poverta-in-svizzera-il-miraggio-di-un-esistenza-dignitosa
Keystone
Ginevra, maggio 2020: distribuzione di cibo
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Primo Sì al divieto nazionale per le terapie di conversione

La Comm. affari giuridici al Nazionale approva una mozione che vieta le terapie volte a modificare o reprimere orientamento sessuale o identità di genere
Svizzera
3 ore

Neomamme più protette dal licenziamento, no a proposta ticinese

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha respinto il testo che estendeva a 12 mesi, anziché 16 settimane, il periodo di protezione dopo il parto
Svizzera
7 ore

La Legge sugli embarghi non va modificata

È il parere della Commissione per la sicurezza del Consiglio degli Stati, che propone di respingere la riforma approvata dal Nazionale
Svizzera
7 ore

Tariffe forfettarie ambulatoriali sulla buona strada

Il documento elaborato da Ospedali svizzeri (H+) e assicuratori malattia santésuisse potrebbe diventare effettivo entro la fine del 2023
Svizzera
7 ore

I camper devono poter pesare di più. Fino a 4,25 tonnellate

Inoltrata alla Cancelleria federale una petizione che chiede di innalzarne il limite. Per poterli guidare, però, saranno necessari corsi ad hoc
Svizzera
9 ore

Urgono soluzioni sui binari per il transito nord-sud

I lavori nella Valle del Reno minano la regolarità del traffico merci: l’industria ferroviaria svizzera un’alternativa sulla riva francese
Svizzera
9 ore

‘Il sondaggio non è stato condotto in maniera obiettiva’

Gli oppositori alla riforma Avs puntano il dito sulle risultanze dell’inchiesta. ‘Ignorato il divario pensionistico delle donne’
Svizzera
10 ore

Motociclista gravemente ferito sul Flüela

L’uomo, un 28enne austriaco, è stato tradito dall’asfalto scivoloso. Cadendo è andato a sbattere contro il guardrail
Svizzera
10 ore

Reti termiche, ecco la carta per il loro potenziamento

Direttori cantonali dell’energia, Associazione dei Comuni svizzeri e Unione delle Città svizzere gomito a gomito per promuovere il teleriscaldamento
Svizzera
11 ore

Produzione e fatturato in crescita per il settore secondario

L’incremento è stato del 4,1% rispettivamente del 9,5%. Prosegue il trend positivo ininterrotto dal primo trimestre del 2021
Svizzera
13 ore

Votazioni federali, maggioranza a favore della riforma Avs

Verso due chiari ‘sì’ (meno scontato per l’imposta preventiva) e uno più risicato per lo stop all’allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

In azione la prima fresa nella seconda canna del Gottardo

La cosiddetta ‘fresatrice meccanica a sezione piena’ scaverà nei prossimi mesi il cunicolo di accesso verso la zona di faglia settentrionale
Svizzera
1 gior

Cancellato il Salone dell’Auto di Ginevra del 2023

Gli organizzatori motivano la decisione con le incertezze dell’economia globale e della geopolitica
Svizzera
1 gior

Locale ‘no Covid pass’ chiuso, il Cantone ha agito correttamente

Respinto dal Tribunale cantonale il ricorso dei gerenti del Walliserkanne di Zermatt, chiuso per il rifiuto di controllare il certificato Covid ai clienti
Svizzera
1 gior

I paradisi per pensionati svizzeri? Canada e Australia

La maggior parte degli svizzeri trascorre in patria la propria pensione, ma alcuni sono attratti da altri Paesi per godersi il meritato riposo
Svizzera
1 gior

Rissa fra tifosi di Young Boys e Anderlecht, feriti e danni

La lite è avvenuta davanti a un bar nella Kornhausplatz di Berna. Durante la zuffa, i mobili dell’esercizio pubblico sono stati danneggiati
Svizzera
1 gior

Bimba di 4 anni morta dopo essere caduta dal balcone

L’incidente è avvenuto stamane attorno alle 8.30 a Vernier (Ge). Vani i soccorsi: la piccola è morta sul posto
Svizzera
1 gior

Locarnese, Basilea e Vaud sotto i nubifragi

A Locarno il record di precipitazioni con 89 millimetri, in altre località del Verbano misurati 56 mm. A Basilea acqua nelle sale della Fondazione Beyeler
Svizzera
1 gior

69enne ucciso a Lauterbrunnen, arrestata la moglie

In una nota, la Polizia cantonale indica di aver ricevuto una segnalazione verso le 20.15, secondo la quale una donna aveva ferito mortalmente un uomo
Svizzera
1 gior

Trasporti pubblici quasi ai livelli pre-Covid

Il primo trimestre dell’anno ha fatto segnare un sensibile aumento dei chilometri percorsi a persone, saliti a 4,9 miliardi
Svizzera
1 gior

Lavoro e permessi S, le aziende vogliono più sicurezze

Il 56% degli imprenditori ha mostrato interesse ad assumere profughi ucraini, il 10% già l’ha fatto. Ma servirebbero maggiori garanzie
Svizzera
1 gior

Pannelli solari nelle discariche, Consiglio federale favorevole

Le necessarie basi legali saranno create: accolta una mozione in tal senso di Rocco Cattaneo
Svizzera
1 gior

La siccità fa rivedere al ribasso le scorte di petrolio

La scarsa navigabilità del Reno spinge Berna a optare per un ulteriore taglio alle riserve obbligatorie. Che saranno ridotte del 12,8%
19.02.2021 - 10:25

Povertà in Svizzera, il miraggio di un’esistenza dignitosa

Le ultime cifre dell’Ufficio federale di statistica confermano la tenenza all’aumento della precarietà. Ne abbiamo parlato con il professor Jean-Pierre Tabin

Erano 735 mila circa le persone povere in Svizzera nel 2019, poco meno di una su 10 (l’8,7% della popolazione); lo stesso anno, in uno dei Paesi dal tenore di vita più elevato in Europa, il 12,2% della popolazione ha dichiarato di aver avuto difficoltà a sbarcare il lunario. Le cifre pubblicate ieri dall’Ufficio federale di statistica (Ust) confermano in sostanza una tendenza pluriennale all’aumento della povertà. Ma non raccontano tutta la storia. Non registrano ancora gli effetti della pandemia di coronavirus. E soprattutto «sono molto problematiche, perché riflettono decisioni politiche: il ‘tasso di povertà’ utilizzato non corrisponde di gran lunga alle esigenze poste dalla Costituzione, ossia il diritto a un’esistenza dignitosa», dice a ‘laRegione’ Jean-Pierre Tabin, professore alla Haute école de travail social et de la santé di Losanna (Hes-So), specialista di politiche sociali e povertà.

Due anni fa questo tasso ha raggiunto il valore più alto dal 2014 (6,7%), sottolinea l’Ust. Il reddito disponibile della classe di reddito più bassa è sceso. Il 10% della popolazione con i redditi più bassi poteva contare su 25'868 franchi (2014: 27'252 franchi). Il reddito mediano (significa che la metà della popolazione ha un reddito superiore a questo dato, l’altra metà inferiore) è invece rimasto stabile sui 50 mila franchi.

In lieve aumento, al 4,2%, è anche il tasso di povertà della popolazione occupata. Sono 155 mila circa le persone che, pur lavorando, non hanno percepito un reddito superiore alla soglia di povertà. Quest’ultima è calcolata sulla base delle direttive della Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale (Csias) e ammontava mediamente a 2’279 franchi al mese per una persona che viveva sola e a 3’976 franchi per due adulti con due bambini. L’organizzazione sindacale Travail.Suisse si è detta “scioccata” dal numero di ‘working poors’ e ha chiesto nuovamente un aumento dei salari, specialmente di quelli più bassi.

La fatica di arrivare a fine mese

Più di una persona su 10 (il 12,2% della popolazione) ha fatto fatica ad arrivare a fine mese. E una su cinque (20,7%) non è stata in grado di far fronte, nello spazio di un mese, a una spesa imprevista di 2’500 franchi. Il 15,1% della popolazione era rimasto indietro con i pagamenti delle imposte, dei premi di cassa malati o di altre fatture. Le persone dai 65 anni in su sono colpite da povertà reddituale più spesso rispetto alla popolazione in età lavorativa. Tuttavia, riescono in genere a cavarsela con minor affanno. Una parte importante di loro può infatti attingere a riserve finanziarie per soddisfare le proprie esigenze quotidiane.

Non è così per altri. Come negli anni precedenti, osserva l’Ust, le persone più in difficoltà sono quelle straniere, quelle che vivevano in economie domestiche composte da un genitore solo con figli, quelle senza una formazione post-obbligatoria e quelle che vivevano in economie domestiche non attive sul mercato del lavoro. Jean-Pierre Tabin puntualizza: «Le ‘economie domestiche composte da un genitore solo con figli’ in realtà sono, per oltre il 90% dei casi, famiglie monoparentali composte di donne con uno o più figli. Far credere che la monoparentalità – quindi il divorzio – crea la povertà, è un discorso moralista. Mentre se facciamo notare che a essere colpite sono le donne, allora il discorso è quello della dominazione maschile e della disuguaglianza tra uomo e donna».

Alto tenore di vita

Il tasso di rischio di povertà in Svizzera (16%) è rimasto al di sotto della media Ue (16,8%). Tra i Paesi limitrofi, solo l’Italia però faceva peggio (20,1%). Tutti gli altri presentavano un tasso inferiore (Germania 14,8%, Francia 13,6%, Austria 13,3%). Nonostante la diffusione della precarietà, e “nonostante l’alto livello dei prezzi”, la Svizzera ‘brillava’ per quanto riguarda il tenore di vita: nel 2019 era 2,8 volte superiore a quello greco, 1,6 volte superiore a quello italiano, 1,3 volte superiore a quello francese e 1,2 volte superiore a quello di Germania e Austria.

Le cifre dell’Ufficio federale di statistica mostrano poi una “disparità relativamente bassa nella distribuzione dei redditi” rispetto ai Paesi dell’Ue. Il reddito disponibile del quinto di popolazione con il reddito più elevato era di 4,8 volte superiore a quello del quinto di popolazione con il reddito più basso. In Europa l’indicatore oscillava fra il 3,3 (Cechia e Slovacchia) e l’8,4 (Turchia), attestandosi al valore medio di 5,1. Jean-Pierre Tabin relativizza. «Dai lavori di Thomas Piketty [celebre economista francese, n.d.r.], sappiamo che il rapporto tra il reddito del 20% più ricco della popolazione e quello del restante 80% non è significativo. Bisogna invece considerare il reddito dell’1% più ricco della popolazione in confronto a quello del restante 99%: non è nel 20% ma in questo 1%, infatti, che c’è una gigantesca e crescente accumulazione di ricchezza. Ma purtroppo non disponiamo in Svizzera di dati statistici sul patrimonio e il reddito di questi pochi ultraricchi».

E tanti saluti alla Costituzione

Più in generale, Tabin constata con una certa amarezza che «in Svizzera abbiamo una soglia politica di povertà estremamente bassa, che non tiene adeguatamente conto della reale situazione delle economie domestiche». In che senso ‘politica’? «Il tasso di povertà si basa su una soglia ‘assoluta’, stabilita dalla Csias: include il forfait di mantenimento, le spese per l’alloggio e 100 franchi al mese per altre spese. Il forfait di mantenimento si basa sul ‘paniere tipo’ di beni e servizi consumato dal 10% delle economie domestiche con il reddito più basso. Ebbene, la Csias – le autorità cantonali, in pratica – ha deciso invece che la soglia di povertà dev’essere del 10% circa inferiore al valore del ‘paniere tipo’. In questo senso abbiamo un tasso di povertà politico, che si situa al di sotto di ciò che consuma il 10% delle famiglie con i redditi più bassi. Una differenza molto importante in termini di potere d’acquisto». «E poi – fa notare Tabin – le norme Csias sono basate sui consumi reali del 10% delle economie domestiche più povere. Non si tien conto di quel che dovrebbero poter acquistare, ma solo di ciò che acquistano effettivamente». Con tanti saluti all’articolo 12 della Costituzione: ‘Chi è nel bisogno e non è in grado di provvedere a sé stesso ha diritto d’essere aiutato e assistito e di ricevere i mezzi indispensabili per un’esistenza dignitosa’. Dignitosa, appunto. Non con l’acqua alla gola.

Dopo la pandemia

La tregua che non durerà a lungo

Si riferiscono al 2019, quindi al periodo pre-Covid, i dati pubblicati ieri dall’Ust. Logico attendersi che le chiusure decretate dalle autorità – con le loro conseguenze in termini di perdita di posti di lavoro – faranno crescere ulteriormente la povertà. La Svizzera conta già 50 mila disoccupati in più rispetto a prima della pandemia, ha ricordato ieri Travail.Suisse. Lo scorso anno però la Csias, “contro ogni aspettativa”, non ha registrato un aumento dei casi di aiuto sociale. Ciò è dovuto – si legge sul suo sito internet – alla rete di sicurezza a monte (indennità di disoccupazione, lavoro ridotto, indennità di perdita di guadagno), estesa durante la crisi. D’altra parte, scrive la Cosas, molte persone vivono ancora con i loro risparmi e rinunciano all’assistenza “per paura di conseguenze negative”.

La situazione non è destinata a durare a lungo. A medio termine la Cosas prevede “un aumento significativo” dei casi, stimato in un 21,3% entro il 2022 rispetto al 2019. Il semi-confinamento, spiega Jean-Pierre Tabin, ha colpito in modo particolare «i lavoratori senza documenti: badanti, donne delle pulizie, lavoratori con contratti precari, prostitute, e così via. Quando perdono il lavoro, queste persone – che non appaiono nelle statistiche ufficiali – non hanno più da mangiare. Lo abbiamo visto con le lunghe code formatesi durante le azioni di distribuzione di cibo a Ginevra e altrove».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
jean-pierre tabin povertà reddito svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved