moderna-sulla-produzione-a-visp-nessun-contatto-con-berna
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Vaiolo delle scimmie, c’è un secondo caso in Svizzera

Dopo il contagio nel Canton Berna, è la volta di un ginevrino. Anche quest’ultimo reduce da un viaggio all’estero
Svizzera
8 ore

Cartella informatizzata del paziente, le autorità ci credono

Malgrado solo uno svizzero su mille la utilizzi, per Confederazione e Cantoni ‘siamo sulla buona strada’. E puntano al suo rilancio
Svizzera
10 ore

Profughi ucraini, la Svizzera ammicca alla banca dati Ue

Per Karin Keller-Sutter aderire alla piattaforma dell’Unione europea ‘eviterebbe doppie registrazioni e irregolarità. Ne guadagnerebbe la credibilità’
Svizzera
10 ore

Vuoi il booster per viaggiare? Lo paghi di tasca tua

Ufficio federale della sanità pubblica intenzionato a fatturare la somministrazione della quarta dose di vaccino per recarsi all’estero
Svizzera
10 ore

Luce verde al salvagente per le società elettriche

La maggioranza della commissione sposa il piano elaborato dal governo per sostenere le grandi aziende. Con lievi correttivi
Svizzera
11 ore

Coronavirus, sotto i diecimila casi in una settimana

Negli ultimi sette giorni le nuove infezioni in Svizzera sono state 8’125. In calo anche i decessi (da 12 a 10) e i ricoveri (da 150 a 100)
Svizzera
11 ore

‘Anche la società civile’ alla conferenza sull’Ucraina di Lugano

La Piattaforma delle Ong svizzere per i diritti umani scrive una lettera aperta al Consiglio federale
Svizzera
12 ore

‘Il Consiglio federale ha inizialmente sottovalutato il Covid’

È la posizione delle commissioni Gestione in un rapporto divulgato oggi. Eccessivo il peso del Dipartimento dell’interno rispetto agli altri dipartimenti
Svizzera
12 ore

Password rubate nel dark web, ecco le preferite degli svizzeri

‘Passwort‘, ’andrea’, ‘sunshine’, ’soleil’: queste le password più usate e più frequentemente rubate in Svizzera e messe in circolazione sulla Darknet
31.03.2021 - 17:45

Moderna: 'sulla produzione a Visp nessun contatto con Berna'

Nel contratto di acquisto del vaccino è tuttavia inserita una clausola per il versamento a Lonza di parte del denaro speso per l'acquisto del vaccino

L'azienda biotecnologica statunitense Moderna afferma di non aver mai avuto alcun contatto con il Consiglio federale per quanto riguarda un impegno di Berna nella linea di produzione del sito di Lonza a Visp (VS), che fornisce il principio attivo del vaccino anti-Covid-19 della società statunitense. Le relazioni riguardavano solo l'acquisto di vaccini.

"Non ci sono state discussioni tra Moderna e il governo svizzero sul tema di un investimento in una qualsiasi produzione", ha detto oggi all'agenzia Keystone-ATS un portavoce della società biotecnologica, a conferma di un'informazione pubblicata da La Liberté e da altri giornali romandi.

Moderna dice di aver avuto contatti con il Consiglio federale dalla primavera del 2020. Ma le discussioni avevano "l'unico obiettivo di ottenere un accordo di acquisto anticipato (APA), assicurando dosi del nostro vaccino per la popolazione svizzera non appena disponibile".

Il Dipartimento federale dell'interno (DFI) ha riconosciuto che Lonza nell'aprile del 2020 aveva proposto a Berna di investire nella produzione di vaccini. Si trattava di "discutere una condivisione dell'impegno" di 50-60 milioni di franchi previsto a Visp.

Per il dipartimento di Alain Berset, tuttavia, una linea di produzione riservata alla Svizzera non era all'ordine del giorno. Una tale soluzione non è stata ritenuta "efficace", poiché Lonza è responsabile solo di una parte della catena di produzione e non possiede i diritti del vaccino. Lonza non può quindi garantire una fornitura prioritaria alla Svizzera.

"Non è investendo nell'infrastruttura di un subappaltatore che possiamo arrogarci dei diritti o garantirci l'accesso ai vaccini", ha ribadito due settimane fa il "ministro" della sanità in un'intervista.

Nell'ambito dell'ispezione relativa alla gestione della pandemia di Covid-19, ieri la Commissione della gestione del Nazionale (CdG-N) ha comunque deciso che esaminerà i contatti intercorsi nella primavera del 2020 tra le autorità federali e la Lonza in merito alla produzione di vaccini a Visp. Intende capire se la Confederazione avrebbe potuto procurarsi un accesso agevolato al vaccino di Moderna e fare chiarezza sulle riflessioni strategiche condotte a suo tempo dal DFI e dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Berset: denaro anche a Visp

Oggi, in occasione della conferenza stampa del Consiglio federale, Alain Berset ha precisato che il contratto d'acquisto con Modena contiene anche un passaggio nel quale è previsto che parte del denaro pagato dal governo federale per il vaccino vada al sito della Lonza di Visp.

Il ministro della Sanità ha poi aggiunto che l'11 marzo scorso ha provato, senza successo, a raggiungere telefonicamente il presidente del consiglio di amministrazione di Lonza Albert Baehny. Quest'ultimo in precedenza aveva dichiarato all'emittente SRF che era sempre aperta l'opzione per il governo di promuovere una produzione svizzera di vaccini.

Berset non ha voluto di per sé escludere l'offerta. "Stiamo facendo tutto il possibile per garantire un buon accesso alle vaccinazioni. Tutte le possibilità devono essere sodate". "Ancora oggi sarebbe possibile decidere di collaborare più strettamente con Lonza", ma questo dipende anche da altri fattori, ha aggiunto. In particolare la votazione popolare del 13 giugno deve approvare la legge per il Covid, che include il regolamento sulla produzione di vaccini. Inoltre, la normativa è limitata fino alla fine del 2022, ha detto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lonza moderna vaccino anti covid visp
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved