ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
9 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
11 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
11 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
11 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
12 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
16 ore

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
19 ore

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
26.01.2021 - 15:08
Aggiornamento: 17:15

Task-force Covid-19: moderato ottimismo, ma ancora prudenza

Gli esperti della Confederazione evidenziano la tendenza al ribasso di infezioni, ricoveri e decessi, ma ancora tesa la situazione delle cure intense

task-force-covid-19-moderato-ottimismo-ma-ancora-prudenza
(Keystone)

Gli esperti della Confederazione sono moderatamente ottimisti circa l'evoluzione dell'epidemia di Covid-19 in Svizzera, anche se preoccupano le varianti del virus, in particolare quella "inglese", mentre finora non è stata trovato alcun caso di quella "brasiliana". Per questo le misure di protezione rimangono indispensabili.

Per Patrick Mathys dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) si nota una tendenza al ribasso di infezioni, ricoveri e decessi, ma non sono ancora le cifre che ci attendiamo. La situazione a livello di cure intense rimane infatti ancora tesa. Per essere più tranquilli, bisognerebbe arrivare a circa 300 casi al giorno.

Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV), ha dichiarato che i cantoni dispongono ora di direttive in merito alla vaccinazione del personale sanitario, anche perché in questo caso si notano differenze di approccio. I Cantoni devono tenere conto di alcuni criteri quando decidono di vaccinare il personale di cura, come l'importanza sistemica di questa persona o il grado di esposizione al virus. Ogni dose data a un membro del corpo sanitario è infatti una dose in meno per una persona a rischio, ha spiegato.

Per quanto attiene alle donne incinte, Berger ha sottolineato che al momento non si raccomanda la vaccinazione, visto che gli studi eseguiti dai produttori sul vaccino hanno escluso questo gruppo di persone. Tuttavia, in casi singoli e motivati è possibile procedere a un'immunizzazione. Ad ogni modo, le indicazioni potranno cambiare nei prossimi mesi quando si avranno maggiori dati sulle donne in stato interessante.

Sul fronte dei vaccini, Nora Kronig dell'UFSP ha affermato che la situazione viene osservata da vicino, soprattutto in merito al rallentamento delle forniture da parte di Pfizer/BioNtech. Tutto ciò crea incertezza e difficoltà per i Cantoni a livello di pianificazione delle vaccinazioni. Al momento, sul nostro territorio ci sono 135 mila dosi di vaccino (500 mila quelle previste per gennaio). Da febbraio dovrebbero giungere in Svizzera un milione di dosi, se tutto va come previsto, e col tempo il ritmo delle vaccinazioni dovrebbe aumentare. L'obiettivo del Consiglio federale è vaccinare la maggior parte della popolazione in Svizzera che desidera farlo entro l'estate.

Martin Ackermann della Task Force del Consiglio federale ha ribadito di essere soddisfatto dal comportamento della popolazione durante le feste natalizie, ciò che ha impedito il temuto incremento delle infezioni. Tuttavia, la task Force è preoccupata dalle mutazioni del virus presenti in Svizzera, soprattutto dalla variante "inglese", molto più contagiosa. In marzo, stando alle nostre stime, questa variante rischia di diventare predominante nei nuovi casi di infezione. Per questo motivo bisogna continuare a seguire le regole igieniche di base e limitare i contatti, ha sottolineato lo specialista.

Ad ogni modo, secondo Ackermann non si sa ancora se la nuova variante sia anche più letale del "normale" virus. Di sicuro è sensibilmente più contagiosa, ciò che potrebbe sfociare in un maggior numero di ricoveri e di decessi nelle prossime settimane. Anche se il tasso di riproduzione si abbassa, il numero di infezioni dovute alla mutazioni cresce, ciò che incita alla prudenza. Insomma, isolamento e quarantena vanno mantenuti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved