all-orizzonte-un-inchiesta-contro-moritz-leuenberger
Moritz Leuenberger (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

L’Uss chiede un salario minimo di 22 franchi all’ora

Con la pandemia si diffonde il precariato e aumentano le disparità di reddito. L’organizzazione sindacale vuole ‘lottare per una maggiore sicurezza sociale’.
Svizzera
10 ore

'Sempre più pazienti in età lavorativa colpiti dal Covid'

Mathys (Ufsp): oggi i positivi sono in prevalenza i 20-39enni, seguiti dai 40-59enni. Contagi e ospedalizzazioni tra persone anziane in netto calo
Svizzera
10 ore

Le iniziative sui pesticidi dividono i contadini svizzeri

Cosa unisce e cosa separa Unione svizzera contadini, Associazione dei piccoli agricoltori, Società svizzera economia alpestre, Bio Suisse e Demeter
Svizzera
10 ore

La cyberdifesa priorità dell’esercito in Svizzera

Le forze armate subiscono in media un attacco informatico al mese. Con la nuova strategia 2021-2024 intendono colmare le lacune esistenti.
Svizzera
11 ore

Coronavirus, in Svizzera 2'141 nuovi casi e tredici decessi

Il tasso di riproduzione rimane stabile a 1,10. Mentre altre 77 persone sono state ricoverate in ospedale
Svizzera
12 ore

Accordo quadro: Ue, Svizzera responsabile di eventuale fallimento

Secondo un verbale rivelato dal Tages-Anzeiger, Bruxelles vuole che Berna prenda l'iniziativa e la considera responsabile del possibile fallimento dei negoziati
Svizzera
13 ore

Il Parco Nazionale Svizzero nella prestigiosa 'Lista verde'

Certificato dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, è ora considerato uno dei meglio protetti del mondo
Svizzera
27.02.2021 - 00:270

All'orizzonte un'inchiesta contro Moritz Leuenberger

Violazione del segreto d'ufficio: tre settimane fa, l'ex consigliere federale dichiarò che il Governo avrebbe pagato per liberare ostaggi svizzeri.

Il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) sta pensando di aprire un'inchiesta contro Moritz Leuenberger per violazione del segreto d'ufficio. In un'intervista di tre settimane fa, l'ex consigliere federale aveva detto che il Governo aveva pagato per liberare ostaggi svizzeri. Mpc ha riferito di aver chiesto ufficialmente al Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp) di pronunciarsi sulla concessione o il rifiuto dell'autorizzazione a procedere a un'azione penale. Per il momento, in attesa di una decisione della Dfgp, la procura federale non rilascerà ulteriori commenti sulla questione.

Non c'è scritto ‘riscatto’

Al domenicale Nzz am Sonntag del 7 febbraio, il 74enne ex capo del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (Datec) aveva affermato che "se un ostaggio viene liberato, probabilmente il più delle volte è stato effettuato un pagamento". "Sul bollettino di versamento non viene certo scritto 'riscatto'. Le spese sono addebitate a qualche altra voce", aveva spiegato l'avvocato ex ministro socialista, membro del Consiglio federale dal 1995 al 2010. Alla domanda su quando egli non abbia detto la verità, Leuenberger aveva risposto: "Abbiamo sempre negato di aver pagato riscatti per la liberazione di ostaggi". E ciò per una buona ragione: la Svizzera ha voluto prevenire emulazioni e ulteriori prese di ostaggi. "Se questo atteggiamento viene dichiarato all'opinione pubblica, è accettato come una menzogna legittima", aveva notato Leuenberger, presidente della Confederazione nel 2001 e nel 2006. Le frottole hanno un posto nella società, ha aggiunto l'ex ministro: "La bugia è una sorta di lubrificante sociale, oppure può proteggere interessi legittimi di terzi. Insistere sempre sulla verità a volte può causare più danni che mentire".

Solo voci?

La violazione del segreto d'ufficio da parte di un ex consigliere federale è un reato politico, hanno ricordato i giornali di Tamedia. Pertanto, il Ministero pubblico della Confederazione dovrebbe chiedere al Consiglio federale il permesso di aprire un'inchiesta. L'esecutivo decide poi se l'azione penale sia nell'interesse del Paese. Ufficialmente, il Dipartimento federale degli affari esteri ha sempre dichiarato che la Confederazione non paga riscatti per liberare ostaggi. Tuttavia, ci sono state più volte voci di versamenti di denaro: ad esempio nel 2009 nel caso della liberazione di due turisti svizzeri rapiti dal gruppo terroristico "Al-Qaida nel Maghreb islamico" tra Mali e Niger e nel caso della liberazione di un collaboratore svizzero del Comitato internazionale della Croce Rossa rapito nel sud delle Filippine nello stesso anno.

© Regiopress, All rights reserved