tra-i-ragazzini-raddoppio-di-tentati-suicidi-c-entra-la-pandemia
Più della metà sono femmine. Il problema riguarda tutte le classi sociali
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Scoperto un pipistrello con la rabbia nel canton Berna

La Svizzera è attualmente, tranne in questo caso, esente dalla malattia, sia negli animali domestici che in quelli selvatici
Svizzera
4 ore

Landquart, in fiamme un container abitativo. Arrestato un uomo

Fermato un marocchino 43enne per l’incendio alla struttura, utilizzata per sanzionare i residenti di altri centri di accoglienza
Svizzera
5 ore

Da Sempach un appello alla solidarietà con l’Ucraina

Dopo due anni d’attesa, torna in grande stile la commemorazione della battaglia. Con la presenza della ‘prima cittadina’ svizzera Irène Kälin
Svizzera
6 ore

Gas per tutti in inverno? Nessuno lo può garantire

La ministra dell’energia Simonetta Sommaruga non esclude che nella stagione fredda si vada incontro a difficoltà nell’approvvigionamento
Svizzera
8 ore

Quattro motociclisti feriti in tre incidenti sul Susten

Una settimana dopo il tragico sinistro costato la vita a due ticinesi, altro weekend da dimenticare sulla strada del passo tra i cantoni Uri e Berna
Svizzera
9 ore

‘I fronti in Ucraina continueranno a inasprirsi’

Ne è convinta la ministra della Giustizia Karin Keller-Sutter, secondo cui ‘la situazione potrebbe peggiorare considerevolmente in inverno’
Svizzera
9 ore

‘L’iniziativa contro l’acquisto degli F-35? Un errore’

Erich Fehr, presidente della piattaforma social-liberale ‘I socialisti liberali nel Ps svizzero’ critica la linea del partito
Svizzera
11 ore

Con Lugano, la Svizzera preserverà la sua immagine di ‘leader’

Ne è convinto Nicolas Bideau. Secondo cui la Conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina è un evento ‘compatibile’ con la neutralità
Svizzera
14 ore

Nel 2022 più donne nei Cda delle grandi aziende

Nelle cento maggiori società svizzere quotate in borsa la loro percentuale è passata dal 25,4% al 28,5%
11.04.2021 - 09:31
Aggiornamento: 17:38
Ats, a cura de laRegione

Tra i ragazzini raddoppio di tentati suicidi: c'entra la pandemia

Più del doppio dei tentativi di suicidio tra bimbi e adolescenti rispetto al 2019 registrati dal Kinderspital di Zurigo: la maggior parte ha meno di 12 anni.

Al pronto soccorso del "Kinderspital" di Zurigo l'anno scorso sono giunti più del doppio di bambini e adolescenti che hanno tentato il suicidio rispetto al 2019. Secondo il responsabile degli psicologi della clinica pediatrica la causa è principalmente la pandemia di coronavirus. Non ci sono ancora dati scientifici che lo dimostrino, precisa lo psicologo Markus Landolt in un'intervista pubblicata oggi dalla Nzz am Sonntag. Ma la connessione è altamente probabile.

Nel 2020, 49 bambini o adolescenti sono stati ricoverati al pronto soccorso dopo tentativi di suicidio, rispetto ai 22 dell'anno precedente. E per l'anno in corso le cose non sembrano andare meglio. Secondo Landolt, 21 tra adolescenti e bambini sono già stati ricoverati dopo tentativi di suicidio, quasi quanti in tutto il 2019. “Si sta arrivando a un punto critico“, dichiara il medico zurighese. La maggior parte di coloro che giungono al pronto soccorso ha almeno 12 anni, secondo Landolt, e più della metà sono femmine. Le ragazze interiorizzano i problemi molto più dei ragazzi, spiega lo psicologo: questi ultimi sono più propensi a reagire all'esterno, per esempio con l'aggressività. I ragazzini che tentano il suicidio provengono da tutte le classi sociali.

Situazioni famigliari difficili

È deprimente quello che i bambini raccontano, riferisce Landolt. “Molti descrivono situazioni familiari assai difficili, raccontano di gravi conflitti e violenze. Ma ci sono anche quelli che hanno paura di perdere il contatto con la scuola o di non essere in grado di soddisfare le alte aspettative dei loro genitori. Per i più grandi si tratta anche di paure per il futuro, per esempio di non trovare un apprendistato. Altri ancora sono socialmente esclusi e vittime di bullismo“.

“La pandemia intensifica i fattori che potrebbero portare a tentativi di suicidio”, afferma Landolt: per esempio la solitudine, la tristezza e le paure per il futuro. Le persone colpite non vedono altra via d'uscita.

Molte malattie psicosomatiche

Secondo il medico, anche il numero di ricoveri di bambini e adolescenti con disturbi psicosomatici è aumentato significativamente all'ospedale pediatrico di Zurigo durante la seconda ondata della pandemia. I casi nel periodo dallo scorso novembre a questo marzo sono stati quasi tre volte superiori a quelli dello stesso periodo dell'anno precedente. Si tratta di sintomi per i quali non si possono trovare cause fisiche. “Alcuni hanno dolori così forti che non possono più andare a scuola e sono fortemente limitati. Altri sviluppano disturbi dissociativi, cioè improvvisamente non sentono più il loro corpo correttamente o in alcuni casi non possono più muovere singole parti del corpo", riferisce Landolt.

Sono saliti pure i casi di ragazzini affetti da disordini alimentari: il numero di ricoveri nella seconda metà del 2020 è più che raddoppiato rispetto all'anno precedente, da 21 a 45. Alcuni di questi disturbi alimentari potrebbero avere esito letale.

Landolt si preoccupa anche della cura dei bambini e degli adolescenti dopo la dimissione dall'ospedale. “È praticamente impossibile trovare posti per un trattamento psicoterapeutico di follow-up. La situazione è catastrofica”, conclude.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
pandemia ragazzini suicidi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved