Berna
Ginevra
19:45
 
Ajoie
Lakers
19:45
 
Zugo
Lugano
19:45
 
Zurigo
Ambrì
19:45
 
Langnau
0
Losanna
0
fine
Zugo Academy
0
GCK Lions
0
1. tempo
(0-0)
La Chaux de Fonds
Visp
19:45
 
Olten
Kloten
19:45
 
Langenthal
Winterthur
19:46
 
Sierre
Ticino Rockets
20:00
 
identita-elettronica-gli-svizzeri-si-oppongono-nettamente
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera

Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
4 ore

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
Svizzera
4 ore

Una persona su due in Svizzera vive o conosce relazioni tossiche

Lo rivela un sondaggio rappresentativo di Parship.ch. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini intervistati ha vissuto relazioni di questo tipo
Svizzera
8 ore

Le associazioni economiche reclamano la fine delle restrizioni

I rappresentanti di vari settori economici, dal fitness alla ristorazione, chiedono un ‘Freedom day’ che segni la fine delle misure anti-Covid
Svizzera
8 ore

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

L’ex numero 1 della banca accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva
Svizzera
10 ore

La Svizzera perde posizioni nella lotta alla corruzione

La Confederazione passa dal terzo al settimo posto nell’ultima classifica di Transparency International sulla corruzione nel settore pubblico per il 2021
Svizzera
1 gior

Incidente mortale nel comprensorio di Zermatt

La vittima è un 46enne sciatore spagnolo. L’incidente si è verificato sul pendio a nord del Gornergrat, tra Hohtälli e Riffelberg
Svizzera
1 gior

In Svizzera in calo i letti Covid in cure intense

Nelle ultime 72 ore segnalati 35 nuovi decessi e 247 ulteriori pazienti Covid
Svizzera
1 gior

Sgombero collina Mormont, solo pene pecuniarie per gli attivisti

L’accusa chiedeva la detenzione, i giudici hanno deciso altrimenti: cadono i principali capi d’imputazione, gli ‘zadisti’ se la cavano a buon prezzo
Svizzera
1 gior

Società digitale e inserimento socio-professionale, via a studio

La ricerca è avviata dalla Scuola universitaria professionale di Lavoro sociale di Friborgo
Svizzera
1 gior

I pazienti Long Covid contro Berna: non ci prende sul serio

Dure critiche a Consiglio federale e Ufsp: non quantificano le conseguenze a lungo termine e si concentrano solo sulla fase acuta
07.03.2021 - 15:400
Aggiornamento : 19:30

Identità elettronica: gli svizzeri si oppongono nettamente

In Ticino la legge sull'identità elettronica è stata bocciata dal 55,8% dei votanti. Nel Vaud e a Basilea città è stato superato il 70%.

a cura de laRegione

Gli svizzeri non vogliono lasciare alle imprese private il compito di fornire l'identità elettronica. Il verdetto delle urne è stato netto: 64,3% di no, una percentuale superiore alle previsioni dei sondaggi. In Ticino i contrari sono stati il 55,8% e nei Grigioni il 61,7%. Ora sostenitori e avversari sono concordi nell'affermare che è necessario trovare al più presto una soluzione che susciti fiducia nei cittadini. La partecipazione al voto si è attestata di poco sopra al 50%.

La bocciatura odierna contrasta con le nettissime maggioranze che la Legge sull'identificazione elettronica aveva raccolto in entrambe le Camere federali nel settembre del 2019, poche settimane prima delle elezioni federali. Già allora però un sondaggio rappresentativo aveva mostrato che la stragrande maggioranza dei cittadini voleva ottenere l'identità digitale direttamente dallo Stato e non nutriva fiducia nelle imprese privare in materia di protezione dei dati. Le rassicurazioni di governo, parlamento e sostenitori del testo durante la campagna non sono quindi riuscite a invertire la tendenza, anzi: il campo dei contrari si è progressivamente rafforzato nelle ultime settimane.

I ticinesi, con neppure il 56% di voti contrari, sono stati i meno severi. Solo in altri tre cantoni la percentuale di "no" è stata inferiore al 60%, anche se di pochissimo, mentre le bocciature più secche si registrano a Basilea città (70,7%) e Vaud (70,5%).

Semplificazione complicata

La legge era destinata a semplificare la vita dei cittadini con l'introduzione di un identificatore unico, certificato dallo Stato, in sostituzione nei numerosi nomi di utenti e parole chiave che vengono utilizzati in rete. L'utilità di una e-ID non era contestata, è la gestione da parte di aziende private che ha suscitato aspre critiche.

Il "No" odierno è un "Sì" all'identificazione gestita dallo Stato, ha detto Erik Schönenberger, uno dei responsabili della campagna contro l'e-ID, alla televisione svizzera tedesca SRF. Secondo Schönenberger, è possibile lanciare una nuova identità elettronica fra due anni. Se necessario, potrebbe essere integrata con un chip, una soluzione sicura e conveniente. "Ci aspettiamo che il Consiglio federale non consideri questo risultato come una sconfitta, ma piuttosto come un mandato per sviluppare un approccio globale per un servizio pubblico digitale", ha aggiunto Benoît Gaillard (PS), coordinatore del referendum nella Svizzera romanda.

Soddisfazione dei sindacati

Anche i sindacati interpretano il "no" come un segno che il popolo non vuole privatizzare la sovranità dei dati. È compito dello Stato, e non delle banche e delle assicurazioni, certificare l'identità dei cittadini, afferma l'Unione sindacale svizzera (Uss). Quello che serve ora è un'identificazione elettronica ufficiale che sia pubblica e trasparente e serva l'interesse pubblico. Un simile servizio di base, accessibile a tutti, sarebbe un passo importante verso una digitalizzazione equa e gioverebbe anche all'economia svizzera, precisa un comunicato.

La Svizzera ha perso “l'opportunità di fare un grande passo avanti nello sviluppo tecnologico”, affermano invece i sostenitori del progetto. L'Alleanza per un'e-ID svizzera chiede ora un dialogo rapido e costruttivo. Nicolas Bürer, direttore esecutivo di Digitalswitzerland, ha fatto appello ai politici affinché riprendano in mano rapidamente il dossier. "Dobbiamo andare avanti nell'interesse di tutti e non perdere terreno a favore di altri paesi", si legge nella nota. L'Unione svizzera arti e mestieri (Usam) gli ha fatto eco chiedendo "una nuova soluzione per regolare le condizioni quadro per l'introduzione dell'e-ID", perché questo è un elemento importante per l'innovazione nell'economia sempre più digitalizzata.

Il referendum, che aveva raccolto 64'000 firme, era stato lanciato da Società Digitale, dall'organizzazione svizzera Campax, dalla piattaforma We collect e dall'associazione Public Beta e sostenuto da Ps, Verdi liberali, Verdi, Unione sindacale svizzera (Uss), Travail.Suisse e diverse organizzazioni degli anziani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved