e-morto-il-teologo-svizzero-hans-k-ng
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Il copresidente Ps Wermuth sarà ancora in corsa per il Nazionale

Il deputato argoviese ha ottenuto la deroga dalla sezione cantonale socialista per ricandidarsi dopo aver già compiuto tre mandati
Svizzera
5 ore

A Implenia e Frutiger il lotto principale del San Gottardo

L’Ufficio federale delle strade (Ustra) ha assegnato l’appalto relativo alla seconda galleria stradale al consorzio ‘Secondo tubo’
Svizzera
8 ore

Il coronavirus arretra in Svizzera: calano ricoverati e contagi

I 18’204 casi registrati nell’ultima settimana sono 3’613 in meno di quella precedente
Svizzera
9 ore

A luglio lieve crescita delle domande d’asilo

Rispetto al mese precedente ne sono state presentate 58 in più (+34%), e 412 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente
Svizzera
9 ore

La Posta azzererà il suo impatto climatico dieci anni prima

Il Gigante Giallo intende eliminare le fonti fossili per i suoi veicoli e il riscaldamento entro il 2030, ciò che era previsto per il 2040
Svizzera
10 ore

Assicurazione complementare, respinto il ricorso di una clinica

Il Tribunale amministrativo federale conferma la decisione della Finma: vanno pagate unicamente le prestazioni il cui prezzo è giustificato
Svizzera
11 ore

L’Uzbekistan riavrà da Berna i beni confiscati a Karimova

Firmato un accordo per la restituzione del patrimonio confiscato nell’ambito del procedimento penale nei confronti della figlia dell’ex presidente
Svizzera
11 ore

L’immobilismo politico non pesi sulle giovani generazioni

In vista delle votazioni del 25 settembre, i giovani borghesi scendono in campo a favore della riforma dell’Avs
Svizzera
12 ore

Css dovrà rimborsare 129 milioni di franchi agli assicurati

L’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) ha ordinato all’azienda di restituire i premi prelevati in eccesso per le complementari
Svizzera
12 ore

Calcio amatoriale e fair-play, le donne esempio per gli uomini

Nel calcio femminile i cartellini gialli sono otto volte meno e i rossi una rarità, e accadono molti meno infortuni rispetto ai tornei maschili
Svizzera
13 ore

Stop agli F-35, raccolte le firme per l’iniziativa popolare

Oggi sono state depositate alla Cancelleria federale oltre 120’000 sottoscrizioni, di cui 103’000 sono state certificate come valide
Svizzera
14 ore

Promesse non mantenute sull’ospedale: a Moutier è ricorso

Rimesso in discussione l’esito della votazione del 28 marzo 2021. Pomo della discordia il futuro del nosocomio locale
Svizzera
14 ore

Il sogno di una casa propria diventa ancora più caro

Nel secondo trimestre i prezzi delle proprietà sono tornati a crescere: del 3,3% per gli appartamenti e del 2,0% per le abitazioni unifamiliari
Svizzera
15 ore

Gruppo farmaceutico nel mirino della Comco

C’è il sospetto che l’azienda si sia rifiutata di fornire prodotti a un grossista elvetico alle stesse condizioni praticate all’estero
Svizzera
1 gior

Lotta alla siccità: mano tesa agli argicoltori vodesi

Il Governo locale vara una decina di provvedimenti eccezionali e urgenti. Che avranno la durata di un anno
Svizzera
1 gior

Auto finisce nell’Aare. Ma degli occupanti nessuna traccia

La vettura è stata rinvenuta, dopo una segnalazione di incidente, attorno alla mezzanotte a Bannwil. Recuperata con un’autogrù
Svizzera
1 gior

Il Consiglio federale sbarca su Instagram

Da ottobre il Governo avrà un account tutto suo. Obiettivo: ammiccare ai giovani tra i 16 e i 35 anni
Svizzera
1 gior

Minacce a Dick Marty, ‘bruciato’ un informatore

Grave errore di procedura dell’Ufficio federale di polizia nella gestione della vicenda concernente l’ex magistrato e consigliere agli Stati
06.04.2021 - 18:37
Aggiornamento: 07.04.2021 - 01:40
di Ats/Red

È morto il teologo svizzero Hans Küng

Nato a Sursee nel 1928, è considerato uno dei massimi teologi del XX secolo. Le critiche alle gerarchie vaticane gli costarono l'insegnamento di teologia

Hans Küng, tra i massimi teologi del XX secolo, si è spento ieri, martedì 6 aprile, all’età di 93 anni nella sua casa di Tubinga, in Germania. A dare la comunicazione, la Fondazione Weltethos da lui creata nella stessa città tedesca. Nato a Sursee (Canton Lucerna) il 19 marzo del 1928, Küng si era ritirato dalla vita pubblica nel 2013, all’età di 85 anni, dopo una vita condotta all’insegna della ferma critica alle gerarchie vaticane costatagli sì l’insegnamento della teologia cattolica, ma portatrice di un’ampia popolarità nel medesimo mondo accademico, e dell’identificazione con la figura di ‘teologo ribelle’.

Küng è identificato, forse più di ogni altra cosa, con la negazione dell’infallibilità papale – da lui ritenuta “un’invenzione umana” e messa su carta nel libro ‘Infallibile?’, pubblicato nel 1970 – posizione per la quale, nel 1975, subì il richiamo della Congregazione per la dottrina della fede. Stante anche la considerazione di Küng per il culto mariano, non troppo distante dalla sopraccitata infallibilità, i toni della discussione generale mai rientrati, anzi, rimasti alti per ulteriori quattro anni, lo priveranno nel 1979 della ‘missio canonica’ (l’autorizzazione all’insegnamento della teologia cattolica), limitazione che però non gli impedirà di restare sacerdote e di conservare anche la cattedra presso l’Università Eberhard-Karl Tubinga, previa trasformazione dell’Istituto in Facoltà, così da poter continuare a impartire corsi di teologia ecumenica.

L’antico compagno di studi

Ordinato prete nel 1954, dopo aver studiato teologia alla Pontificia università gregoriana di Roma e ampliato la sua formazione alla Sorbona e all’Istituto cattolico di Parigi, Küng diventa professore ordinario della Facoltà di Teologia a soli 32 anni, restando nell’Università di Tubinga come docente per 36 anni, fino al pensionamento avvenuto nel 1996. Nel 1962, nominato da papa Giovanni XXIII consulente teologico del Concilio ecumenico Vaticano II, è il più giovane perito conciliare insieme a Joseph Ratzinger, con il quale si renderà protagonista di celebri dispute teologiche: nel giorno in cui l’antico compagno di studi diventa papa Benedetto XVI, Küng esprime “gigantesca delusione” per la decisione del conclave di affidare a lui la Chiesa di Roma.

Oltre al decisivo ‘Infallibile?’, sono molte le opere scritte da Küng, ritenute oggi autentiche innovazioni della teologia del XX secolo: in ‘Essere cristiani’, ‘Dio esiste?’, ‘Vita eterna?’, andate oltre la cerchia degli esperti di settore, Küng elabora la sua “teologia per gli uomini”, sostenendo, in nome della sua ricerca storico-teologica, una revisione delle strutture della Chiesa, ritenute inadeguate per i tempi attuali. Prima che all’oggi papa emerito, Küng aveva cercato di portare la sua battaglia per l’abolizione del celibato dei parroci, quella contro il divieto di ordinare le donne prete, quella per l’accettazione della pianificazione familiare (tutte argomentazioni per le quali Joseph Ratzinger, da prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, lo aveva posto più volte sotto inchiesta) anche all’attenzione di Giovanni Paolo II, pontefice definito “autoritario e possessivo”, uno che “predica i diritti degli uomini all’esterno, ma li ha negati all’interno, cioè ai vescovi, ai teologi e soprattutto alle donne”. La richiesta di audizione mai raccolta dal papa polacco sarebbe andata in porto, con un certo clamore e nella sorpresa generale, con Benedetto XVI il 24 settembre del 2005 a Castel Gandolfo. Premessa l’insanabile distanza teologica e dottrinale – nel 2000, la dichiarazione Dominus Iesus sull’unicità salvifica di Cristo e della Chiesa promossa proprio da Ratzinger venne tacciata da Küng di “megalomania e arretratezza vaticana” – quell’incontro non avrebbe cambiato le convinzioni di Küng, che cinque anni più tardi avrebbe preteso da Joseph Ratzinger il mea culpa per la gestione dei casi di pedofilia all’interno della Chiesa, attaccandolo per la gestione “medievale” della Città del Vaticano, ‘affossandolo’ per aver consentito il rientro degli anglicani nella Chiesa cattolica.

‘È rinata la mia speranza nella Chiesa’

Continuando a vedere il futuro della Chiesa nell’impegno verso la direzione indicata da Giovanni XXIII e Paolo VI, ovvero dialogo e apertura alla società, ben altro, in questo senso, è stato il trattamento riservato a Papa Francesco, per il quale Küng si è speso in elogi all’interno di ‘Sieben Päpst’, libro del 2015 nel quale il teologo lucernese riconosce a Bergoglio l’essere riuscito a cambiare in meglio l’atmosfera interna alla Curia romana, grazie al linguaggio chiaro e comprensibile, allo stile di vita e alla fedeltà al vangelo. “È rinata la mia speranza nella Chiesa”, scrive di Francesco, destinatario di una missiva contenente l’esortazione a non lesinare coraggio nel portare avanti le riforme e nel contrastare le inevitabili forze avverse al suo operato. Missiva oggetto di replica da parte di Bergoglio.

L’opera della vita di Küng è la Fondazione Weltethos (etica planetaria), diretta dal teologo lucernese fino al 2013. La struttura è uno dei frutti di un progetto illustrato all’interno dell’opera omonima pubblicata nel 1990 e confluito nella ‘Dichiarazione per un’etica planetaria’, un documento sottoscritto tre anni più tardi a Chicago dal Consiglio per un parlamento delle religioni del Mondo. Otto volte dottore honoris causa, insignito di numerosi premi come il Karl Barth, conferitogli dall’Unione delle Chiese evangeliche di Germania nel 1992 (ma altri premi sono arrivati da università degli Stati Uniti e della Gran Bretagna), il Küng più recente aveva fatto parlare di sé per la sua apertura nei confronti del suicidio assistito. Malgrado ciò, il Vaticano, nel giorno della sua morte, twitta dalla pagina della Pontificia Accademia per la Vita: “Scompare davvero una grande figura nella teologia dell’ultimo secolo, le cui idee e analisi devono fare sempre riflettere la Chiesa, le Chiese, la società, la cultura”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiesa hans küng teologo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved