covid-da-prima-ondata-160-mln-di-sovraccosti-in-case-anziani
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
28 min

Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta

Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
42 min

Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein

A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
54 min

Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas

Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
Svizzera
1 ora

Tavolino Magico, distribuite 5’182 tonnellate di alimenti

Contro il ‘food waste’, cifre in aumento del 14 per cento rispetto al 2019. Aiutate oltre 21mila persone in difficoltà
Svizzera
1 ora

Scarsa efficacia protettiva: mascherina ritirata dal mercato

La Suva richiama per conto della Procurement Corp Ag il dispositivo di protezione N95/Ffp2 della marca ‘Zg’
Svizzera
17 ore

I Cantoni sostengono proroga ‘2G’, ma solo fino a fine febbraio

Consultazione sulle misure del Consiglio federale: sì alla riduzione della durata del certificato sanitario, no all’insegnamento terziario a distanza
Svizzera
18 ore

Vent’anni di prigione per l’assassino di Yverdon

Un giovane, oggi ventiduenne, riconosciuto colpevole di avere ucciso un ventunenne con un colpo alla testa, per questioni di droga
Svizzera
21 ore

In Svizzera più contagi ma ricoveri stabili e meno decessi

Continua a scendere il tasso di riproduzione del virus, oggi a 1,12. Rispetto a lunedì scorso, circa 4’000 casi in più ma stesso numero di ricoveri
10.04.2021 - 10:010
Aggiornamento : 14:43

Covid, da prima ondata 160 mln di sovraccosti in case anziani

La cifra include la mancanza di entrate. Alcuni cantoni stanno già preparando un sostegno finanziario

La prima ondata della pandemia di coronavirus, arrivata nel marzo dello scorso anno, ha comportato costi aggiuntivi di circa 160 milioni di franchi per le case di riposo e di cura svizzere al di fuori del finanziamento delle cure. L'associazione di categoria Curaviva si aspetta che i cantoni si assumano la loro responsabilità nel fornire sostegno finanziario.

La cifra di 160 milioni include la mancanza di entrate, ha detto in un'intervista pubblicata oggi dal Tages-Anzeiger Daniel Höchli, direttore di Curaviva, associazione di categoria delle istituzioni per persone bisognose di assistenza. "Per la seconda ondata, siamo in fase di calcolo", ha aggiunto Höchli.

Ci sono cantoni che stanno già preparando un sostegno finanziario e altri "dove non c'è molta volontà politica di aiutare", ha anche detto Höchli. "Sarebbe triste - ha notato - dover dire che le associazioni sportive hanno ricevuto un sostegno finanziario migliore di istituzioni che hanno una rilevanza sistemica, come le case di cura".

Secondo Höchli la futura gestione della pandemia richiede un dibattito approfondito su ciò che la gente vuole veramente nelle case di riposo e di cura. C'è bisogno di un migliore ascolto e di concetti di protezione che tengano conto delle diverse attitudini dei residenti, piuttosto che decidere semplicemente al posto loro, precisa il direttore di Curaviva.

È difficile, ammette Höchli. Ma alla fine, la questione è come raggiungere un equilibrio tra il più alto livello possibile di protezione e il minor deterioramento possibile della qualità della vita. Ad esempio, durante la prima ondata di Covid-19, molti anziani avrebbero preferito vedere i loro nipoti piuttosto che essere completamente protetti e quindi isolati.

Quale associazione nazionale dei centri e delle istituzioni sociali svizzere, Curaviva rappresenta oltre 2'700 istituti dei tre settori "Bambini e adolescenti", "Persone con disabilità" e "Persone anziane". Le strutture affiliate offrono un tetto a circa 120'000 persone e danno lavoro a oltre 130'000 dipendenti.

Cds: casse malati avrebbero dovuto partecipare

Interpellata in merito alla questione dall'agenzia Keystone-Ats, la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds) ha dichiarato di avere già attirato la scorsa primavera l'attenzione dei cantoni sui costi supplementari delle cure. Alle associazioni interessate dalla questione, la Cds ha detto che le soluzioni dovranno essere trovate a livello cantonale o comunale.

I direttori della sanità hanno esortato, a livello federale, le casse malattia a contribuire ai costi aggiuntivi. A tal fine, avrebbero dovuto aumentare temporaneamente i contributi dell'assicurazione obbligatoria ai costi delle cure. Tuttavia questa proposta non ha avuto successo. Secondo le cifre del 2'020, gli assicuratori hanno comunque sostenuto costi significativamente più elevati nelle case di cura.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved