacune e dev’essere migliorato. Dal prossimo anno 400 posti aggiuntivi sui convogli a lunga percorrenza
Svizzera
20 ore

Dal primo gennaio 2022 sarà più facile cambiare sesso

Le persone transgender e intersessuali potranno far iscrivere più facilmente nel registro di stato civile il cambiamento senza passare da un giudice
Svizzera
20 ore

Un piano per tappezzare i ripari fonici di pannelli solari

Il Consiglio federale risponde al postulato di Bruno Storni (Ps). Lungo autostrade e linee ferroviarie il potenziale è ridotto, ma non trascurabile
Svizzera
20 ore

Covid, il Consiglio federale vuole prorogare gli aiuti al 2022

Il governo chiede al parlamento altri 915 milioni di franchi per far fronte agli effetti della pandemia. Il certificato non è interessato dalla proroga
Svizzera
21 ore

Con l’Italia ancora nodi da sciogliere a livello finanziario

Il Consiglio federale ha risposto a un postulato di Marco Romano. Fra le questioni aperte la lista nera del 1999 e la Convenzione sulle doppie imposizioni
Svizzera
23 ore

In Svizzera 1’846 nuovi contagi, 4 i decessi

Sale ancora l’incidenza dei casi. Pazienti Covid in cure intense all’11,50% su un’occupazione complessiva dell’82,80%
Svizzera
1 gior

Dal primo gennaio 2022 cambiare sesso sarà più facile

Per modificare il sesso e il nome nel registro civile basterà una dichiarazione di fronte all’ufficiale dello stato civile senza passare da un giudice
Svizzera
1 gior

In Ticino calano i fallimenti aziendali, crescono in Svizzera

Nel periodo gennaio-settembre il cantone segna un -7% di aziende fallite per insolvenza e un -19% per lacune organizzative. La media nazionale è al +5%
Svizzera
1 gior

Il certificato Covid scadrà un anno dopo la terza dose

Il certificato vale per 12 mesi a partire dall’ultima vaccinazione, e tale è considerata anche la vaccinazione di richiamo ai fini della validità
Svizzera
1 gior

Casse malati: meno sono efficienti, più sono care

Uno studio del portale Comparis dimostra che i premi più alti sono concentrati nelle assicurazioni malattia che hanno costi amministrativi maggiori
Svizzera
1 gior

Fuori uso alcuni tabelloni orari delle Ffs

Il problema riguarda sia i tabelloni centrali che gli schermi presenti lungo i binari e ha colpito quelli di vecchia generazione
Svizzera
1 gior

Svizzero per 22 anni, ma era un errore: non sarà naturalizzato

Nato nel 1993 da madre franco-svizzera e da padre libanese, il Tribunale federale ha confermato l’opposizione alla sua naturalizzazione facilitata
Svizzera
1 gior

Zigoli dolci con salmonella: Migros ritira il prodotto

La marca è Alnatura. Il grande distributore toglie dagli scaffali le confezioni da 225 grammi che scadono il 22 marzo e il 20 maggio ’22
Svizzera
1 gior

Cade da una tettoia ad Altdorf: grave un bimbo di 7 anni

Aperta un’indagine a seguito dell’incidente, verificatosi durante le attività extrascolastiche al palazzetto dello sport
Svizzera
1 gior

‘No’ al divieto di immatricolazione auto a benzina dal ’23

Per la Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Nazionale ‘costituirebbe un’ingerenza eccessiva nelle libertà economiche della popolazione’
Svizzera
1 gior

Situazione pandemica sfavorevole, torna l’aumento dei casi

Secondo gli esperti c’è il rischio di un prossimo sovraccarico delle strutture ospedaliere. Tasso di riproduzione sotto l’1 solo in due cantoni
Svizzera
1 gior

Posta, il Ceo Roberto Cirillo difende le acquisizioni

Il Ceo del Gigante giallo sostiene che servano introiti supplementari e respinge le accuse di distorsione della concorrenza
Svizzera
1 gior

In Svizzera 1’491 nuovi contagi e 9 decessi

Il tasso di positività sale al 6,73%, mentre continua a crescere l’incidenza
Svizzera
2 gior

Via libera a terza dose per persone immunodepresse o a rischio

Dopo l’autorizzazione di Swissmedic, l’Ufsp e la Commissione federale per le vaccinazioni raccomandano la terza dose per gli over 65
Svizzera
2 gior

Casse malati, presentato il sistema a forfait ambulatoriali

Il sistema tariffario per mezzo di forfait per le prestazioni ospedaliere ambulatoriali sarà sottoposto al Consiglio federale
Svizzera
2 gior

La pandemia non ha fatto esplodere l’aiuto sociale

Le richieste sono aumentate solo dello 0,5%. A frenarle soprattutto gli aiuti stanziati da Confederazione, cantoni e comuni. Messe in luce alcune mancanze
Svizzera
2 gior

A un anno dalla pandemia dimezzato l’uso dei mezzi pubblici

Secondo i dati del microcensimento mobilità e trasporti, a inizio 2021 è stato percorso il 31% di km in meno rispetto all’anno precedente
Svizzera
14.04.2021 - 16:300
Aggiornamento : 20:19

Ok a terrazze dei ristoranti, sport e cultura dal 19 aprile

Consentiti gli eventi sportivi e culturali con pubblico limitato (50 al chiuso, 100 all'aperto), riaprono anche le strutture ricreative e del tempo libero

Dal 19 aprile i ristoranti e i bar in tutta la Svizzera potranno riaprire al pubblico le terrazze. Saranno inoltre nuovamente consentite attività sportive e culturali al chiuso e determinate competizioni, via libera anche per manifestazioni in presenza di pubblico, per esempio negli stadi, nei cinema, nei teatri e nelle sale per concerti, pur con posti limitati. In tutte le attività nuovamente consentite è possibile, e con poche eccezioni anche prescritto, indossare la mascherina e mantenere la distanza necessaria. 

Queste, in sintesi, le decisioni odierne del Consiglio federale riguardo le prossime tappe di riapertura. 

Alain Berset: «Bisogna constatare tutti insieme che nella nostra società e nel nostro Paese tutti sanno cosa sta succedendo, abbiamo tutti capito la posta in gioco, siamo riusciti ad adattarci e dunque le aperture prudenti attuate recentemente non hanno provocato un'impennata dei contagi, ed è importante dunque che i gesti che ci proteggano vengano rispettati. Si parla, sì, di situazioni problematiche, ma poche in confronto alla maggioranza della popolazione che rispetta le misure».

Quanto ai criteri per le aperture, Berset ha sottolineato come essi non comprendano automatismi ma diano delle indicazioni. È vero che 4 criteri su 5 sono oltre i limiti stabiliti, ma non sono tuttavia fuori controllo. In particolare, il criterio riferito all’occupazione delle cure intense è rispettato

Infine, la campagna vaccinale avanza.  «Tutto quello che è stato previsto è stato consegnato e continua a essere consegnato, siamo in contatto con i principali produttori e ci hanno detto che i volimi previsti per i prossimi mesi arriveranno» ha affermato Berset.

Il comunicato

"La situazione resta fragile e nelle ultime settimane è ulteriormente peggiorata", afferma il Consiglio federale nel comunicato ai media.  Quattro dei cinque indicatori decisivi per le fasi di riapertura superano attualmente il valore limite stabilito. Inoltre non è ancora chiaro se durante le festività pasquali vi sia stato un aumento dei contagi in famiglia o tra amici.

Tuttavia, "il rischio è sostenibile" e il Consiglio federale considera "dati i presupposti per una riapertura moderata". Inoltre, la vaccinazione dei gruppi a rischio procede bene e i test sono costantemente estesi.

Il numero dei ricoveri ha ripreso a salire, ma a un ritmo relativamente lento rispetto a quello dei contagi, e la vaccinazione delle persone a rischio procede bene: quasi il 50 per cento degli ultraottantenni e circa il 30 per cento delle persone tra i 70 e i 79 anni sono completamente vaccinati. Inoltre la situazione nei reparti di terapia intensiva è relativamente stabile.
Nella sua valutazione, il Consiglio federale ha tenuto conto anche delle conseguenze economiche e sociali dei provvedimenti, in particolare per i giovani e i giovani adulti. In linea con il pacchetto di allentamenti posto in consultazione a metà marzo ma attuato soltanto in piccola parte, la nuova fase di riapertura consente attività a rischio moderato in cui, a parte poche eccezioni, è possibile indossare la mascherina e mantenere la distanza necessaria senza difficoltà.

Rischio calcolato

Il Consiglio federale, si afferma, "è consapevole dei rischi che la nuova fase di riapertura comporta". In caso di un aumento delle ospedalizzazioni, sarebbero toccate in misura maggiore anche persone più giovani. Attualmente oltre la metà dei ricoverati ha meno di 65 anni. A seconda dell’evoluzione della situazione negli ospedali, c’è il rischio che gli allentamenti debbano essere revocati. Il Consiglio federale chiede perciò alla popolazione di continuare a
comportarsi prudentemente, in particolare alle persone a rischio che nelle prossime settimane saranno vaccinate completamente e quindi ben protette dal contagio e da un decorso grave della malattia.

Le decisioni in dettaglio

Riapertura delle terrazze dei ristoranti

Il 19 aprile bar e ristoranti potranno riaprire le loro terrazze, a condizione che siano rispettate regole quali l’obbligo di consumare stando seduti e d’indossare la mascherina finché non arrivano le consumazioni, la limitazione a quattro ospiti al massimo per tavolo, l’obbligo di registrare i dati di contatto di tutti gli avventori e di mantenere una distanza di 1,5 metri fra i tavoli o di installare tra loro pareti divisorie. Le discoteche e i locali da ballo resteranno invece chiusi. Poiché con queste regole molte strutture della ristorazione non potranno coprire i costi d’esercizio, il settore gastronomico continuerà a fruire di aiuti finanziari.

Strutture accessibili al pubblico

Le strutture ricreative e del tempo libero potranno riaprire i loro spazi interni analogamente ai negozi e ai musei. Saranno così integralmente riaperti anche i giardini zoologici e botanici: nei locali al chiuso dovrà però sempre essere indossata la mascherina e mantenuta la distanza necessaria. Gli spazi interni dei centri wellness e balneari dovranno invece restare chiusi.

Manifestazioni in presenza di pubblico: 100 persone all’aperto, 50 al chiuso

Con determinate restrizioni, sono di nuovo consentite manifestazioni in presenza di pubblico. Il numero di spettatori è limitato a 100 persone all’aperto (p. es. partite di calcio o concerti open air) e a 50 al chiuso (p. es. in cinema, teatri, sale per concerti). Inoltre, il numero dei presenti, che dovranno stare seduti e indossare sempre la mascherina, non dev’essere superiore a un terzo dei posti disponibili. Tra uno spettatore e l’altro dev’essere mantenuta la distanza di 1,5 metri o lasciato libero un sedile. Sono vietate le consumazioni e sconsigliati gli intervalli durante gli spettacoli.

Altre manifestazioni: non più di 15 persone

Con la nuova fase di riapertura sono nuovamente possibili – oltre agli eventi privati e alle attività sportive e culturali già consentiti – anche altre manifestazioni con non più di 15 persone, quali le visite guidate nei musei, le riunioni dei membri di associazioni o altri eventi nel settore ricreativo e del tempo libero. Anche in questi casi è obbligatorio indossare la mascherina e mantenere la distanza.
Sport e cultura: consentite attività per adulti con fino a 15 persone
Le prescrizioni per le attività sportive e culturali sono allentate anche per gli adulti nel settore amatoriale, per singole persone e per i gruppi con fino a 15 persone. A queste condizioni sono nuovamente ammesse anche le competizioni. Per le attività all’aperto occorrerà indossare la mascherina o mantenere la distanza necessaria di 1,5 metri, mentre al chiuso sarà generalmente obbligatorio sia portare la mascherina che rispettare il distanziamento. Sono tuttavia previste deroghe per attività che non possono essere praticate indossando la mascherina, ad esempio gli allenamenti della resistenza in palestra o il canto in coro. Per questi casi sono previste regole di distanziamento più severe.
Continua a non essere permesso praticare sport con contatto fisico al chiuso; questi sport possono invece essere praticati all’aria aperta, a condizione che sia indossata la mascherina. Resta infine d’attualità la raccomandazione di spostare all’aperto le attività sportive e culturali e di sottoporsi a un test prima di svolgerle.

Insegnamento presenziale nelle scuole universitarie e nei corsi di formazione continua

Con determinate restrizioni, l’insegnamento presenziale è di nuovo consentito anche al di fuori della scuola dell’obbligo e del livello secondario II, cioè in particolare nelle scuole universitarie e nei corsi per adulti. La partecipazione è limitata a 50 persone e a un terzo della capienza dei locali e vanno rispettati l’obbligo della mascherina e del distanziamento.

Strategia di test: nessuna quarantena per le imprese

I dipendenti delle imprese che dispongono di un piano di test e che offrono a chi è presente in sede almeno un test alla settimana sono esentati dalla quarantena dei contatti durante l’esercizio dell’attività professionale. Le case per anziani e di cura possono revocare l’obbligo della mascherina per i residenti che si sono fatti vaccinare o che sono guariti dalla COVID-19.

Approvvigionamento con medicamenti importanti e promettenti

Oggi il Consiglio federale ha adottato anche decisioni sull’approvvigionamento con medicamenti importanti e promettenti contro la COVID-19. Le terapie combinate con anticorpi monoclonali devono essere disponibili in Svizzera il più presto possibile. In una prima fase i costi di queste terapie saranno assunti dalla Confederazione, successivamente dalle casse malati.
Il Dipartimento federale dell’interno è inoltre incaricato di studiare in dettaglio, in collaborazione con il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca e il Dipartimento federale delle finanze, in quale forma la Confederazione possa rafforzare la produzione e lo sviluppo in Svizzera di medicamenti rilevanti per il trattamento della COVID-19 (inclusi i vaccini). La modifica della legge COVID-19 del 20 marzo 2021 ha conferito alla Confederazione un maggior margine di manovra in materia.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved