casse-malati-riduzione-volontaria-delle-riserve-piu-semplice
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

71 pecore precipitate nell’Oberland grigionese, sospetto lupo

Gli ovini sono caduti da una parete rocciosa alta dieci metri, 24 sono morti e 19 hanno dovuto essere abbattuti. Si pensa all’attacco di un predatore
Svizzera
13 ore

Aumenta il consumo degli oppioidi in Svizzera

Uno studio del Politecnico di Zurigo evidenzia come la vendita è cresciuta del 91 per cento, così come sono triplicate le chiamate a Tox Info
Svizzera
15 ore

Google inaugura una terza sede a Zurigo

La terza filiale si trova a pochi passi dalla stazione centrale, nella Europaallee. Il gruppo tecnologico americano impiega circa 5’000 persone in città
Svizzera
16 ore

Panne a Skyguide, le risposte attese per fine estate

Presentato il primo rapporto intermedio relativo al malfunzionamento che il 15 giugno aveva portato alla chiusura dello spazio aereo svizzero
Svizzera
16 ore

Riforma Avs, Berset difende la pensione a 65 anni per le donne

La riforma, secondo il consigliere federale, permetterebbe di stabilizzare le finanze dell’Avs per dieci anni e garantire l’attuale livello di rendite
Svizzera
16 ore

Il Kunsthaus fa luce sulle opere d’arte rubate dai nazisti

Il neopresidente della società che gestisce il museo vuole indagini sulla Collezione Bührle. Fra i dipinti un’opera proveniente dalle isole di Brissago
Svizzera
17 ore

Credit Suisse condannata a pagare una multa di due milioni

L’istituto bancario è stato condannato dal Tribunale penale federale di Bellinzona nell’ambito del processo sul riciclaggio di denaro della mafia bulgara
14.04.2021 - 13:54
Aggiornamento: 20:56

Casse malati, riduzione volontaria delle riserve più semplice

Le nuove disposizioni del Consiglio federale renderanno più semplice il rimborso dei premi incassati in eccesso tramite riduzione delle riserve

Ats, a cura de laRegione

Le casse malattia potranno più facilmente ridurre le riserve e rimborsare i premi incassati in eccesso. Il Consiglio federale ha adottato oggi la revisione dell'ordinanza sulla vigilanza sull'assicurazione malattie (OVAMal), che entrerà in vigore il 1° giugno e si applicherà per la prima volta ai premi del 2022.

Le riserve degli assicuratori sono nettamente superiori al minimo fissato per legge: lo scorso anno ammontavano a ben 11,3 miliardi di franchi, vale a dire al 203% del minimo richiesto. Secondo il Consiglio federale queste andrebbero ridotte a vantaggio degli assicurati.

Per fissare i premi, gli assicuratori si basano sui dati dell'anno precedente, sulle proiezioni relative all'anno in corso e sulle stime per l'anno successivo che, per loro natura, non sono precisi. "È pertanto impossibile che i premi corrispondano totalmente ai costi effettivi", si legge nel rapporto esplicativo.

Per correggere queste discrepanze, la legge sulla vigilanza sull'assicurazione malattie (LVAMal) e la relativa ordinanza prevedono già ora la possibilità di ridurre le riserve e di rimborsare i premi agli assicurati dei cantoni dove erano stati calcolati in maniera eccessiva rispetto ai costi.

Le condizioni che un assicuratore deve soddisfare per poter ridurre le riserve non sono indicate nella normativa vigente, ma solo in una circolare dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Le nuove disposizioni, iscritte nell'ordinanza, stabiliscono che le riserve dovranno essere pari al 100% del minimo prescritto, invece che del 150% come ora. "Un maggior numero di assicuratori soddisferà le condizioni per la riduzione delle riserve, il che aumenta l'incentivo a ridurre i premi a favore degli assicurati", secondo il Consiglio federale. L'UFSP continuerà a garantire il rispetto delle riserve minime.

Per quanto riguarda la possibilità di rimborso dei premi incassati in eccesso, l'ordinanza definisce il rapporto tra i costi e le entrate provenienti dai premi in un determinato cantone necessario all'approvazione di una richiesta in tal senso.

La modifica dell'ordinanza mira inoltre ad evitare che le casse utilizzino queste due possibilità solo per attirare nuovi assicurati, spiega ancora il Consiglio federale. La normativa attuale infatti contiene "incentivi inopportuni" che posso spingere gli assicuratori a fissare premi troppo elevati per procedere poi a un rimborso a scopi commerciali. "L'idea del legislatore non era quella di fornire agli assicuratori un nuovo strumento di marketing, bensì di garantire che i premi fossero fissati nel modo più preciso possibile", ricorda il rapporto esplicativo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casse malati consiglio federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved