in-ticino-dosi-da-altri-cantoni-per-la-seconda-somministrazione
(Keystone)
02.02.2021 - 14:01
Aggiornamento : 15:30

In Ticino dosi da altri cantoni per la seconda somministrazione

Berna e Lucerna cederanno parte delle loro dosi per coprire le carenze nei cantoni interessati, fra i quali anche il Ticino. Disponibilità anche da Friburgo

I cantoni potranno scambiarsi le dosi di vaccino per compensare i ritardi nella consegna. Berna e Lucerna vanno in aiuto dei cantoni le cui scorte sono terminate in modo che possano effettuare nel tempo previsto la seconda vaccinazione.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) raccomandano che la seconda dose sia somministrata in un intervallo da tre a sei settimane al massimo. I ritardi di consegna di Pfizer/BioNTech compromettono l'iniezione della seconda dose in Ticino, Appenzello Esterno, Glarona, Nidvaldo, Obvaldo, Sciaffusa, Soletta e Zugo.

Per garantire il rispetto delle scadenze, i cantoni hanno concordato uno scambio, ha indicato oggi la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS). Berna e Lucerna cederanno parte delle loro dosi. Questo contingente sarà sufficiente a coprire i bisogni dei cantoni interessati. Non sarà quindi necessario ricorrere all'aiuto del canton Friburgo, che ha anche offerto i suoi servizi.

Contingente invariato

I cantoni potranno aiutarsi a vicenda al di là di questi scambi, se necessario. Quelli che hanno ceduto dei vaccini riceveranno ulteriori dosi più tardi. Il numero totale di vaccini per cantone non cambia. Inoltre, i cantoni devono inoltre continuare ad accantonare le dosi per la seconda vaccinazione.

"Abbiamo potuto trovare una soluzione e breve termine", ha detto Michael Jordi, segretario generale della CDS alla stampa. L'UFSP continua a opporsi a una "distribuzione dinamica". Una tale borsa di scambi non deve diventare la norma, ha precisato.

La velocità con cui un cantone viene vaccinato non influenzerà il suo contingente di vaccino, che continuerà ad essere definito in base al numero di abitanti e alla percentuale della popolazione in relazione ai gruppi target. Occorre evitare cambiamenti dell'ultimo minuto nella pianificazione, ha sottolineato Jordi.

Per assicurare una estesa immunizzazione della popolazione, tutti i fornitori devono essere mobilitati, in particolare i medici e i farmacisti, ha aggiunto Jordi. La CDS sta attualmente negoziando con i vari partner - medici e assicuratori - per regolare le condizioni tariffarie e le disposizioni contrattuali.

La Svizzera ha dovuto rivedere il suo piano di vaccinazione a causa di problemi di consegna. Dovrebbe disporre di 650'000 dosi di vaccino anti Covid a febbraio invece degli 1,3 milioni inizialmente previsti. Tuttavia l'UFSP assicura che i ritardi saranno rapidamente recuperati. Attualmente Pfizer registra ritardi di consegna in tutta Europa. Rallentamenti nelle consegne si constatano anche da parte di Moderna.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus ticino vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved