ginevra-dopo-sentenza-cedu-sospeso-il-divieto-di-elemosinare
(Ti-Press)
02.02.2021 - 15:54
Aggiornamento : 20:05

Ginevra, dopo sentenza Cedu sospeso il divieto di elemosinare

L'applicazione della legge è stata sospesa dal procuratore generale ginevrino Olivier Jornot dopo la sentenza della Corte Europera dei diritti dell'uomo

Chiedere l'elemosina per strada è nuovamente possibile a Ginevra. Il procuratore generale del cantone, Olivier Jornot, ha infatti sospeso l'applicazione di una legge che la vietava dopo la recente sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) che condannava la Svizzera.

Dopo la condanna della CEDU, Jornot - secondo quanto pubblicato dalla Tribune de Genève e confermato a Keystone-ATS dalla polizia giudiziaria - passa ora la palla nelle mani dei politici: "spetta a loro determinare se intendono abrogare la disposizione che vieta l'accattonaggio o modificarla, ad esempio limitando la repressione a determinati comportamenti (accattonaggio aggressivo, con i bambini) o in determinati luoghi", afferma il procuratore.

La vicenda giudicata dalla CEDU riguarda una romena analfabeta, nata nel 1992 e appartenente alla comunità rom. Era stata condannata nel gennaio del 2014 a una multa di 500 franchi per aver chiesto l'elemosina sulla pubblica via. La donna, che non aveva lavoro e non percepiva assistenza sociale, era stata successivamente posta in carcere preventivo per cinque giorni per non aver pagato la sanzione.

Secondo la Corte, la Svizzera ha violato l'articolo 8 che tutela il diritto al rispetto della vita privata e familiare, iscritto nella Convenzione europea dei diritti dell'uomo e dovrà pagare alla richiedente 922 euro per danni morali.

Leggi anche:

Multa a mendicante, Corte diritti umani condanna la Svizzera

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cedu elemosina ginevra olivier jornot
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved