Verona
1
Bologna
1
1. tempo
(1-1)
Bienne
1
Zurigo
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
Berna
0
Friborgo
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Ajoie
1
Zugo
4
2. tempo
(1-3 : 0-1)
Lakers
1
Ginevra
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
0
Ambrì
4
3. tempo
(0-2 : 0-1 : 0-1)
Davos
3
Losanna
2
2. tempo
(2-2 : 1-0)
Turgovia
4
Winterthur
0
2. tempo
(1-0 : 3-0)
vpod-con-la-pandemia-insegnanti-in-burnout-bisogna-agire
(Ti-Press)
18.02.2021 - 12:070
Aggiornamento : 14:06

Vpod: con la pandemia insegnanti in burnout, bisogna agire

Il sindacato dei servizi pubblici chiede di intervenire per dare sostegno agli insegnanti sotto pressione e agli allievi che rimangono indietro

La pandemia sta esercitando una forte pressione sulle scuole, stando ad un sondaggio del Sindacato dei servizi pubblici (VPOD/SSP) realizzato nella Svizzera tedesca e francese. Gli insegnanti sono esauriti e il numero di studenti che abbandonano la formazione è allarmante. Per il VPOD/SSP è necessario agire da subito.

L'87% degli insegnanti che hanno risposto all'inchiesta ritiene che il carico psicologico sia aumentato durante l'anno scolastico. L'81% pensa di essere riuscito a seguire in gran parte il piano di studi, ma a costo di un investimento personale molto maggiore. Per il 59% degli intervistati, la soddisfazione sul lavoro inoltre è diminuita e il 31% dichiara che la sua salute è peggiorata nel 2020.

Anche gli allievi stanno pagando un prezzo elevato. Il 64% degli insegnanti intervistati ritiene che alcuni ragazzi debbano ancora recuperare dal lockdown della scorsa primavera.

Mancano i mezzi

Mancano inoltre i mezzi per far fronte a questo quadro inquietante. In Romandia solo il 46% dei docenti afferma che sono state messe in atto misure supplementari per offrire agli alunni lezioni di recupero. Nella Svizzera tedesca la percentuale scende addirittura al 13%.

Il 54% si sente sufficientemente appoggiato dalla direzione della scuola, ma solo il 17% ritiene di ricevere un sostegno sufficiente dalle autorità cantonali.

Necessario agire

Secondo il VPOD/SSP è necessario intervenire in diversi ambiti. Se si introduce l'insegnamento a distanza sono necessarie misure incisive per evitare che gli allievi abbandonino gli studi. Inoltre occorre affrontare la questione di una riduzione degli obiettivi da raggiungere e del numero minimo di test e valutazioni. Bisogna anche prestare maggiore attenzione alla situazione psicologica dei ragazzi e alle conseguenze a lungo termine della crisi attuale. Le scuole dovrebbero poter contare su risorse aggiuntive a questo scopo.

Deve pure essere messo in atto un programma per evitare il sovraccarico di lavoro e il burnout degli insegnanti. Molti docenti ritengono pure di aver diritto ad un accesso prioritario al vaccino.

Al sondaggio, realizzato in dicembre e gennaio, hanno preso parte quasi 1200 insegnanti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved