in-svizzera-un-identita-elettronica-tra-pubblico-e-privato
Keystone
Svizzera in ritardo
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
58 min

All'orizzonte un'inchiesta contro Moritz Leuenberger

Violazione del segreto d'ufficio: tre settimane fa, l'ex consigliere federale dichiarò che il Governo avrebbe pagato per liberare ostaggi svizzeri.
Svizzera
7 ore

Mai più fuochi d'artificio in centro a Berna

Secondo l'esecutivo, negli ultimi anni si sono verificate a più riprese situazioni scabrose e il fatto che non sia successo nulla di grave 'rasenta il miracolo'
Svizzera
7 ore

Finora 95 notifiche 'gravi' per i vaccini in Svizzera

364 le notifiche complessive, informa Swissmedic. Le reazioni più frequenti: herpes zoster, febbre, cefalea, sintomi da Covid-19 e reazioni allergiche
Svizzera
8 ore

Treni: petizione contro prenotazione per biciclette

Secondo l'Associazione traffico e ambiente (ATA) e Pro velo Svizzera la prenotazione obbligatoria frena la domanda. E le Ffs intanto ampliano l'offerta
Svizzera
9 ore

Semaforo verde all’iniziativa ticinese ‘Strade più sicure’

Il Consiglio federale d’accordo su una modifica della legge per rendere più sicuri i transiti transalpini. Non vuole però eccezioni per il traffico interno.
Svizzera
9 ore

In Svizzera situazione stabile, ma la variante inglese è al 60%

La situazione è complessivamente buona ma fragile. Vaccinate con due dosi finora 221'000 persone, il 2,5% della popolazione.
Svizzera
11 ore

In Svizzera ancora in calo contagi e i ricoveri, 8 i decessi

Il tasso di positività torna sotto la soglia del 4%, ma il tasso di riproduzione è vicino all'1
Svizzera
12 ore

Svizzera terra felice per inventori e creativi

Sono soddisfatti del livello d'informazione disponibile in Svizzera: 'La proprietà intellettuale e la sua protezione aspetto importante del successo di un'azienda'.
Svizzera
13 ore

Nel 2020 in Svizzera Pil giù del 2,9%, calo più forte dal 1975

Il dato è stato pubblicato oggi dalla Segreteria di Stato dell'economia (Seco). Il settore alberghiero e della ristorazione fra i più colpiti (-20,8%)
Svizzera
14 ore

Occupazione, crollo in Ticino: persi 10 mila posti di lavoro

L'impatto della crisi del coronavirus si riflette pesantemente nel quarto trimestre 2020. I dati in Svizzera
Svizzera
16 ore

'Il Coronavirus accresce la pressione su Avs e Ai'

Serve una riforma urgente del sistema delle istituzioni sociali in Svizzera, esorta il direttore dell'Ufficio federale, Stéphane Rossini
Svizzera
19 ore

Dpd: gli schiavi del furgone e l’impero dei pacchi

La società privata controllata dalla posta francese imporrebbe condizioni di lavoro atroci ai suoi autisti. Un'inchiesta
Svizzera
1 gior

Moderna: il nostro vaccino efficace contro varianti

Lo annuncia Stéphane Bancel, Ceo della casa farmaceutica, parlando all'Europarlamento
Svizzera
1 gior

Pro Juventute e pandemia: raddoppiato il numero di interventi

Quasi 100 i casi in cui l'organizzazione ha dovuto chiamare servizi di soccorso per una consulenza a fronte dei 57 del 2019
Svizzera
1 gior

Ufficio sanità pubblica: ok a ristoranti aperti come mense

L'accesso ai ristoranti permesso dalle 11 alle 14 solo a lavoratori del settore agricolo ed edile, agli artigiani e a chi esegue lavori di montaggio
Svizzera
1 gior

In Svizzera numero dei casi stabile, ma crollano i decessi

Sono 'solo' 7 i decessi registrati in 24 ore in tutta la Svizzera, 61 i ricoveri. Il trend dei contagi e l'incidenza restano tuttavia abbastanza stabili
Svizzera
1 gior

Berset: "entro l'estate vaccini a chi lo desidera"

Lo ha ribadito il Consigliere federale durante una visita in Argovia. In arrivo nuove forniture di vaccini
Svizzera
1 gior

Michael Schöll dirigerà l'Ufficio federale di giustizia

Nominata anche la nuova segretaria di stato della migrazione da gennaio 2022: Christine Schraner Burgener subentrerà a Mario Gattiker
Svizzera
2 gior

Cassis sul ‘caso Krähenbühl’: è un affare interno all’Onu

Il ministro degli esteri ticinese torna in un’intervista alla Rsi sulla vicenda sfociata nelle dimissioni dell’ex Commissario generale dell’Unrwa
Svizzera
2 gior

Aperture prudenti, UDC e PLR delusi, gli altri partiti no

Marco Chiesa, presidente Udc, definisce 'un affronto' le prudenti aperture decise dal Consiglio federale. Critico anche il Plr, la sinistra sostiene le misure
Svizzera
2 gior

Paesi a rischio, mezza Italia nella lista nera

I Paesi e regioni vengono inclusi nell'elenco dal momento in cui presentano un rischio di contagio superiore alla Svizzera
Svizzera
2 gior

Berna anticipa le prossime riaperture e dà respiro ai giovani

Accolte le richieste dei cantoni di anticipare al 22 marzo i prossimi allentamenti. Ok a sport e cultura per i giovani fino a 20 anni senza pubblico
Svizzera
2 gior

Nuovo procuratore generale, la Commissione continuerà a cercare

Non è stata raggiunta l'unanimità sul nome del successore di Michael Lauber alla guida del Ministero pubblico della Confederazione
Svizzera
2 gior

In Svizzera più casi su più test, ricoveri stabili, 16 morti

Tasso di positività ancora sotto la soglia del 5%, incidenza dei casi stabile
Svizzera
2 gior

I medici svizzeri: pagati troppo poco per le vaccinazioni

L'associazione Medici di famiglia e dell'infanzia Svizzera (mfe) e quella professionale dei medici svizzeri (FMH) criticano l'importo di 24,50 per trattamento
Svizzera
2 gior

Chiesa sul Consiglio federale: ‘Ha introdotto una dittatura’

Il presidente dell'Udc critica l'operato del governo, in particolare quello del ministro della sanità Alain Berset
Svizzera
23.02.2021 - 19:440

In Svizzera un’identità elettronica tra pubblico e privato

Lo Stato relegato al rango di semplice fornitore di dati? La questione è al centro del dibattito sulla legge in votazione il 7 marzo.

Un’identità elettronica (Ie) unica, certificata dallo Stato, al posto di decine di nomi utente e password diversi, non sempre sicuri. Promette di rendere la vita su internet (e non solo) più facile ai cittadini la nuova legge in votazione il 7 marzo. Al centro del dibattito, la gestione privata dell’Ie. La partita, stando ai primi sondaggi, è aperta.

Diversi Paesi europei hanno già compiuto il passo, affidandosi a fornitori di Ie pubblici, privati o a entrambi. La Svizzera è in ritardo. Il Consiglio federale ha rilanciato il dossier alla fine del 2016. Grazie all’Ie, sottolinea oggi il Governo, potremo “acquistare merci e fruire di servizi in linea in modo semplice e sicuro: senza doversi sottoporre a macchinose procedure d’identificazione o doversi presentare di persona”.

Privato e pubblico

Il ‘nodo’, come detto, è il ruolo rispettivo dello Stato e del settore privato. La legge approvata nel 2019 dal Parlamento lascia essenzialmente alle aziende private il compito di emettere una Ie. La creazione di un ‘passaporto digitale’ invece dev’essere appannaggio dello Stato, affermano gli oppositori. Con la nuova legge la Confederazione sarà relegata al rango di semplice fornitore di dati, denunciano Digitale Gesellschaft (Società digitale), l’organizzazione svizzera Campax, la piattaforma We collect e l’associazione Public Beta, all’origine del referendum. Secondo loro, gli attori privati non dovrebbero assumere questa responsabilità e trarne profitto. 

La liberalizzazione dell’Ie è stata preferita alla protezione dei dati dei cittadini, critica il campo del ‘no’, di cui fanno parte anche Ps, Verdi liberali, Verdi, Unione sindacale svizzera (Uss), Travail.Suisse e diverse organizzazioni degli anziani. “Ogni operazione effettuata online sarà registrata su un database centralizzato. Anche se i dati dovranno essere cancellati ogni sei mesi, la loro esistenza è un rischio per l’utente”, dice Daniel Graf, co-fondatore di Public Beta. L’esperto cita vari attacchi informatici, tra cui quello contro Swisscom. Simili registri a suo parere non dovrebbero esistere.

Chiara suddivisione dei ruoli

Consiglio federale e partiti borghesi non sono d’accordo. La Confederazione mantiene la sua funzione sovrana: verifica l’identità degli utenti, certifica i fornitori e controlla il rispetto della legge. I fornitori, quanto a loro, si occupano dell’implementazione tecnica. La suddivisione delle responsabilità tra lo Stato e il settore privato permetterà ai fornitori di reagire in modo flessibile e rapido agli sviluppi tecnici e ai bisogni dei diversi gruppi di persone, scrive il Consiglio federale. Gli utenti possono confrontare le offerte disponibili e scegliere la soluzione migliore per loro.

I ruoli sono chiari e il progetto è sicuro, insiste la ‘ministra’ di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter (Plr). Alcune disposizioni vanno addirittura oltre quanto prevede la legge federale sulla protezione dei dati. Da un lato, i dati possono essere comunicati unicamente con il consenso esplicito del titolare dell’Ie; dall’altro, i fornitori possono utilizzarli soltanto a fini d’identificazione e non possono trasmetterli a terzi. Non a caso lo stesso ‘Mister dati’ Adrian Lobsiger si è espresso a favore della legge. Anche una maggioranza dei cantoni e le associazioni economiche sono per il ‘si’. A loro parere, il progetto farà avanzare la digitalizzazione della società.

L’Ie, però, non è affatto un ‘passaporto digitale’. Non permetterà al suo titolare di attraversare le frontiere, sostiene Karin Keller-Sutter. È soltanto un “login qualificato’ opzionale. E nessuno sarà costretto ad usarlo.

Daniel Graf riconosce che l’Ie non permette di viaggiare, ma è convinto che sia solo una questione di anni. Progetti in questo senso vengono già sviluppati a livello internazionale ed europeo. “Tra cinque o dieci anni, la Svizzera seguirà l’esempio e l’Ie a gestione privata sarà la base del futuro passaporto digitale ufficiale”.

Necessaria ora

Un ‘no’ al progetto non sarebbe sistematicamente un ‘sì’ ad una soluzione puramente statale, avvertono i sostenitori del testo. Una simile soluzione non sarebbe necessariamente fattibile dal punto di vista politico o tecnico, e richiederebbe altri anni prima di essere attuata. Se vuole stare al passo con i tempi, la Svizzera ha però bisogno di una Ie nazionale in tempi rapidi. Il canton Sciaffusa già ce l’ha, così come la città di Zugo, replica il comitato referendario. Il Liechtenstein è riuscito a farlo nel giro di un anno. Anche la Svizzera dovrebbe essere in grado di seguire facilmente l’esempio.

 

Che cos’è

Gli svizzeri collezionano nomi utente e password online. La loro sicurezza a volte lascia a desiderare. La Confederazione vuole rimediare a questo problema creando una chiave unica, certificata dallo Stato: l’identità elettronica (Ie).

L’Ie è un identificativo che permette di accedere a numerosi servizi online. Renderà possibile leggere il giornale, fare shopping, sottoscrivere un abbonamento, aprire un conto bancario, pagare una fattura, acquistare un biglietto del treno o ancora ordinare un estratto del casellario giudiziale online con una sola chiave.

Lo strumento non è però un documento di viaggio, secondo il disegno di legge sottoposto a votazione popolare il 7 marzo. Non sostituisce la carta d’identità o il passaporto. Al suo utente non è concesso alcun diritto supplementare. Nessuno sarà obbligato a usare l’Ie. Chi intende acquistare online potrà continuare a farlo anche senza di essa.

L’aspetto concreto dell’Ie è ancora incerto. Potrebbe essere una chiavetta Usb, una smart card o ancora una app che può leggere il codice Qr. Saranno i fornitori a deciderlo. Neppure il costo dell’Ie è noto. Il Consiglio federale intende incoraggiare i fornitori a metterla gratuitamente a disposizione dei cittadini. Tuttavia, una partecipazione ai costi non è esclusa. Stando al Consiglio federale, non dovrebbe essere eccessivamente elevata, vista la concorrenza tra i fornitori.

 

Come funziona

Se la legge verrà accolta il 7 marzo, l’identità elettronica (Ie) vedrà la luce grazie a un partenariato pubblico-privato. Lo Stato sarà responsabile della certificazione dei fornitori, del controllo dell’identità dei cittadini e del monitoraggio dell’applicazione della legge. I fornitori, dal canto loro, stabiliranno e gestiranno le Ie.

Chiunque ne voglia una dovrà scegliere un fornitore riconosciuto dallo Stato. Potrà trattarsi di un’azienda, ma anche di un cantone o di un comune. Diverse entità la offrono già. Il canton Sciaffusa, per esempio: propone un’identità elettronica sotto forma di app, che può essere utilizzata tra l’altro per la dichiarazione delle imposte o i cambiamenti dello stato civile. SwissSign (di cui fanno parte anche Ffs, Swisscom, diverse banche e assicurazioni) ha creato SwissID. Mentre Cloud Trust ha sviluppato l’Ie per la cartella clinica elettronica.

Tutti e tre, così come tutti i nuovi attori che si cimenteranno in questo settore, prima di poter emettere delle Ie ufficiali dovranno essere certificati da una commissione federale creata appositamente. Dopo aver ricevuto una richiesta da un potenziale utente, il fornitore riconosciuto contatterà l’Ufficio federale di polizia (Fedpol), che controllerà i suoi dati e darà il via libera. Solo a quel punto una Ie potrà essere creata e utilizzata su Internet. A condizione che l’interessato vi abbia acconsentito, Fedpol trasmette al fornitore soltanto i dati assolutamente necessari.

Anche l’utilizzo dell’identità elettronica sarà regolato e supervisionato dallo Stato. La stessa commissione avrà il compito di controllare che i fornitori rispettino la legge, in particolare in materia di sicurezza e protezione dei dati. Se viene riscontrata un’infrazione, la certificazione di un fornitore può essere revocata.

Nel concreto, i fornitori saranno tenuti a memorizzare separatamente su server in Svizzera tre serie di dati: i dati di identificazione, i dati opzionali e dati di utilizzo. I primi includono cognome, nome, data e luogo di nascita, sesso, nazionalità e una fotografia. I secondi (può trattarsi di un indirizzo postale o di un numero di telefono) sono presentati volontariamente dall’utente. Nella terza categoria rientrano i dati sono quelli raccolti dopo ogni uso dell’Ie. Per esempio, se un consumatore decide di comprare un divano online, il fornitore conoscerà l’importo e il luogo dell’acquisto – ma non la composizione esatta dell’acquisto.

Nel caso dell’ordinazione di un estratto dell’ufficio esecuzioni e fallimenti, il fornitore saprà che un documento è stato ordinato a quest’ultimo. Tuttavia, non avrà accesso al suo contenuto. Queste informazioni costituiscono i dati di utilizzo. Il fornitore dovrà cancellarli ogni sei mesi.

Gli utenti dovranno dare il loro consenso prima di ogni trasmissione dei loro dati. Qualsiasi altro uso è proibito. In particolare, i fornitori non possono trasmettere a terzi i dati degli utenti, né profili basati su di essi.

© Regiopress, All rights reserved